Strutture Strutturate

di Stefano Cantadori

Le notizie del mese sono due

1) Non fanno più il profumo che Gianni Fantini indossa da tempo immemore e così dovrà sceglierne uno nuovo. Le cose cambiano. Non sono eccessivamente preoccupato poiché da anni non mi capita di caricare camion con Gianni e non ho più frequente occasione di respirare sotto le sue ascelle.

2) Il vecchio Sidney, laggiù nell’Ovest, ha venduto baracca e burattini. Chi compra? Un fondo d’investimento. Sidney Harman, come dichiarato nel comunicato ufficiale alle maestranze, rimarrà come Presidente e si godrà la sua parte degli otto bilioni (bilioni) di dollari che costituiscono il conquibus della transazione. Non che prima fosse povero: JBL, Soundcraft, DBX, Crown e compagnia briscola costituiscono una piccola parte di un impero ben più vasto e che rende assai di più dell’audio pro.

In “Pretty Woman” Richard Gere comprava aziende per poi rivenderle a pezzi. Succederà la stessa cosa? Vedremo.

Ah: se qualcuno fosse interessato, vendo il mio regno e il mio cavallo per uno zilione di dollari.

Oggi parliamo invece di un argomento impopolare, di cui nessuno vuol sentir parlare: sicurezza.

In questo periodo, alla TV, il Capo dello Stato richiama continuamente l’attenzione del popolo (che saremmo noi) sul problema degli incidenti sul lavoro (che riguardano sempre noi, i nostri conoscenti, amici, parenti, concittadini e, per colmo di sfiga , talvolta proprio noi stessi).

La televisione, dobbiamo ammetterlo, è una cosa distante, una sorta di realtà riflessa, quasi una vita di scorta. Una vita in meno, una in più, cosa vuoi mai, ne abbiamo sette come i gatti. Vi sentite a disagio? Bene, ho ottenuto lo scopo.

Se avete i coglioni potete continuare a leggere, se vi va. Altrimenti vi consiglio, e non scherzo, di dedicarvi a qualche altra occupazione nei prossimi minuti.

I ponti crollano e ammazzano la gente, l’audio no. Al massimo suona male. Per quanto riguarda le luci la faccenda si complica. Sfiga vuole che gran parte del nostro mestiere sia appesa o sollevata da qualche parte. Se avete la fortuna di avere a che fare con rigger professionisti, siete in una botte di ferro.

Ho visto muovere i primi passi di Guidolin, di Bobo, di Thomas, di Mirko e se volessi mentire anche del Gufo. Tanti anni fa, correva il ’90, da noi il mestiere del rigger era ancora ai primi passi. Ai Mondiali di calcio, su richiesta del Billy Bigliardi, consultammo John e facemmo arrivare dall’Inghilterra il maestro dei maestri dei rigger inglesi. Lì il mestiere aveva già qualche anno.

Sulle passerelle del Meazza, a 57 metri di altezza, mi tremavano le gambe, a lui no.

Allora fumavo e pur essendo rimasto senza sigarette avevo timore ad avventurarmi su quegli stretti corridoi traforati stesi sopra il baratro per raggiungere un tecnico in possesso delle schifezze col filtro. Un salto impressionante.

A questo punto, spero che l’idea degli incidenti sul lavoro, della paura del vuoto ed anche del fatto che le sigarette uccidono (c’è scritto sopra) vi abbiano generato una sensazione di grande cautela rispetto alle prossime cose di cui andrò cianciando.

Le americane

Non Monica Lewinsky. Trattasi di travi reticolari, oggidì costruite in qualche lega di alluminio.

Per anni l’idea di usare l’alluminio per le americane era vista come pazzesca, ti prendevano per un pirla. Il ferro costava meno. Si saldava facilmente. Si potevano assemblare strutture con comuni profilati ad “L”, non erano necessari i costosi tubi (che, tagliati di sghembo, erano ben difficili da saldare).

Solo agli inizi degli anni ‘80 ci siamo arresi all’alluminio, allineandoci al resto del mondo.

Da allora, qualcosa abbiamo imparato, qualcosa abbiamo insegnato.

Una ditta italiana, bene citarlo en passant, oggi è prima nelle vendite al mondo: la Litec. Bravi. Lo dico con l’orgoglio di un italiano che come imprenditore è conscio dei propri limiti ma ammira le capacità altrui.

Anche in termini di sicurezza ho apprezzato quando ho visto torri 52 x 52 proposte da Litec al posto delle solite 30 x 30. Non che le torri 30 x 30 siano sfigate. Anzi. Occupano meno spazio ma richiedono tubi di buon spessore e tanti traversi per controbattere la snellezza di un sostegno 30 x 30 cm alto anche 12 metri. Con una sezione 52 x 52 si può invece stare più leggeri.

Ottimo compromesso è la sezione 38 x 38 (spessore del tubo e profusione di traversi senza compromessi, naturalmente).

Se però consideriamo le travi come americane, non più di schiacciamento e snellezza dovremo ragionare bensì di travi o longheroni.

Nelle travi orizzontali, la 30 x 30 è una sezione tipica, leader di mercato, batte tutte le altre 9 a 1 nelle vendite ma non porta una fava. Perfetta per assemblare stand fieristici, con luci fra le mensole di pochi metri. Peccato che la si veda utilizzata in campate anche oltre 10 metri, magari con la pretesa di portata di peso aggiuntivo oltre al peso proprio.

Alcune, i 10 metri possono reggerli (spessore del tubo, quantità di traversi e giunti permettendo).

Casini ed imbrogli in cui possiamo cadere

Dieci metri dell’americana Pinco portano X kg uniformemente distribuiti e Y kg di peso centralmente applicato.

Ottimo.

Con quale freccia? Quanto si piega verso il basso nel punto centrale la nostra americana rispetto alle mensole? Dieci cm? Su dieci metri? Mi faccio la cacca addosso.

Gli estremi sono rigidamente fissati alle mensole o semplicemente appoggiati?

Cambia e cambia parecchio.

Nel secondo caso, le travi sono libere di scorrere sulle mensole, sotto il peso applicato che le incurva verso il basso.

Dieci metri… Trattasi di un’americana unica di dieci metri, senza giunte, oppure di un assemblaggio di quattro pezzi da 2,5 metri cadauno? Cambia. Cacchio se cambia.

Che tipo di giunti abbiamo? Il singolo giunto è fatto in maniera da distribuire il carico su una buona parte del tubo su cui è innestato oppure interessa solo una regione di bordo?

Ancora: Come mai la marca X dichiara una portata uniformemente distribuita pari alla marca Y ma il peso applicabile centralmente è sensibilmente diverso?

Forse perché quantità e tipo dei traversi sono più adatti ad un caso che all’altro… almeno nel calcolo. Infine, come diavolo eseguiamo il calcolo? C’è una regola fissa uguale per tutti gli ingegneri? Ebbene no. Ognuno esercita un proprio grado di discrezionalità, applicazione per applicazione, ed è giusto che sia così. È per questo che gli ingegneri sono abilitati a progettare i ponti ed i fonici no.

Non ho una gran voglia di parlare dei morti e feriti che ho visto in tanti anni di attività.

Lo farò prima o poi. È mio dovere farlo. So però che ogni volta che affronto l’argomento, trovo un sacco di gente che contesta quello che dico, si incazza e magari rischio di perdere amici.

Il fatto è che ho già affrontato parecchie situazioni con ingegneri e tecnici. Quando presento i risultati, spesso i dati offendono. Fanno paura, irritano. Perdi vendite. Oggi nessuno ti dice più “quanto porta” l’americana. Ti dicono che freccia fa, con tot metri di luce e tot di carico, secondo le misure eseguite da un istituto terzo. Dichiarare una portata equivale ad assumersi una responsabilità. Guai! Sono cazzi vostri, oggi più che mai.

Ho chiesto all’Ing. Daniele Pellicelli di redigere una serie di formule base, utili a discriminare le portate in funzione dell’altezza di un trave.

A parità di materiali una 52 x 52 “porta” assai di più di una 30 x 30. Molto più del doppio. Se poi, la 52 x 52 la fai con tubi, terminali, traversi muscolosi, porterà qualcosa di più.

Non, ripeto non, sostituitevi al ruolo dell’Ingegnere esperto di travi reticolari. Le formule sono solo indicative, per esemplificare l’importanza dell’altezza del trave. Non prescrivetevi medicine da soli, non progettate ponti. Ci si può lasciare la pelle.

Nel salutarvi, un ultimo monito. Ricordati fratello che devi morire.

Nel frattempo fate in modo che il cielo non vi cada sulla testa.

Vs. Stefano Cantadori.

SCRIVE PELLICELLI

Richiamato all’ordine dal monarca dell’audio pro, intervengo solo in maniera marginale e comprensibile. I corsi di analisi, tecnologia e costruzioni li lasciamo ai geni. Qui ci accontentiamo di capire se quello che dice Canta è vero (sì è vero!).

Tutte le travi (solidi di De Saint Venant, con una dimensione molto maggiore delle altre) vengono studiate in campo elastico (le sezioni vengono mantenute e nulla si deforma plasticamente ovvero per sempre – sigh) e debbono essere verificate per due situazioni: la resistenza e la deformabilità.

Nel caso delle americane in alluminio, si esegue verifica “a resistenza” per travi corte molto caricate (quelle a cui si appendono i line array) e “a deformazione” per travi lunghe e in qualsivoglia modo caricate (per follia accertata di quasi tutti i lighting designer, allestitori, artisti).

Nel settore spettacolo sovente non esistono vincoli di incastro agli estremi ma solo appoggi semplici (cavetti, vitine, nastri per capelli...).

Come asserisce il Canta, la richiesta che va oggi per la maggiore è per travi sempre più lunghe.

Il carico può anche essere scarso ma la trave deve essere lunga. La seconda richiesta è che la trave deve essere molto piccola, per i motivi più svariati:

– 1: abbiamo solo la 30 x 30 perché siamo un service di mentecatti;

– 2: la trasportiamo meglio sul Daily;

– 3: i ragazzi sono spompati dalle canne e riescono meglio a montarla;

– 4: Michele ha solo questa in magazzino;

– 5: Billy la vuole!

La formula che fornisce la deformazione massima in mezzeria di una trave in semplice appoggio con carico uniformemente distribuito è

Adesso andate a vedere sui manuali che cosa sono le letterine…

Olè, per 2500 euro, rigorosamente in nero, ve lo dico io (paga il Canta).

5 è cinque

Q è il carico in kg/cm (se sulla trave avete 100 kg/m, Q vale 1 kg/cm)

L è la luce tra gli appoggi in centimetri

384 è trecentottantaquattro

E è il modulo di (Neil) Young e vale 700.000 kg/cm2 per alluminio

J è il momento d’inerzia della sezione in cm4 e DIPENDE DALLA SEZIONE.

È chiaro che più è grande J minore è la freccia; tutto il resto non dipende dalla trave e l’uomo può intervenire solo accorciando L per diminuire f; ma l’uomo è egoista e vuole L molto grande…

Cerchiamo allora di capire come interviene la sagoma della trave per aumentare J ipotizzando di avere sempre i soliti tubolari da 50 mm con spessore di 3 mm (per esempio).

Ogni tubolare ha un suo piccolo J; il J totale della sezione composta risulterà dalla somma dei tre o quattro J (a seconda si abbia a che fare con una sezione con 3 o 4 tubolari).

Non solo, e qui si chiarisce tutto: oltre alla somma dei J dei tubi bisogna addizionare la somma delle aree dei tubi moltiplicata per la distanza al quadrato del centro tubo rispetto al baricentro della sezione. Per farvi capire meglio, impieghiamo un esempio pratico: se l’area del tubo è 4,40 cm2 e la trave è 30 x 30 con distanza di 15 – 2,5 = 12,5 cm tra centro trave e centro di ogni tubo occorre sommare, per 4 tubi, 4 x 4,40 x 12,52, un numero che vale molto rispetto al J del tubo; più è alta la trave, maggiore è il risultato del calcolo. Se la trave è da 52, la distanza tra centro trave e centro di ogni tubo vale 26 – 2,5 = 23,5 cm e, per 4 tubi, occorre sommare 4 x 4,40 x 23,52.

Dando ancora i numeri :

se abbiamo una 52 x 52 il suo J totale vale 9768 cm4

se abbiamo una 30 x 30 il suo J totale vale 2798 cm4

È chiaro che la freccia della 52 cm è 3,50 volte minore della freccia della 30 cm, a pari carico e a pari lunghezza.

Quindi la risposta al problema delle travi lunghe è: occorre utilizzare travi ALTE (non larghe, perché la forza di gravità agisce verso il basso e non verso un fianco).

Rinforzare solo lo spessore del tubo non serve molto, solo poco.

Facciamo un esempio :

per 100 kg/m ed una lunghezza di 10 m si ottiene per la 52 x 52 una freccia di 1,90 cm mentre per la 30 x 30 si ha una freccia di 6,6 cm.

Dal momento che è prescritto che la deformazione massima non deve superare L/150 si osserva chiaramente che la 30 per 30 è al limite massimo (1000/150=6.666 in cm) mentre la 52 è a riposo. Ma se fossimo intelligenti non arriveremmo mai al limite di L/150 e ci fermeremmo al limite di L/200 (e questo è un consiglio da buon padre di famiglia).

In questo caso la 30 x 30 sarebbe da escludere poiché dovremmo accettare per buona una deformazione massima di ben 5 cm. E buona non è.

La limitazione della freccia a un valore determinato da L/qualcosa deriva dal fatto che il materiale deve essere sollecitato in campo elastico, ovvero dopo essere stato scaricato deve poter ritornare come era in partenza. Se si supera quel valore si rischia di entrare nel campo elasto-plastico con la formazione delle cosiddette cerniere plastiche.

Le cerniere plastiche, per le persone normali, sono deformazioni permanenti del materiale con la conseguenza che la trave prima va a putt… e poi, se esageriamo ancora un “pochetto”, cade verso il suolo con accelerazione g.

Non entriamo nel campo minato dei giunti tra moduli e nei problemi di resistenza del materiale perché è difficile.

Sappiamo comunque che se la freccia è entro il valore L/200 grandissimi problemi non li avremo, fatta salva una doverosa e necessaria botta di calcolo qualora il carico sia elevato oppure concentrato in un solo punto.

Dimenticavo una regoletta facile facile: se il carico massimo uniformemente distribuito su una trave vale 800 kg (per una trave di 10 m sarebbero 80 kg/m) si ottiene che il carico massimo concentrato in mezzeria vale 400 kg (la metà). Non chiedetemi il perché altrimenti il fatturato mio e dei miei colleghi crolla.

Ste si è dimenticato però di dire che la cosa più rischiosa in assoluto nelle installazioni per spettacoli non sono le travi “americane” bensì gli elementi verticali: torri, torri audio ed insiemi di strutture che formano telaio. Questo avviene perché sembra manchi nel portafoglio dello spettacolo il concetto di zavorra e controvento. Spesso si trovano elementi strutturali in situazioni di pericolo per ribaltamento.

Ne parliamo una volta successiva anche perché ora ho abbastanza denaro per pagarmi le ferie…

 

Ultimi Articoli

Outline VEGAS 24

VEGAS 24 è un diffusore passivo progettato per essere utilizzato come fill sotto-balconata, front-fill o linea di ritardo.

News

Leggi tutto...

Pink Floyd - Their Mortal Remains

La mostra al Museo di Arte Contemporanea di Roma

Installazioni

Leggi tutto...

Mods Art Open Day

Mods Art invita tutti i professionisti al proprio Open Day lunedì 8 e martedì 9 ottobre,  presso Largo Venue, a Roma.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Elation Professional SEVEN PAR 19IP

Un nuovo ParLED contenente 19 sorgenti LED RGBAW + Lime + UV e grado di protezione IP65.

News

Leggi tutto...

MILOS a Prolight+Sound 2018

La casa costruttrice ceca MILOS si prepara per la fiera Prolight+Sound di Francoforte. Si troverà allo stand di Area Four Industries, Padiglione 3.0 Stand D71.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

QSC Festeggia 50 Anni con il Nuovo Sub KS112

Alla fiera NAMM, a Los Angeles, QSC annuncia il nuovo subwoofer amplificato KS112, progettato per le applicazioni nelle quali la dimensione compatta è un’esigenza prioritaria.

News

Leggi tutto...

SSL Live L100

Solid State Logic ha presentato la nuova compatta L100, ultima aggiunta alla famiglia SSL Live

News

Leggi tutto...

Flashdance – il musical

Torna sulle scene il musical ispirato al celebre film degli anni Ottanta, ma con una produzione del tutto nuova.

On Stage

Leggi tutto...

Lupo Dayled 2000

Il costruttore italiano Lupo presenta un nuovo proiettore Fresnel a LED da 220 W ad elevata resa cromatica.

News

Leggi tutto...

Allen & Heath scheda opzionale SLink per SQ

Il costruttore inglese ha recentemente presentato una nuova scheda opzionale SLink per le console della Serie SQ.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:22467

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:21436

Leggi tutto

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:20584

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:20066

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17693

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:16375

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:15740

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15369

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15351

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14527

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.