Audio networking - Seconda Parte

03 Set 2017

di Michele Viola

figura5

Figura 1: Strati, protocolli e interfacce.

figura6

Figura 2: Dialogo tra filosofi stranieri.

figura9

Figura 3: Il modello ISO/OSI.

figura10

Figura 4: ISO/OSI e TCP/IP.

Il tumultuoso sviluppo delle tecnologie finalizzate al trasporto di dati digitali in rete negli ultimi anni, principalmente legato alla notevole spinta proveniente dal mercato consumer, ha portato con sé una semplificazione ed una riduzione dei costi delle corrispondenti tecnologie orientate al mercato professionale.

Ethernet, come accennato nello scorso numero, è passata dai 10/100 Mb/s di dieci anni fa fino agli attuali 10/100 Gb/s, e si prepara per i 400 Gb/s. Già da qualche anno è comune trovare, anche in ambito consumer, dispositivi da 1 Gb/s (1000BASE‑T).

Un canale audio PCM a 24 bit/48 kHz non compresso, considerando una certa ridondanza dovuta all’aggiunta dei bit di servizio (indirizzi di mittente e destinatario, simboli di inizio e fine pacchetto, ecc) impegna circa 1,5 Mbit/s. Uno stream di 24 canali richiederà quindi approssimativamente 36 Mbit/s, ovvero appena il 3,6% della capacità di un comune collegamento Gigabit Ethernet, perlomeno in condizioni ideali. Per uno stream più serio, diciamo 64 canali, occorreranno circa 100 Mbit/s, e qui ci avviciniamo al 10% della capacità del collegamento. Visto così, pur banalizzando un po’, non sembra un compito eccessivamente gravoso, almeno dal punto di vista tecnologico.

In effetti, come abbiamo già accennato la volta scorsa, i problemi relativi al trasporto audio non riguardano tanto la fattibilità quanto, ad esempio, l’interoperabilità tra dispositivi di diversi costruttori. Questo si potrà risolvere solo quando sarà condiviso e sufficientemente diffuso un appropriato insieme di standard.

Tra gli organismi istituzionali più attivi nel campo della standardizzazione delle tecnologie legate all’audio (e video) networking ci sono AES (Audio Engineering Society) e IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers).

Sia IEEE, sia AES hanno più o meno recentemente rilasciato una serie di standard per agevolare il trasporto in rete di segnali audio-video.

In particolare, Audio Video Bridging (AVB) è il nome di una serie di standard tecnici sviluppati da IEEE, nell’ambito dei protocolli IEEE 802.1 che riguardano in particolare le comunicazioni in rete locale (LAN, Local Area Network) o mediamente estesa (MAN, Metropolitan Area Network). Si tratta di servizi e protocolli che si posizionano sul livello 2 dello stack ISO/OSI.

AES67 è invece uno standard aperto inizialmente pubblicato da AES nel settembre 2013 e successivamente aggiornato. È una suite di protocolli di livello 3, basati su standard esistenti, pensata per permettere l’interoperabilità tra sistemi di trasporto audio su reti IP come, per citare solamente i due più popolari, RAVENNA di ALC NetworX e Dante di Audinate. AES67 offre anche la compatibilità a livello 2 con AVB.

Di cosa stiamo parlando? È forse il caso di richiamare qui alcuni elementi sulla struttura delle reti di trasmissione dati, e in particolare il concetto di architettura di rete.

L’architettura di rete

Strati, protocolli e interfacce

Il progetto di un’architettura di rete è una faccenda piuttosto complessa. Al fine di ridurre tale complessità, si cerca in qualche modo di suddividere il problema in tanti sotto-problemi più semplici, ciascuno dei quali realizza una parte del compito.

Le reti di trasporto dati sono tipicamente organizzate in una serie di “strati”, costruiti uno sopra l’altro (figura 1). Ciascuno strato offre dei servizi agli strati superiori, nascondendo i dettagli su come questi servizi sono effettivamente implementati.

In pratica, lo strato n di una macchina instaura volta per volta una comunicazione con lo strato n di un’altra macchina. Le regole e le convenzioni utilizzate in questa comunicazione sono chiamate, nel loro insieme, protocollo dello strato n.

In realtà, nessun dato è trasferito direttamente dal livello n di una macchina al livello n di un’altra macchina: ciascuno strato passa dati e controllo della comunicazione allo strato immediatamente sottostante, fino a quando viene raggiunto lo strato più basso. Sotto lo strato 1 c’è il mezzo fisico, attraverso il quale avviene effettivamente la comunicazione.

Tale stratificazione, oltre a permettere di organizzare l’approccio progettuale, può (e deve) rendere più semplice sostituire l’implementazione di uno strato con una completamente differente (ad esempio le linee telefoniche possono essere sostituite da collegamenti satellitari), perché tutto ciò che è richiesto dalla nuova implementazione è che offra esattamente lo stesso insieme di servizi allo strato direttamente superiore rispetto all’implementazione precedente.

Un insieme di strati e protocolli è chiamato architettura di rete. Le specifiche di un’architettura devono contenere abbastanza informazioni da permettere ad un ingegnere di scrivere un programma o di costruire un dispositivo hardware per ciascuno strato che si conformi correttamente al protocollo appropriato.

L’architettura pensatore-traduttore-segretaria

Un’analogia, tratta dal testo di Tanenbaum indicato nelle referenze, può contribuire a rendere più chiaro il concetto.

In riferimento alla figura 2, supponiamo due filosofi (processi paritari a livello 3), uno dei quali parla urdu e inglese mentre l’altro parla cinese e francese. Dato che non hanno un linguaggio comune, entrambi incaricano un traduttore (processi paritari al livello 2), ciascuno dei quali a sua volta incarica una segretaria (processi paritari al livello 1). Il filosofo 1 desidera comunicare il suo amore per i conigli al suo pari. Per fare questo, passa un messaggio (in inglese), attraverso l’interfaccia 2/3, al suo traduttore, dicendo: “I like rabbits”. I traduttori hanno concordato un linguaggio comune tra loro, ad esempio l’italiano, cosicché il messaggio diventa: “Mi piacciono i conigli”. La scelta del linguaggio è il protocollo dello strato 2 e coinvolge i processi paritari dello strato 2.

Il traduttore, dopo aver marcato il messaggio come “in lingua italiana”, consegna quindi il messaggio alla segretaria per la trasmissione, ad esempio via fax (il protocollo dello strato 1). Quando il messaggio arriva a destinazione, viene consegnato al traduttore che lo traduce in francese e lo passa al filosofo 2 attraverso l’interfaccia 2/3. Da notare il fatto che ciascun protocollo è completamente indipendente dagli altri, almeno finché l’interfaccia rimane la stessa. I traduttori possono cambiare la lingua italiana con, ad esempio, l’olandese, ammesso che entrambi siano d’accordo, senza cambiare nulla nelle interfacce verso lo strato 1 e verso lo strato 3. Allo stesso modo le segretarie possono cambiare dal fax all’e-mail, o al telefono, senza disturbare (o neppure informare) gli altri strati. Ciascun processo può aggiungere informazioni destinate solo al suo pari; queste informazioni non vengono passate agli strati superiori.

Tra i possibili modelli implementativi dell’architettura a strati, quelli in qualche modo rilevanti per le moderne architetture di rete sono due: il modello ISO/OSI e il modello TCP/IP.

Il modello ISO/OSI (figura 3) si basa su una proposta sviluppata dall’ISO (International Standard Organization) nel 1978 come un primo passo verso una standardizzazione a livello internazionale dei protocolli utilizzati nei vari strati. OSI sta per Open Systems Interconnection e si occupa proprio della connessione tra sistemi aperti, ovvero aperti per la comunicazione con altri sistemi.

Uno dei punti centrali del modello OSI è quello di introdurre chiaramente i concetti di servizi, interfacce e protocolli. OSI è nato prima dell’elaborazione dei protocolli, è un modello molto più generale di TCP/IP che, al contrario, è in qualche modo più “pratico” dato che è nato di fatto come descrizione di protocolli pre-esistenti.

Riferendosi alla figura 4, il livello 3, ovvero lo strato “internet” si occupa di inviare pacchetti di dati verso la destinazione. I compiti principali dei relativi protocolli sono la gestione dell’instradamento dei dati (routing) e il controllo delle congestioni (è analogo allo strato di rete del modello OSI). I pacchetti sono chiamati appunto “pacchetti IP” (Internet Protocol), ciascuno indirizzato ad un “indirizzo IP”.

Lo strato al di sopra, lo strato di trasporto, permette la conversazione tra sorgente e destinazione, proprio come il livello di trasporto OSI. A livello di trasporto, nello stack TCP/IP sono definiti due protocolli end-to-end, a cui abbiamo accennato nel numero scorso: TCP (Transmission Control Protocol) e UDP (User Datagram Protocol).

Lo strato più basso dello stack, qui detto “livello di accesso alla rete”, non è descritto in dettaglio nel modello TCP/IP e può variare da macchina a macchina e da rete a rete. Il livello inferiore dello stack TCP/IP corrisponde ai due livelli inferiori del modello ISO/OSI, il livello di collegamento e il livello fisico.

Il livello 1, ovvero il livello fisico, si occupa del trasferimento grezzo dei bit. Questioni tipiche, rilevanti a livello fisico, sono: quanti volt rappresentano un 1 e quanti uno zero, quanti microsecondi deve durare un bit, quanti pin deve avere il connettore e a cosa serve ciascun pin...

Il livello 2, generalmente, divide i dati da trasmettere in frame e li trasmette in sequenza. Dato che lo strato fisico si occupa solo della mera trasmissione di bit senza nessun riferimento ad un’eventuale struttura dei dati, lo strato di linea si deve anche occupare di riconoscere i limiti dei singoli frame; questo si ottiene tipicamente attaccando in testa ed in coda a ciascun frame dei pattern di bit riconoscibili. Un altro compito del livello di linea, che coinvolge spesso anche diversi strati superiori, è quello di gestire un’eventuale differenza nella capacità di scambio di dati tra i due estremi del collegamento, ovvero di evitare di sovraccaricare un ricevitore lento con una trasmissione troppo veloce. Qualche meccanismo di regolazione del traffico deve essere impiegato perché il trasmettitore sia informato sullo spazio di buffer attualmente libero al ricevitore. Spesso questa regolazione del flusso è integrata con la gestione degli errori.

Le reti broadcast hanno un problema ulteriore nel livello di linea: come controllare l’accesso al canale condiviso. Un particolare sottolivello dello strato data link, detto “sottolivello di accesso al mezzo” (medium access sublayer), si occupa di questo problema.

Il livello di accesso alla rete è il dominio, ad esempio, dei popolari standard di trasporto denominati comunemente Ethernet (IEEE 802.3, via cavo) e Wi-Fi (IEEE 802.11, wireless).

A questo punto ci fermiamo, rimandando al prossimo numero il seguito della trattazione, per arrivare ad una veloce rassegna dei principali protocolli di trasporto audio in rete, alla luce di quanto scritto finora.

Riferimenti

Andrew S. Tanenbaum: Computer Networks, fourth edition – PrenticeHall, Inc.

 

Vuoi saperne di più sulle nostre pubblicazioni nel settore dell'audio professionale? CLICCA QUI.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di settore? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER.

 

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:17913

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16866

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15854

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13885

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13698

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12588

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11679

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11515

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11102

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10901

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:63

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:350

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:441

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:86

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:143

Leggi tutto

Ayrton a PLASA 2017

Categoria: News

Ayrton a PLASA 2017

Ayrton prosegue le celebrazioni del proprio quindicesimo anniversario, con il lancio di nuovi ed interessanti prodotti alla 40a fiera PLASA a Londra.

Hits:171

Leggi tutto

Music & Lights @ Plasa2017

Categoria: News

Music & Lights @ Plasa2017

Una selezione di prodotti dei brand Prolight, ArchWork e DAD sarà in mostra presso lo stand del distributore UK, A.C. Entertainment Technologies (E30A), durante il...

Hits:200

Leggi tutto

High End Systems prepara il la…

Categoria: News

High End Systems prepara il lancio di SolaFrame 750 a PLASA 2017

High End Systems sta preparando il lancio del suo nuovo proiettore motorizzato SolaFrame 750 durante la prossima fiera PLASA 2017 di Londra.

Hits:170

Leggi tutto

GLP JDC1

Categoria: News

GLP JDC1

Lo strobo a LED JDC1, prodotto dall'azienda tedesca GLP, offre diverse interessanti particolarità, mai viste finora in una strobo.

Hits:270

Leggi tutto

50 anni per Neumann U87: arriv…

Categoria: News

50 anni per Neumann U87: arriva la Rhodium Edition

La celebrazione per il mezzo secolo di un classico

Hits:203

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.