Crediamo agli asini che volano – parte seconda

di Stefano Cantadori

Nel numero scorso abbiamo iniziato un discorso sull’efficienza degli altoparlanti, in cui mi sono lasciato andare ad affermazioni che non ho terminato di approfondire.

In poche parole abbiamo visto come gli altoparlanti per frequenze basse disponibili sul mercato, dB più dB meno, presentano delle caratteristiche molto simili soprattutto per quanto riguarda l’efficienza. Con due di questi altoparlanti, 15” di buona qualità, vogliamo ora tentare di capire come sia possibile costruire due diffusori a due vie con caratteristiche diverse e, per questo, abbiamo deciso di tentare di imbrogliare un po’... le carte.

Vediamo di imbrogliare le carte

A questo punto, tutti partono con woofer che generano non più di 99 o 100 dB con 1W @ 1m e tutti questi woofer tengono più o meno la stessa potenza, diciamo 1000 W di lavoro normale o continuous program (che è definito come tre dB maggiore della potenza nominale del woofer).

Assumiamo anche, come requisito di partenza, che tutti i costruttori seri di altoparlanti aderiscano alle raccomandazioni dell’AES per la potenza degli altoparlanti. Più o meno[1], si intende.

Facciamo due colonne, solo penna, niente calcolatrice:

potenza            SPL max ad 1 m

1 W            99 dB

2 W            102 dB

4 W            105 dB

8 W            108 dB

16 W            111 dB

32 W            114 dB

64 W            117 dB

128 W            120 dB

256 W            123 dB

512 W            126 dB

1024 W            129 dB

La pressione di 129 dB per il nostro woofer è molto teorica, supponendo che non intervengano fenomeni di compressione termici della potenza o non linearità meccaniche (che invece intervengono eccome, nell’uso reale).

Per buona misura, inventiamoci anche un bel 2 kW, con tanto di ipotetici 132 dB SPL. Siamo sulla carta, non si rompe niente.

Ricordiamo poi che tutti sono tagliati intorno ad 1 kHz e poco sopra. Insomma, tutti uguali. Per il momento, mi sembra chiaro che nessun costruttore di casse, limitatamente al woofer, possa fare il furbo e dichiarare più pressione sonora di un altro.

Invece si può eccome, tanto è vero che lo fanno tutti.

Ad esempio, facciamoci venire un dubbio: la cassa dove è messa? In semispazio, annegata a filo di una parete rigida e riflettente? O in campo libero? In campo libero forse farebbe tre dB in meno rispetto al semispazio[2] ma non è nemmeno detto con sicurezza, dipende dalla frequenza di cui voglio interessarmi. Oppure la appoggio su un piano rigido e riflettente, la oriento opportunamente e la misuro con il microfono a terra, in modo da leggere due casse (una da sorgente immagine) ed ottenere sei dB in più anche sulle medie. Perché no?

Un watt come? L’equivalente di 2,83 V RMS sul minimo dell’impedenza? A che frequenza? Quella che mi fa comodo? Che segnale metto dentro? Sinusoide? Musica? Parlato? Rumore rosa? E se è rumore rosa, con che fattore di cresta? Lo filtro secondo raccomandazione AES o faccio quello che lo filtra pesato A? Come lo misuro? Con un fonometro in peak reading? RMS? Pesato A?

Se ho a che fare con una spia da palco mi andrà forse bene una gobba larga e dolce nel mezzo della risposta, ottenuta magari incrociando il driver nella parte alta del woofer, quella tra 1 k e 2 k, tutta pressione guadagnata (io non lo consiglio, sia chiaro).

Voglio impressionare i miei potenziali clienti? Se sparo dentro la mia cassa segnali brevi a larghi intervalli posso tenere – e quindi dichiarare – potenze enormi. La bobina non si surriscalda poiché fra un segnale e l’altro fa in tempo a raffreddarsi, il cono non va in sovraescursione perché non fa in tempo a seguire il segnale (il segnale è troppo breve nel tempo e richiederebbe accelerazioni impossibili per il cono). Non succede nulla, ma posso dichiarare tanta potenza. Figo.

La gamma dinamica? La gamma dinamica è solo la differenza tra il suono più forte riproducibile da un sistema ed il rumore di fondo. Non esprime alcunché di misterioso, una volta che sai cosa vuol dire. Non dice nulla a proposito della capacità della cassa di seguire un segnale velocemente o meno. Dice solo che nel sistema che consideri hai un ampli ed un’elettronica che sono la fonte del rumore a cui si fa riferimento, senza il quale non puoi cianciare di gamma dinamica, visto che la cassa da sola certamente non genera alcun rumore. Non ti aiuta per niente a chiarire il mistero del picco massimo.

Ancora: una volta raggiunto il picco massimo, qualsiasi esso sia, come ti accerti che sia riprodotto accettabilmente bene? A orecchio? Beh molti usano proprio questo metodo e lo dichiarano, vale quanto un altro.

Oppure, se non altrimenti specificato, il segnale potrebbe essere distorto. Qualcuno ha forse stabilito per il max SPL un limite di distorsione oggettivo? No, nessun organismo, nessuna associazione, niente di niente.

Poi ci sono metodi ancora più subdoli, pardon, raffinati: in una pagina ti danno la risposta in frequenza di una cassa modello Vattelapesca, in spazio libero, più o meno tot decibel da questa frequenza a quell’altra, e subito sotto ti mettono la pressione massima. Tu pensi che sia anche questa espressa in campo libero, ma non c’è scritto realmente. Esamini un altro documento sulla stessa cassa e lì magari scopri che la pressione è dichiarata in semispazio.

Raffinato, indeed. Voluto? Casuale? Certo non aiuta la chiarezza.

Il driver

Prendiamo ora in considerazione il driver.

Se voglio una cassa lineare, il complesso driver e tromba dovrà essere ovviamente attenuato per equiparare l’emissione del woofer. Il dispositivo in oggetto è infatti assai più sensibile (tipicamente dai 107 dB ai 110 dB – 1W @ 1m) e con un watt genererà più pressione.

I driver a compressione reggono molta meno potenza di un woofer ma, essendo con la loro tromba più efficienti, con i più gagliardi si arriva “tranquillamente” a 130 dB. Verificate da soli: serve la sensibilità, la potenza sopportata – i dati sono dei costruttori di altoparlanti – una penna, al doppio della potenza elettrica corrispondono +3 dB di pressione.

Torniamo per un istante alla cassa completa. Se metto una sinusoide prima a 1 kHz, poi a 5 kHz, quindi a 200 Hz, essendo la mia cassa, spero, decentemente lineare, misurerò in uscita circa le stesse pressioni, fatte salve le irregolarità della risposta in frequenza che non sono poche. Risposte in frequenza dichiarate entro un range di ±4 dB, che sono 8 dB picco picco, sono specifiche tipiche anche dei più blasonati e costosi oggetti del pianeta.

Posso anche sparare il dato di pressione massima riferendomi a quella possibile per il driver – senza specificarlo – che di solito è maggiore di quella raggiungibile dal woofer. Oppure sovrapporre cono e driver sulla stessa banda mentre faccio la misura. Dopo, rimetterò il crossover a posto. Perché no?

Cosa vuol dire ad 1 metro? Un metro da cosa? Dal frontale della cassa? Se il mio frontale fosse curvo, dovrei forse mettere il mio microfono appena più lontano rispetto ad una cassa concorrente con un frontale piatto? In questo caso sarei penalizzato. Ma no allora, rimuoviamo la griglia, non contiamo le cornici, entriamo un pelo nella tromba saltando la parte dove si arrotonda. E se la mia tromba fosse molto più profonda di quella del concorrente? Perché allora non fare un metro dal centro della cassa invece che dal frontale? Perché non dalla membrana del driver, visto che probabilmente sarà proprio il driver a genere la pressione massima?

La raccomandazione AES dice di misurare in campo lontano e poi ricondurre matematicamente la misura ad 1 metro. In questo modo eviti che il metro diventi mezzo con relativi 6 dB di guadagno “considerato che ho il woofer arretrato e una tromba più profonda dei concorrenti”.

Chi segue la raccomandazione?

Conclusioni

Signori, facciamocene una ragione: le nostre due vie di classe con woofer da 38 cm più driver con tromba se misurate tutte nello stesso modo vanno tutte forte (o piano) nello stesso modo, decibel più decibel meno. Non importa il costruttore, il paese di origine, il costo, le contorsioni di marketing, i materiali speciali, la NASA oppure l’Oroscopo.

Il resto è creduloneria.



[1] Cfr Tauber e Voelker – AES preprint 2444 (febbraio 1987) – Power Handling capacity of Loudspeakers.

[2] Ma come, non sono i famosi sei dB? No, la cassa annegata a filo misurata sulle medie non è una sorgente semplice.

A 1000 Hz la lunghezza d’onda è solo 34 cm ed un woofer diametro 38 cm a quelle frequenze comincia a pensare di essere direttivo. Quando le lunghezze d’onda sono sensibilmente più corte del cono, che questi sia su baffle o in aria libera non cambia nulla.

 

Ultimi Articoli

Elation Professional a Plasa 2018

Elation lancia alcuni nuovi prodotti alla fiera PLASA 2018, e presenta la tecnologia TwinkLED.

News

Leggi tutto...

VIO di dBTechnologies protagonista a Sanremo Young

Chiuso il sipario sulla 68a edizione del Festival della Canzone Italiana, i riflettori sul palcoscenico del Teatro Ariston si sono riaccesi dopo pochi giorni per “Sanremo Young”, trasmesso in diretta...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Luciano Ligabue – Made in Italy Tour

Abbiamo assistito all concerto di Luciano Ligabue del 4 settembre all’RDS Stadium di Rimini, da dove è ripartito il tour interrotto a causa dei problemi alle corde vocali.

Live Concert

Leggi tutto...

LDR Astro 250 - Seguipersona con sorgente a LED bianco

Uno dei due nuovi seguipersona presentati recentemente dalla casa costruttrice di Castel Goffredo, Astro 250, è progettato per l’utilizzo in teatri piccoli o medi, studi televisivi o altre applicazioni in cui...

Prodotto

Leggi tutto...

CODA Audio Serie Cue

La Serie Cue, della tedesca Coda Audio, comprende tre modelli di monitor da palco di elevata potenza, ognuno a tre vie con crossover passivo interno ma anche utilizzabile in biamplificazione.

News

Leggi tutto...

Mods Art Open Day

Mods Art invita tutti i professionisti al proprio Open Day lunedì 8 e martedì 9 ottobre,  presso Largo Venue, a Roma.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Aurora Net – Software dBTechnologies

Aurora Net è il nuovo software di dBTechnologies dedicato alla gestione, alla configurazione ed al monitoraggio dei sistemi audio della casa emiliana, evoluzione delle precedenti piattaforme dBTechnologies Network e dBTechnologies Composer.

Prodotto

Leggi tutto...

Selfiebot, il primo robot pensato per il mondo degli eventi

Un robot fotografo che viaggia, parla e interagisce con il pubblico, ideato da Enrico Penzo e Brig Glaser.

News

Leggi tutto...

FBT Horizon Vertical Horizontal Array

La serie Horizon VHA (Vertical Horizontal Array) di FBT è stata sviluppata per soddisfare le sempre più diverse esigenze dei service e degli installatori.

News

Leggi tutto...

Le Maitre G300-Smart

G300-Smart dell'inglese Le Maitre è una macchina per il fumo professionale con tecnologia Internet of Things (IoT).

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:22010

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:21058

Leggi tutto

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:20267

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19920

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17561

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:16004

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:15361

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15246

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15230

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14430

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.