Ian Anderson festeggia il Natale a Bologna

a IMG 0122di Douglas Cole e Alfio Morelli

Ian Anderson torna in Italia, e ancora una volta per un’occasione benefica: le due esclusive date pre-natalizie hanno soltanto anticipato il tour primaverile, ma hanno permesso al Fondo Ambiente Italiano di raccogliere fondi per i restauri delle stesse location del concerto.
Il 12 dicembre a Bologna, presso la chiesa di San Salvatore, e il 13 a Reggio Emilia, presso la Basilica della Ghiara, il famoso “elfo” del rock anni Settanta e la sua formazione hanno proposto una scaletta di pezzi natalizi e, naturalmente, dei Jethro Tull.
Attratti dalla location suggestiva, siamo andati a Bologna a presenziare l’evento e a chiacchierare con i tecnici coinvolti. Abbiamo trovato, tra l’altro, per la prima volta utilizzato come impianto audio principale la recente L-Acoustics Syva, fornito da Mordente Music Service.

b IMG 0131Giuseppe Pellicciari – Mordente Music Service

“Tempo fa – racconta Giuseppe – avevo già lavorato con Ian Anderson insieme all’orchestra sinfonica, presso i palazzi di Parma e di Cesena. Gli organizzatori di allora sono gli stessi di questo evento, che prevede due giornate di beneficenza a Reggio Emilia e a Bologna. Oggi è previsto Ian Anderson con una serie di ospiti che ancora non conosco; lui sta portando avanti questo tour europeo da anni: nelle cattedrali ogni Natale fa un programma particolare, sempre sostenuto dalla sua formazione. L’organizzatore è il FAI: in occasione dell’anniversario della costruzione della basilica, il ricavato al netto delle spese andrà tutto come contributo per i restauri della chiesa.
“Quando mi hanno chiamato, tra le varie possibilità avevo pensato a L-Acoustic KIVA: un sistema appoggiato, perfetto per la chiesa dove non si possono mettere tralicci; poi, altra possibilità nelle simulazioni, ARCS Wide come front e delay per le navate. Alla fine mi è capitata questa possibilità di usare il Syva, l’ho proposto al fonico e subito l’abbiamo scelto per l’allestimento”.

Loro in quanti suonano?
Un tastierista, un bassista, un chitarrista, un batterista, e ovviamente Ian con i suoi vari strumenti, dal flauto a varie chitarre. Non è un concerto rock, ovviamente, e comunque l’impianto dal punto di vista della pressione sonora ne può fare molta di più di quella che usiamo qui. La simulazione di impatto acustico l’ho fatta con Soundvision, esattamente con i diffusori che vedi montati: il perito che poi ha fatto la relazione definitiva per l’intendenza, ha messo in risalto il fatto che la copertura è su tutta la navata e la sporcatura delle pareti è molto controllata. Sembra l’impianto ideale per queste situazioni: la Sisme mi ha fornito altre due Syva oltre alle due che ho comprato; io sono cliente L-Acoustics e sono stato incuriosito da queste “colonne” sonore.

Tu che genere di lavori fai?
Soprattutto tour teatrali con musicisti, musical, eccetera. Anche per questo apprezzo molto l’impatto visivo di questo sistema, unito alla resa. L’assemblaggio poi è comodissimo, e serve meno di un furgone. Una cosa che mi lascia perplesso è che non hanno messo una maniglia: si vede che l’hanno pensato per delle collocazioni particolari. Per il live hanno tutta un’altra gamma.

Cosa avete fornito per la regia?
Abbiamo due Midas M32, uno standard. Li hanno chiesti loro, tra l’altro, sono arrivati con la loro chiavetta, e quindi è stato molto facile. Uno è qui, e uno sul palco: per il monitoraggio tutti usano gli in-ear, alcuni a filo e alcuni radio. Ci sono comunque due monitor fisici, due DX12, ma il palco è molto silenzioso. Loro hanno fatto la richiesta di uno splitter passivo analogico, come si faceva una volta, per avere dei guadagni indipendenti.

b IMG 0113Giovanni Marzi – Lighting designer

“Io impersono tutta la crew lighting – ci dice Giovanni – una one-man band! Dalla produzione estera non sono arrivate indicazioni, solo una scheda di tour rider tecnico, per la fornitura elettrica necessaria nelle due chiese. Abbiamo composto un setup luci che permettesse di illuminare le chiese e il palco, ma con assorbimento limitato. Qui a Bologna abbiamo iniziato a lavorare solo dalle due di pomeriggio, dato che c’erano le funzioni religiose. Il setup è stato pensato anche considerando queste situazioni”.
“La richiesta è stata semplicemente quella di illuminare la band e le architetture, secondo il mio puro piacere e gusto, senza indicazioni. Avevo già fatto questo spettacolo quattro o cinque anni fa: la configurazione era identica, per le luci non cambia nulla. Invece, per la tecnologia delle luci è cambiato molto in questi pochi anni, e qui adesso sto usando molti bei fari a batteria disseminati ovunque. Questi sono tutti in RGBW e controllati in wireless: ognuno di questi faretti può diventare un ripetitore, e puoi mandare al primo il segnale DMX e quello inizia a trasmettere agli altri. Lo fanno tutte in automatico – comodo anche se a volte può essere controproducente. Lo scanning vede le frequenze più libere in automatico, sempre in automatico aggancia la frequenza più forte, e non ci sono particolari conflitti. Questi fari sono della Both Lighting di Guangzhou, che noi della Octavius Corporation da Santarcangelo siamo andati a prendere direttamente da loro. Oltre ai dodici fari a batteria, ho connesso in DMX soltanto le sedici teste mobili Robe LEDWash 300, otto appesi e gli altri in giro per terra”.

b IMG 0136Mike Downs – Fonico di sala

“Lavoro con Ian Anderson – ci dice Mike – da 25 anni. Questo tipo di data è un po’ anomalo: con i Jethro Tull giriamo sempre con una produzione intera o, al minimo, una mezza produzione. Invece, per queste date una tantum o toccata e fuga si prende tutto, compreso backline, sul posto. La composizione del gruppo è Ian più altri quattro musicisti. Il programma musicale è una combinazione di musica sua, musica natalizia, e varie altre cose divertenti. Poi ci sono degli ospiti che parlano e un coro. Ovviamente, quando la data è a scopo di beneficenza, meno spese ci sono su materiale e produzione, più si riesce a contribuire alla causa. Perciò, praticamente giriamo ognuno con un Pelican Case da 20 kg con moduli, processori, sistema radiomicrofonico, più strumenti a corde. Io porto dietro qualche microfono: uso sempre i miei per i tom e per la cassa. Per il resto usiamo dei Shure Beta57 e Beta58, che ogni service nel mondo può fornire. Ian usa un KSM8 per la voce, e poi ha il suo personale Shure WL-51 per il flauto.
“Per quanto riguarda i tecnici e il service – continua Mike – è la prima volta che lavoro con questi ragazzi in Italia e sono stati veramente bravi… particolarmente considerando lo stress dei tempi stretti che abbiamo avuto”.

Questo è il solito tipo di venue per questi eventi?
Assolutamente no! Generalmente siamo nei teatri, se suonano bene, o nelle sale concerti. Abbiamo suonato nelle chiese in Italia qualche anno fa, ma questa di gran lungo è la sfida più grande che ho mai affrontato. Non penso di aver provato a sonorizzare qualcosa in una chiesa con caratteristiche acustiche come questa: i tempi di riverbero qui si misurano con il calendario. Siamo molto contenti di essere qui, ma è veramente una sfida. Suoniamo nelle cattedrali in Gran Bretagna, ma sono più facili di questa… hanno delle navate centrali più larghe e il riverbero non torna così velocemente, i pavimenti sono più ruvidi, i soffiti non sono così voluminosi e le caratteristiche architetturali non sono tutte così regolari e lisce.
Quando sono entrato qui ho battuto subito le mani, ed era ancora udibile dopo dieci secondi… mi sono detto “oggi sarà difficile”. Anche nella cattedrale di Canturbury c’è un riverbero massiccio e lungo, ma è di una qualità distante e profondo. Qui, invece, il riverbero ha uno spettro molto più alto e rimane molto più presente.
In una sala come questa, se qualche frequenza è minimamente troppo alta, gira nella sala per 5 o 6 secondi; e qui sembra che ogni strumento abbia qualche frequenza che rimbalza molto. Quando è così, il lavoro del fonico non è più il semplice mixaggio, ma stare dietro alle frequenze. È molto frustrante! Spero che, quando si riempirà la navata centrale, il pubblico assorbirà un po’: il vero soundcheck sarà il primo brano. Combattero sicuramente con il riverbero per i primi pezzi, ma spero di trovare un equilibrio velocemente.

C’è qualche sorgente amplificata sul palco, o solo sorgenti acustiche?
C’è un singolo wedge – niente sidefill –, ma aggiungi un 2x12” per la chitarra, una cassa con 15” più tromba delle tastiere, e una batteria acustica. Hanno degli IEM, ma Ian è abituato a lavorare con almeno un po’ di suono sul palco. I musicisti sono di altissimo livello, e senza doverlo chiedere tengono il volume molto contenuto. Meno male, anche perché il backline da solo potrebbe subissare questa sala.
Il fonico dei monitor della band è il bravissimo Emanuele “Manny” Giovagnoli, italiano trapiantato in Inghilterra che lavora con noi da diversi anni.

Hai richiesto tu la piccola Midas per la regia?
La proposta iniziale del service era una console DiGiCo che, in realtà, generalmente preferisco. Ho impostazioni di base già create per DiGiCo, M32 e Pro6, Yamaha CL5, e Yamaha Rivage. Inizialmente, però, pensavamo che non ci sarebbe stato molto spazio per una regia, e abbiamo cercato di semplificare chiedendo la Midas M32: più posti a sedere si possono avere, più soldi si riescono a raccogliere, dato che ogni centesimo, mi dicono, è destinato in beneficienza. Invece, è risultato che lo spazio non era così critico e che avremmo potuto usare DiGiCo. Comunque, uso solo 26/27 canali e M32 fa il suo lavoro.
Abbiamo la stagebox Midas DL32 come splitter, così che tra la console FoH, la console monitor e lo stagebox servono solo un paio di Cat5, main e spare.
Per questo tipo di data mi adeguo a usare tutto all’interno della console… infatti, quasi tutti le console di oggi – a parte forse Avid, che appositamente si basa proprio sull’utilizzo di plug-in – hanno internamente sufficienti processori di dinamica ed effetti per fare cose molto più complesse di quanto necessario qui.

Avevi specificato questo impianto, o è stato proposto dal service?
Conoscendo in anticipo il tipo di sala, sapevo che avrei dovuto usare un sistema molto distribuito, con nessuno nel pubblico più distante di 15 m da una cassa, contando che il suono diretto deve essere sostanzialmente più alto del riverbero… nel soundcheck, però, non era ancora proprio il caso.
Quando ho passato la richiesta di avere un sistema con diverse linee di delay, la proposta originale era un sistema distribuito con le ARCS Wide e alcuni altri diffusori L-Acoustics più piccoli. Nella mia opinione, L-Acoustics costruisce tra i migliori diffusori compatti disponibili: ero già contento semplicemente sapendo chi era il fornitore.
Poi mi ha ricontattato il service, proponendo l’uso di questo nuovo sistema, Syva. Ho cercato le caratteristiche, e risulta essere un “sistemino” molto potente e in grado di produrre un grande volume – cosa che assolutamente non faremo qui dentro!
Abbiamo davanti al palco i due sistemi Syva, e – anche se le Syva hanno un’apertura molto ampia – delle casse L-Acoustics coassiali appoggiate sul corrimano in marmo per riempire in mezzo. Visto che c’è il pubblico anche ai lati del palco, i lati del transetto sono coperti da un paio di X12. Poi ci sono due linee di ritardo: la prima con altri Syva, la seconda con un altro paio di L-Acoustics coassiali da 8” per la gente in fondo, che eviterò di accendere se non necessario – creerebbero infatti più riflessi, e di quelli ne abbiamo già troppi.
Per motivi di tempo a disposizione, oggi pomeriggio ho fatto tutti i delay direttamente dalla console. Per quanto riguarda le prove della sala, stessa cira: provando con rumore rosa, come faccio di solito per identificare le frequenze problematiche, mi sono reso conto in un attimo che era inutile… l’intero spettro è problematico qui. Mi sarebbe piaciuto usare Smaart e fare tutto come si deve, ma delle volte semplicemente non c’è il tempo. Anche i tempi per i delay li abbiamo misurati con un telemetro a laser, e poi con l’orecchio… praticamente con la versione moderna del metro a nastro.
Comunque, sto usando e ascoltando Syva oggi per la prima volta. Quando ho acceso e ascoltato un po’ solo le casse più vicine a me, onestamente sembrava un impianto hi-fi ma con molto più potenza… non lo userei per fare i Metallica, ma mi ha sorpreso molto in termini di fedeltà e potenza. Il chitarrista è venuto fuori a sentirlo e ha detto che sembrava un monitoraggio in studio, posizionandosi davanti alle casse in campo diretto… solo con un riverbero molto esagerato.
Sspero di poter ascoltarlo in un ambiente un po’ più secco!

Il concerto

La serata è stata veramente un piacere. Gli interessanti arrangiamenti di Anderson dei brani natalizi e non – oltre alla sua semplice presenza in questo contesto – hanno attirato un pubblico molto diversificato. C’erano degli hippy, fan sfegatati dei Jethro Tull, insieme a dei membri dell’alta società bolognese e parrocchiani di San Salvatore presenti, più che altro, probabilmente per contribuire alla causa.
Marzi ha fatto un ottimo lavoro con l’illuminotecnica – un progetto forse facilitato dalla suggestività dell’architettura della stessa chiesa – creando dei look che viaggiavano dall’intimo al maestoso.
Per quanto riguarda l’audio, tutti quelli coinvolti hanno dovuto affrontare una sfida notevole con il gruppo posizionato nel mezzo del transetto, a livello terra, davanti il presbiterio. Infatti, dopo gli interventi che hanno aperto il concerto, è servito quasi tutto il primo brano strumentale a rendere ascoltabile la musica; dopodiché c’è stata un’ulteriore corsa a risistemare il suono per il coro. Forse anche grazie all’aiuto della temperatura piuttosto ridotta nella chiesa, e il conseguente indossamento di cappotti pesanti dalla maggior parte del pubblico, Downs è riuscito abbastanza velocemente a domare – o almeno di venire a patti con – il riverbero straordinario di San Salvatore, e a restituire un audio gradevole a tutta la gente seduta nella navata centrale.

a IMG 3779

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

Vuoi vedere altre foto e rimanere aggiornato sugli ultimi concerti? CLICCA QUI!

vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

Music Inside Rimini 2018 – +20% di presenze

La manifestazione si conferma punto di riferimento per il settore dello show business.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Pink Floyd Legend

Venerdì 7 settembre la tribute band romana ha chiuso la stagione dello Sferisterio di Macerata, portando in scena il leggendario Atom Heart Mother.

Live Concert

Leggi tutto...

Asta On Line

Materiale audio e video professionale all’asta a Pesaro: videoproiettori, ottiche, diffusori audio, console audio e molto altro. L’asta rimarrà aperta fino al 20 febbraio.

News

Leggi tutto...

Sennheiser evolution wireless G4

Sennheiser ha recentemente rinnovato la sua popolare serie di sistemi a radiofrequenza “evolution wireless”, ormai arrivata alla quarta generazione.

Prodotto

Leggi tutto...

High End Systems Hog 4-18 e OS v3.11

High End Systems annuncia il rilascio della console di punta Hog 4-18, insieme col nuovo software OS v3.11. Inoltre, la società ha iniziato una nuova collaborazione con il software di visualizzazione...

News

Leggi tutto...

Max, Nek, Renga

I tre artisti in un tour con un concerto pieno di successi: una grande festa da condividere con un pubblico entusiasta e divertito.

Live Concert

Leggi tutto...

Outline Superfly – Video-diario itinerante: Australian Pink Floyd Tour

Outline propone una video intervista al fonico ed al PA engineer in tournée con il più noto Pink Floyd tribute a livello internazionale. 

Live Concert

Leggi tutto...

Aggiornamento firmware/software Outline Newton

Outline annuncia la nuova versione firmware v.93 per la piattaforma di processing Newton, e la versione software 1.8.1 di Dashboard, applicazione per il controllo remoto del dispositivo.

News

Leggi tutto...

Corso disguise – Fundamental Training

Il 26 e 27 aprile, a Torino, RM Multimedia organizza un corso di formazione sui fondamentali del sistema di elaborazione video e mediaserver disguise.

News

Leggi tutto...

QSC K12.2 – DIFFUSORE AMPLIFICATO

Introdotti nel 2009, i diffusori QSC serie K hanno avuto un notevole impatto sull’ampio mercato delle casse acustiche portatili polivalenti con amplificazione interna. L’anno scorso, la casa costruttrice californiana ha...

Prodotto

Leggi tutto...

I più Popolari

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:28615

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:24026

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:22227

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:20535

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:18106

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:17745

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:17056

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15815

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15769

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14850

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.