Non si sentiva una mazza

0
0
0
s2smodern

di Stefano Cantadori

Un certo numero di anni fa mi trovavo a Londra e una sera, non avendo di meglio da fare, andai allo stadio di Wembley ad assistere al concerto di addio degli Wham.

Lo stadio era strapieno, la preziosa erbetta difesa da un tavolato di assi di legno coperte da fogli di qualche materiale sintetico, l’impianto era tanto, due muri giganteschi, il service era di quelli di gran razza e... non si sentiva una mazza.

Per meglio raccontarla, si sentivano solo i bassi ed i medio bassi. Unfa unfa unfa.

Arrampicandosi sull’altissima postazione dei mixer (sarà stata a 10 metri di altezza, almeno) magicamente, tutto si riequilibrava.

Il fenomeno non è certo nuovo a chi fra voi, esimi lettori, calca le piazze estive con cami e cami[1] di impianto per sbarcare il lunario (sempre meglio che dare l’asfalto in autostrada).

Come al solito cercheremo di capire perché.

Intendo dire: perché quelli al quinto piano dei palazzi di fronte sentono bene mentre quelli scesi in piazza sentono una schifezza. Cercheremo anche di capire perché altre volte invece, tutto funziona regolarmente.

Arriviamo un pomeriggio in piazza, facciamo le prove, tutto ok.

Arrivano le nove di sera, comincia il concerto, una schifezza. Unfa unfa unfa. Niente medie, niente acute.

Cosa è cambiato?

La temperatura. O meglio: se la temperatura dell’aria fosse omogenea non sarebbe cambiato nulla, anzi! La propagazione sarebbe risultata omogenea, tutto a posto.

Ciò che è effettivamente cambiato sono i rapporti di temperatura fra i vari strati di aria in cui il nostro suono si propaga (tali rapporti sono anche detti gradienti di temperatura).

Giova a questo punto sapere che la velocità del suono nell’aria cresce con la temperatura.

La sera dell’unfa unfa, presumibilmente l’aria si è rinfrescata, magari una piacevole brezza di mare. L’asfalto della piazza è ancora caldo. Il pubblico, che gli dei lo abbiano sempre in gloria, è accalcato, suda. Immediatamente sopra di esso si forma uno strato di aria calda, più calda dell’arietta serotina.

Il suono viaggia più velocemente nello strato di aria più calda e meno velocemente in quella più fredda.

La propagazione viene perciò incurvata.

Si dice che il suono viene rifratto, in questo caso verso l’alto. Buono per il quinto piano.

Il fenomeno, che è sicuramente di danno per i nostri concerti, attenua il rumore di strade o fabbriche nelle zone abitative limitrofe, favorendone gli abitanti che si trovano in questa “zona d’ ombra”.

Altre volte si ha il contrario. La sera del concerto l’aria è ferma, non si muove una foglia, afa afa.

Il terreno si raffredda per irradiazione di calore più velocemente dell’aria, che è un pessimo conduttore. Il pubblico magari non è così densamente accalcato come la sera prima. La zona più calda è in alto e verso il terreno c’è più fresco.

Il suono viene rifratto verso il basso. Quando incontra il suolo viene riflesso (non rifratto) e torna perciò verso l’alto ricominciando ad incurvarsi verso il basso per rifrazione. E così via fino ad esaurimento.

Succede in questi casi che rumori generati ad una certa distanza rompano maggiormente le scatole rispetto a sorgenti assai più vicine.

Prendiamo il caso di un palasport, altro luogo della musica (luogo in cui nostro malgrado siamo costretti a fare musica).

Durante le prove il pavimento è fresco e il tetto è caldo (sempre che ci sia il sole). La sera, l’adorato indispensabile pubblico emette calore mentre il tetto si è rinfrescato.

Un inciso: prima di illustrare ulteriormente il fenomeno della rifrazione, penso sia utile una considerazione di natura storica, sempre ad uso di chi fa il nostro mestiere.

Agli inizi, molti anni fa, alcuni già mettevano le casse in colonna, consci dei vantaggi dei line array[2].

Si facevano pile di medi, pile di bassi, pile di trombe e di tweeter (ebbene sì, c’erano ancora i tweeter). Allora si lavorava con elementi separati e non con casse full range. Si arrivava a legare fra loro le casse per evitare che le pile cascassero.

Poiché i promoter volevano vendere anche i biglietti dei posti di fianco al palco, qualcuno nei paesi più avanzati e ricchi ha cominciato a sollevare le casse, appendendole, sgombrando così la linea di visione del pubblico “laterale”.

Si è scoperto che facendo provenire il suono dall’alto ed inclinando le casse verso il pubblico, grazie ad un angolo di incidenza maggiore rispetto alle casse appoggiate sul palco, si riusciva a “trapanare” più efficacemente lo strato di aria calda della platea.

Si riusciva così a far meglio giungere agli ascoltatori la parte medio alta, la più soggetta ad essere rifratta. La platea poteva così “sentire bene” come il pubblico delle gradinate. Anzi meglio, poiché la platea è di solito più vicina alle casse.

Altro piccolo vantaggio dato dal nuovo angolo di provenienza è che le teste degli altri spettatori non erano più ostacolo interposto fra il punto di ascolto e la sorgente.

La rifrazione

Siamo di fronte ad un fenomeno di rifrazione (ottica) anche quando si infila un bastoncino nell’acqua e lo si vede piegato. L’esperimento dimostra che la luce si propaga più lentamente nell’acqua che non nell’aria (per il suono è il contrario).

Occupandoci di acustica, diremo che la rifrazione in un fluido in stato di quiete[3] è causata da non uniformità di velocità in zone dello spazio.

Le differenti velocità possono essere causate da non uniformità in zone dello spazio di temperatura, densità, pressione statica o composizione dei materiali. Per differenze di temperatura (gradienti di temperature riguardanti ampie zone d’aria) abbiamo appunto già portato alcuni esempi.

Quando ci occupiamo di un’interfaccia fra materiali diversi a cui corrispondono velocità decisamente diverse, si ha un brusco cambio di direzione del fronte di propagazione, proprio come avviene per il bastoncino immerso nell’acqua.

Per visualizzare il fenomeno, facciamo allo scopo un esempio “meccanico” ricorrendo ad un giocattolo che noi “vecchi” ci costruivamo da bambini: un carrettino a due ruote da tavolo.

Trascinando il carrettino con la cordicella, faremo in modo di arrivare in diagonale al confine fra la superficie liscia e quella rugosa.

Non appena la prima ruota passerà dalla zona liscia a quella rugosa, verrà improvvisamente rallentata. L’altra ruota, libera di andare più velocemente, “farà la curva” immettendo l’asse in una nuova direzione. Il raggio di curvatura dipende dalla differenza fra i due materiali. Se invece trascino il carrettino perpendicolarmente alla zona di confine, andrà diritto senza cambiare direzione.

Un esempio utile per noi concertisti può riguardare l’interfaccia aria/acqua. Quante volte abbiamo suonato vicino a laghi senza sapere perché rompevamo le scatole sull’altra sponda?

Fino ad un angolo di incidenza di 13,7 gradi il suono proveniente dall’aria “penetra” nell’acqua e in questa (meglio dire per mezzo di questa) si trasmette.

Oltre 13,7 gradi (per l’ acqua dolce) il suono è riflesso indietro all’aria e nell’acqua provoca solo un disturbo locale e superficiale.[4] Come avere del cemento.

Altre interfacce di nostro interesse sono quelle aria/solidi, ad esempio le strutture degli edifici.

Si tratta però di un argomento complicatissimo e abbiamo ben altri confini da esplorare.

Altri fenomeni di rifrazione che ci affiggono ai concerti riguardano la trasmissione del suono in condizioni di movimento di masse d’aria. Ad esempio il vento al traverso genera lo spostamento della sorgente apparente.

Interessante è il caso della trasmissione del suono con ascoltatore sottovento o sopravvento, per cui l’effetto risultante non è dovuto a quanto comunemente si crede bensì ad un altro aspetto del fenomeno. Lo vedremo un’altra volta.

La convezione, movimenti di correnti nell’aria, insieme alle rifrazioni dovute ai gradienti di temperatura, causati delle turbolenze dell’atmosfera, generano l’effetto di suono che va e che viene di un aeroplano che vola nel cielo. Stessa cosa per l’impianto che va e che viene quando “suoniamo” allo stadio.

Abbiamo però esaurito lo spazio.

Concludiamo con una massima: “Non importa quante casse mettete se l’aria non ve le trasmette”.

Tra parentesi, l’aria, che non è un mezzo perfetto anche se non mi permetto di contestarla, assorbe maggiormente gli acuti rispetto alle altre frequenze. E quando è secca ancora di più.

C’entra poco e niente ma è bello saperlo.

Vostro

Stefano Cantadori



[1] In altri testi camions e camions

[2] Le medio alte facevano schifo, Cristian Heil doveva ancora arrivare e non sapevamo come imitare un nastro partendo da un driver a compressione.

[3] Vedremo anche casi in cui il fluido non è in stato di quiete. E per i solidi? Per quanto riguarda la propagazione sonora al loro interno, li presumiamo in stato di quiete. Non saprei come fare ad agitarli senza trasformarli in fluidi.

[4] La riflessione “pura” avviene in uno specchio di acqua calma. In caso di “mare mosso”, con onde minacciose e corrusche, la superficie risulterà diffusiva, per cui le frequenze con lunghezze d’ onda paragonabili alle dimensioni delle onde – o minori- subiranno scattering, riflessioni caotiche in varie direzioni.

Ultimi Articoli

RM Multimedia distribuisce Luminex

Il distributore romagnolo aggiunge al proprio portafoglio i prodotti per il trasporto di segnali digitali audiovisivi in rete della rinomata casa costruttrice belga.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

DiGiCo S-Series V2.2

DiGiCo annuncia il nuovo aggiornamento software, V2.2, per le console della Serie S.

News

Leggi tutto...

Il nostro saluto a David Zard e Bibi Ballandi

Due grandi del nostro show business ci hanno lasciato a poca distanza l’uno dall’altro.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

MIR amplia la propria offerta nel settore dei sistemi integrati

L’organizzazione di Music Inside Rimini 2018 ha strutturato, all’interno dell’evento fieristico della prossima primavera, nuove offerte espositive e diverse interessanti iniziative dedicate al settore dell’integrazione di sistemi.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Gianna Nannini – Amore Gigante Tour

Abbiamo assistito al concerto dello scorso 29 novembre all’RDS Stadium di Rimini, nell’ambito dell’anteprima nei palasport di quattro città italiane per il nuovo tour della cantante toscana.

Live Concert

Leggi tutto...

Aurora Net: Versione Open Beta disponibile per il download

Aurora Net è il nuovo software dedicato al controllo in tempo reale dei sistemi audio professionali dBTechnologies.

News

Leggi tutto...

Misure audio – terza parte

Dopo aver iniziato ad analizzare, nel numero scorso, i principali strumenti di laboratorio, in questo articolo inizieremo ad affrontare il setup di misura vero e proprio.

Tecnologia

Leggi tutto...

Ravenna by night

Lo scorso mese di gennaio abbiamo fatto un giro per Ravenna per dare un’occhiata all’humus musicale della città, forse non troppo rinomata negli ambienti della movida modaiola o della musica...

Live Concert

Leggi tutto...

Prevenire le cadute dal palcoscenico

L’organismo di standardizzazione statunitense ANSI ha recentemente revisionato il documento dedicato alla prevenzione delle cadute da palcoscenici e piattaforme in elevazione

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Claypaky e ADB #LIGHTINGDAYS

Claypaky propone quattro appuntamenti per scoprire dal vivo i nuovi prodotti: a Roma il 29 e 30 novembre e a Milano il 5 e 6 dicembre.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:19959

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19227

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16985

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14790

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14753

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:14250

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:13601

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13394

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12889

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12337

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.