Radiofrequenze - quinta parte

0
0
0
s2smodern

di Michele Viola

Quando si imposta un sistema di trasmissione a radiofrequenza, occorre porre particolare attenzione alla scelta delle frequenze, che devono essere compatibili tra loro. Ovviamente non devono esserci, in una stessa zona, due trasmettitori sintonizzati sulla stessa frequenza, ma questo non è in generale sufficiente a garantire l’assenza di reciproche interferenze: è necessario tenere conto delle armoniche di distorsione, compresi i cosiddetti prodotti di intermodulazione.

La distorsione armonica e la distorsione di intermodulazione

I dispositivi non lineari distorcono il segnale in ingresso, ovvero ne modificano la forma d’onda. Quando in ingresso ad un dispositivo non lineare è presente un segnale sinusoidale puro, in uscita si troverà un segnale in genere periodico ma non perfettamente sinusoidale. Analizzando lo spettro dei segnali di ingresso e di uscita, si può notare come lo spettro del segnale in ingresso sia composto di una singola riga verticale, mentre lo spettro del segnale di uscita sarà composto da una serie di righe, di frequenza pari ai multipli della frequenza del segnale in ingresso e di ampiezza generalmente decrescente al crescere della frequenza.

Tabella 1: le armoniche di distorsione fino al 5° ordine.
ordine armoniche esempio
1° ordine f1 - f2 400 MHz - 425 MHz
2° ordine 2f1 - 2f2 800 MHz - 850 MHz
3° ordine 3f1 - 3f2 1200 MHz - 1275 MHz
4° ordine 4f1 - 4f2 1600 MHz - 1700 MHz
5° ordine 5f1 - 5f2 2000 MHz - 2125 MHz

Quando due o più toni sinusoidali a frequenze diverse sono contemporaneamente presenti all’interno di uno stesso dispositivo non lineare si generano, oltre alle armoniche di distorsione generate da ciascuno dei due segnali, anche delle altre componenti spurie, chiamate prodotti di intermodulazione, che dipendono dall’interazione tra un tono e l’altro e che si posizionano, all’interno dello spettro, a frequenze multiple della somma e della differenza tra le frequenze dei toni in ingresso. Ciascuna armonica, poi, così come ciascun prodotto di intermodulazione, si combina con ciascuno degli altri per dare origine ad ulteriori componenti di intermodulazione di ordine superiore, di ampiezza via via decrescente in dipendenza dall’entità della distorsione.

Tabella 2: i prodotti di intermodulazione prodotti da due toni, fino al 5° ordine. L’ordine di ciascuna componente è la somma dei valori assoluti dei coefficienti assegnati alle due frequenze nella combinazione. Tra i prodotti di ordine dispari (in rosso) ci sono quelli situati alle frequenze più prossime ai toni originali (indicati nella prima riga), che possono quindi più facilmente disturbare altre comunicazioni su bande vicine.
ordine prodotti di intermodulazione esempio
1° ordine f1 f2 400 MHz - 425 MHz
2° ordine f1 + f2 f2 – f1 825 MHz - 25 MHz
3° ordine 2f1 – f2 2f2 – f1 375 MHz - 450 MHz
2f1 + f2 2f2 + f1 1225 MHz - 1250 MHz
4° ordine 2f1 + 2f2 1650 MHz
3f1 + f2 f1 + 3f1 1625 MHz - 1675 MHz
3f1 – f2 3f2 – f1 775 MHz - 875 MHz
5° ordine 3f1 – 2f2 3f2 – 2f1 350 MHz - 475 MHz
f1 + 4f2 4f1 + f2 2100 MHz - 2025 MHz
2f1 + 3f2 3f1 + 2f2 2075 MHz - 2050 MHz
4f1 – f2 4f2 – f1 1175 MHz - 1300 MHz
 ... 
7° ordine 4f1 – 3f2 4f2 – 3f1 325 MHz - 500 MHz
 ... 
9° ordine 5f1 – 4f2 5f2 – 4f1 300 MHz - 525 MHz

Le componenti spurie, ovvero le armoniche dei segnali originari e anche i prodotti di intermodulazione, se si trovano ad una frequenza prossima a quella della portante di un sistema di trasmissione radio possono interferire con il collegamento disturbandone la comunicazione.

I componenti non lineari

Il mezzo trasmissivo, ovvero l’aria (o il vuoto, o l’etere se volete: non discuteremo di questo, in questa occasione), è decisamente lineare rispetto alle perturbazioni elettromagnetiche provocate dalla propagazione delle onde radio, per cui il mezzo attraverso cui avviene la maggior parte della propagazione, ovvero lo spazio aperto, non si può ritenere responsabile delle non linearità capaci di generare armoniche o prodotti di intermodulazione di ampiezza significativa.

Dispositivi decisamente non lineari sono invece presenti tra i circuiti elettronici all’interno dei trasmettitori e dei ricevitori a radiofrequenza.

Le tecnologie di trasmissione e ricezione dei segnali a radiofrequenza sono infatti proprio basate su circuiti che in qualche modo introducono delle non linearità. Normalmente, la modulazione in trasmissione e la demodulazione in ricezione avvengono ad una frequenza più bassa rispetto alla frequenza di trasmissione, chiamata frequenza intermedia (perché è effettivamente intermedia tra le frequenze in banda base, ovvero le frequenze caratteristiche del segnale da trasmettere, e la frequenza della portante presente in antenna e trasmessa come segnale a radiofrequenza). Nel trasmettitore, poi, a valle del modulatore e prima dell’antenna, c’è un circuito moltiplicatore di frequenza che porta il segnale alla frequenza di trasmissione. In ricezione, al contrario, il segnale ricevuto viene amplificato per poi essere traslato in frequenza verso il basso, a frequenza intermedia, prima dell’estrazione del contenuto informativo in banda base attraverso la demodulazione.

La traslazione in frequenza, sia verso l’alto che verso il basso, viene realizzata, in linea di principio, proprio utilizzando l’intermodulazione all’interno di un componente non lineare1. In pratica, il segnale a frequenza intermedia viene inserito in un circuito non lineare insieme ad un tono sinusoidale a frequenza opportuna: in uscita, tra le componenti di distorsione prodotte dalla non-linearità, ci sono i prodotti di intermodulazione del secondo ordine, cioè quelli a frequenza pari alla somma e alla differenza delle frequenze in ingresso. In trasmissione si estrae (mediante un semplice filtraggio) la componente di frequenza pari alla somma, ottenendo un innalzamento della frequenza fino al valore adatto da iniettare in antenna, mentre in ricezione si estrae la componente di frequenza pari alla differenza, ottenendo un abbassamento della frequenza fino ad un valore adatto per i circuiti di demodulazione.

La nascita delle componenti spurie

Le componenti distorsive, quindi, nascono principalmente nei trasmettitori e nei ricevitori radio.

Quanto un trasmettitore è immerso in un segnale RF spurio sufficientemente forte, infatti, questo facilmente penetra all’interno dei circuiti elettrici e viene quindi elaborato e trasmesso insieme al segnale legittimo, insieme ai prodotti di intermodulazione prodotti dalle inevitabili non-linearità della catena (soprattutto all’interno del mixer, come spiegato sopra). Lo stesso può succedere in maniera del tutto analoga nei ricevitori, cioè il segnale spurio può entrare direttamente nel mixer, a valle del filtro RF, ma anche dalla porta principale, ovvero dall’antenna. Il filtro a radiofrequenza, infatti, per varie ragioni non può avere una banda molto stretta sulla frequenza da ricevere per cui tenderà a lasciarsi attraversare dalle componenti spurie a frequenze non troppo distanti dalla frequenza della portante legittima. Queste componenti spurie entreranno quindi nel mixer e genereranno qui le armoniche di distorsione e i prodotti di intermodulazione, interagendo tra loro così come con la frequenza generata dall’oscillatore locale. A frequenza intermedia, poi, è possibile costruire un filtro decisamente più selettivo, ma a quel punto le eventuali componenti spurie sovrapposte o molto prossime al segnale legittimo non potrebbero essere più eliminate.

Ma dov’è il problema, quindi?

Situazione tipo, decisamente non troppo complessa: i due chitarristi, a destra e a sinistra del palco, hanno ciascuno un trasmettitore radio collegato allo strumento e un ricevitore nel rack, e anche il cantante a centro palco ha un microfono radio, ciascuno sulla propria frequenza. Durante le prove, quando ognuno sta al suo posto, nessun problema. Durante la serata, poi, quando i chitarristi dovessero decidere di giocarsi un momento musicalmente spettacolare schiena contro schiena, a quel punto nascerebbero tutta una rosa di frequenze spurie immesse nell’etere dai due trasmettitori intermodulanti tra loro. Se qualcuna delle armoniche di intermodulazione dovesse collocarsi in frequenza nei pressi della portante radio del microfono del cantante, le interferenze potrebbero facilmente risultare in interruzioni e rumori molesti nel canale della voce.

Situazioni analoghe possono verificarsi in moltissimi casi: quando più trasmettitori si avvicinano, nascono delle armoniche di intermodulazione spurie a frequenze multiple della somma e della differenza tra le due portanti e anche tra le armoniche delle due portanti. Lo stesso quando un trasmettitore si trova immerso in un campo interferente dovuto ad un disturbo esterno: il disturbo si può facilmente inserire nella catena di trasmissione, non lineare per natura, e generare armoniche semplici e di intermodulazione insieme alla portante di funzionamento del trasmettitore.

Come si risolve?

Ovviamente occorre prima di tutto evitare sovrapposizioni, cioè evitare di sintonizzare due o più trasmettitori sulla stessa frequenza. Già questo, in un ambiente non attentamente controllato (ad esempio durante una manifestazione fieristica) potrebbe non essere semplice. Occorrerà anche, altrettanto ovviamente, cercare di evitare eventuali disturbi prodotti da interferenze esterne (canali televisivi, ponti radio, schermi video e quant’altro). Per questo risulta senz’altro molto utile una scansione dello spettro radio, magari con la possibilità di tenerlo monitorato per reagire prontamente all’eventuale comparsa di disturbi non presenti in precedenza (ponti radio, schermi video, radiomicrofoni degli stand adiacenti eccetera si potrebbero accendere e spegnere in ogni momento).

Quando poi si debbano utilizzare più di due frequenze contemporaneamente occorrerà fare attenzione anche all’intermodulazione. In pratica si tratta di scegliere con attenzione l’insieme delle frequenze da utilizzare per i propri canali di trasmissione radio. In genere, tutti i sistemi a frequenza regolabile permettono la sintonizzazione per “gruppi” di frequenze compatibili tra loro. Tali gruppi, ovviamente, non possono tenere conto delle interferenze esterne ma in genere con meno di quattro o cinque canali la situazione è facilmente gestibile, eventualmente cambiando al volo la frequenza dei canali che dovessero repentinamente presentare disturbi significativi.

Quando le frequenze sono più di una decina occorre invece pianificare con attenzione la scelta delle frequenze, al fine di evitare problemi. È possibile, volendo, utilizzare un semplice foglio di calcolo, magari pre-impostato, ma in questo modo è necessario quantomeno un discreto talento per riuscire a gestire efficacemente un sistema con più di poche decine di canali radio. Oggi esistono diversi software in grado di agevolare il lavoro del tecnico che deve impostare sistemi complessi, sia commerciali che scaricabili gratuitamente dalla rete. I maggiori produttori di radiomicrofoni mettono a disposizione dei software perlopiù utilizzabili liberamente, capaci di importare anche le scansioni dello spettro radio o addirittura di eseguirle utilizzando un ricevitore libero o un apparecchio dedicato. Scegliendo software e sistemi di rice-trasmissione dello stesso produttore, ovviamente, si possono utilizzare le funzioni più sofisticate come la gestione remota e eventualmente automatica delle interferenze.

Figura 1
Figura 1: schema di un trasmettitore a radiofrequenza. Il segnale audio viene preamplificato e modulato su una portante a frequenza intermedia (IF, fissa). Entra poi nel moltiplicatore di frequenza che lo trasla in frequenza di un’entità dipendente dalla frequenza di un oscillatore locale (LO), in genere regolabile entro dati limiti. Dal segnale in uscita dal mixer, contenente tra l’altro i vari prodotti di intermodulazione, viene selezionata, tramite il filtro RF, la parte intorno alla frequenza RF = IF + LO, che viene poi amplificata e trasmessa in antenna. IF è in genere fissa, mentre modificando la frequenza dell’oscillatore locale LO si modifica la frequenza di trasmissione. Il filtro RF non può essere, quindi, troppo selettivo.

Figura 2
Figura 2: schema di un ricevitore a radiofrequenza. Il segnale radio captato dall’antenna viene filtrato e traslato in frequenza verso il basso di una quantità dipendente dalla frequenza di un oscillatore locale (LO), in genere regolabile entro limiti stabiliti. Dal segnale in uscita dal mixer, contenente tra l’altro i vari prodotti di intermodulazione, viene selezionata, tramite il filtro IF, la parte intorno alla frequenza IF = RF – LO, che viene poi demodulata per estrarre il segnale in banda base e quindi inviata alle successive elaborazioni (mixer e catena di amplificazione). Variando la frequenza dell’oscillatore locale è possibile portare in ingresso al filtro IF la porzione di spettro corrispondente alla sintonia del ricevitore.

Note:

Nota 1: Da notare che la traslazione in frequenza, in sé, è un’operazione lineare quando mantiene inalterate le altre proprietà del segnale in ingresso (in particolare ampiezza e fase).

 

 

Vuoi saperne di più sulle nostre pubblicazioni nel settore dell'audio professionale? CLICCA QUI.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di settore? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER.

Ultimi Articoli

Pagliacci – Trilogia d’autunno 2017

Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, sabato 18 novembre scorso a Ravenna, è stata la seconda tappa della rassegna “Trilogia d’Autunno”, che ha toccato tre capolavori del Verismo in musica: “Cavalleria rusticana”...

On Stage

Leggi tutto...

Audio Effetti presenta neo:PDU 8 di Pulse-Eight

Un sistema dedicato al controllo remoto semplificato dell’alimentazione elettrica dei dispositivi nelle installazioni.

News

Leggi tutto...

Audio networking - Terza Parte

Nella scorsa puntata di questa serie di articoli sono stati richiamati alcuni concetti di base sulla tecnologia di rete, in particolare a proposito di livelli e protocolli. Su modelli di...

Tecnologia

Leggi tutto...

Sisme distribuisce ViewSonic

Un nuovo marchio video nel catalogo del rinomato distributore marchigiano

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Mandela Memorial

L’associazione Nelson Mandela Forum ha dato il via alle celebrazioni per il centenario della nascita del famoso attivista sudafricano

News

Leggi tutto...

La Regina di ghiaccio - Il Musical

Dopo le repliche romane, la produzione in tour nei teatri italiani.

On Stage

Leggi tutto...

AVS Group per Miss Italia 2017

La finale del 78° concorso di bellezza è stata trasmessa il 9 settembre su LA7  

Produzioni e studi

Leggi tutto...

Misure audio – quinta parte

Dopo aver trattato, negli articoli precedenti, il collegamento degli strumenti ai dispositivi e alcuni tra i principali test, ci apprestiamo ad effettuare un’altra analisi molto importante: il test del rumore...

Tecnologia

Leggi tutto...

Sound&Lite numero 131

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

News

Leggi tutto...

AEB Industriale cerca Export Area Manager per l'Europa

AEB Industriale, rinomata azienda italiana produttrice e distributrice di apparecchiature audio professionali con sede a Bologna, cerca Export Area Manager da affiancare al Responsabile Vendite dell’Area Europa, nella gestione dei...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:19959

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19227

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16985

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14790

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14753

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:14250

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:13601

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13394

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12889

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12337

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.