EQ on / EQ off – prima parte

0
0
0
s2smodern

di Livio Argentini 

Nei numeri passati avevamo parlato dei preamplificatori microfonici, poi delle connessioni; adesso faremo un passo avanti e parleremo del secondo stadio della catena di registrazione: gli equalizzatori.

Nel sottotitolo si può leggere “come, quando e perché”: per poter utilizzare nel modo appropriato un’apparecchiatura, è necessario conoscerla bene e gli equalizzatori non fanno assolutamente eccezione.

In questa prima puntata descriveremo la tecnologia dei vari tipi di equalizzatori, a partire da quelli primordiali fino a quelli più complessi; nella seconda parte descriveremo poi quelli di ultima generazione spiegando come sono fatti, quali sono i loro pregi e soprattutto i loro difetti, con una particolare attenzione sulle rotazioni di fase introdotte.

Sì, ho detto proprio “rotazioni di fase” perché questo è, forse, il parametro più importante e quasi sempre, più o meno volutamente, ignorato o quanto meno non preso in considerazione.

Nella terza puntata arriveremo finalmente al “come, quando e perché”.

È importante, prima di intraprendere il nostro viaggio attraverso gli EQ, acquisire un concetto basilare, perché più avanti nel nostro articolo ne troveremo molti richiami: tutti gli equalizzatori, e dico tutti, ruotano la fase, a prescindere dalla tecnologia con cui sono fatti. Tanto si equalizza e tanto si ruota la fase, per cui se vi offrono un eccezionale equalizzatore che vanta la correzione di fase è sicuramente, come si suol dire, una bella pataccata!

A questo punto il lettore si potrà chiedere: “Ma se tutti gli equalizzatori tanto equalizzano e tanto ruotano la fase, perché questa rotazione è tanto importante, visto che è uguale per tutti?”.

La domanda è più che legittima e la risposta è molto facile: se andiamo ad analizzare le curve dalla fase (logicamente non interpolate) nei minimi particolari, ci accorgiamo che non sono perfettamente uguali, specialmente nei filtri molto complessi e nei filtri multipli.

Quando vari musicisti eseguono lo stesso brano musicale, il motivo è sempre quello ma i piccoli particolari fanno sì che l’esecuzione sia più o meno buona e piacevole da ascoltare. Lo stesso avviene negli equalizzatori: la curva può essere anche molto simile, ma i piccoli particolari fanno la differenza.

Questi piccoli particolari, che normalmente non vengono nemmeno presi in considerazione, sono quelli che caratterizzano il suono dei differenti tipi di equalizzatori.

A questo punto è doveroso fare un piccolo break per spiegare due concetti: il primo prettamente tecnico, il secondo di carattere grafico/ottico/acustico. Sì, non vi mettete a ridere, proprio grafico/ottico/acustico, ma senz’altro valido ed importante.

Il primo concetto, quello tecnico, riguarda le curve di risposta, di fase, ecc. Queste curve, normalmente, sono ricavate per punti e, logicamente, più punti ci sono e più la curva è precisa e permette di rilevare anche le piccole imperfezioni; nella maggior parte dei casi viene però fornita una curva interpolata, sia per facilitarne la lettura sia per mimetizzarne i difetti. L’interpolazione consiste nel tracciare una curva media che cancella tutte le piccole variazioni e rende più visibile l’andamento generico della curva stessa (vedi figura 1).

 

Nel nostro articolo si farà sempre riferimento a curve reali, con il massimo della risoluzione e, soprattutto, non interpolate.

Il secondo, assolutamente non tecnico ma sviluppato in oltre cinquanta anni di lavoro e ricerca, ci mostra quanta analogia ci sia tra tecnologie anche molto diverse. Se, infatti, guardiamo il grafico della curva di risposta in ampiezza e in fase di un equalizzatore e la troviamo bella, pulita, armoniosa, senza irregolarità e brusche variazioni, quel filtro sarà sicuramente pulito e piacevole da ascoltare. E poiché il fine ultimo del nostro lavoro sono proprio le orecchie, anche una metodologia basata su considerazioni non proprio ortodosse, anzi assolutamente non ortodosse, può dare ottimi risultati.

Un po’ di storia

Dopo questa premessa facciamo un bel passo indietro nella preistoria, e cominciamo a vedere come erano realizzati e come si sono poi evoluti i primi equalizzatori.

I primi equalizzatori... scusate: i primi controlli di tono – perché il termine equalizzatore non era ancora in voga – erano sviluppati per circuiti a valvole ad alta impedenza. Questi circuiti, utilizzati sui primi sistemi sia HI-FI che professionali, erano di tipo passivo e controllavano solo due bande (bassi ed alti), con una curva detta “a farfalla” (figura 2).

 

Se da un lato, essendo passivi, non creavano distorsione armonica, non garantivano neppure una buona linearità (in posizione centrale, ovvero con il filtro escluso) e, inoltre, le due sezioni del filtro interagivano decisamente tra di loro specialmente nell’intorno della frequenza di incrocio. In ogni caso, considerata anche la scarsa qualità degli apparati su cui erano installati, questi controlli di tono a due bande hanno fatto il loro onorevole servizio per molti anni.

Con l’avvento dei circuiti allo stato solido ed a bassa impedenza, questo tipo di circuito passivo, che risultava assolutamente inadatto, fu abbandonato e sostituito con il circuito attivo di tipo Baxandall (figura 3). Questo circuito, decisamente innovativo per quei tempi, era già stato utilizzato sugli ultimi sistemi valvolari ma con risultati non eccezionali perché molto più adatto a circuiti a bassa impedenza.

 

Rispetto al filtro passivo fornisce molti vantaggi: essendo perfettamente simmetrico garantisce un’ottima linearità (logicamente in posizione centrale, filtro escluso) anche oltre la banda audio ed i due controlli sono del tutto indipendenti e non interagiscono tra di loro; inoltre, per il controllo, vengono utilizzati potenziometri con variazione lineare, molto più precisi di quelli a variazione logaritmica usati nei filtri passivi. Le curve di questo tipo di filtro (sempre del tipo a farfalla) sono molto dolci e pulite, così come la rotazione di fase, per cui il Baxandall ha un ottimo suono anche se usato per correzioni molto ampie.

Come contropartita, questo circuito, che ha guadagno unitario, inverte la fase, cosa da tenere presente in fase di progettazione, specialmente se si necessita del comando di bypass del modulo di filtro.

Dal punto di vista costruttivo il filtro tipo Baxandall è veramente semplice ed economico, genera pochissimo rumore di fondo e distorsione. Inoltre, cambiando alcuni componenti, permette di variare (entro certi limiti) le curve e di inserire anche un terzo controllo per le frequenze medie (figura 4).

 

In alcuni casi si sono utilizzati due filtri Baxandall in cascata in modo da ottenere quattro bande di controllo e, nello stesso tempo, ovviare al problema dell’inversione di fase per poter effettuare facilmente il bypass del filtro (figura 5).

 

 

Come si dice, l’appetito viene mangiando, per cui i nostri signori fonici, molto giustamente, richiedevano sempre di più costringendo i progettisti a studiare nuove soluzioni.

A fronte di queste richieste sono stati realizzati equalizzatori di varie tipologie e prestazioni. Il più delle volte dei filtri tipo Baxandall, più o meno elaborati, venivano accoppiati a filtri passa-banda o risonanti per il controllo delle frequenze medie.

Questo tipo di equalizzatori, normalmente usati nei canali dei mixer, spesso di ottima qualità audio, non hanno avuto un gran seguito perché molto complessi, di difficile utilizzo, non standardizzati come controlli e di costruzione abbastanza costosa, per cui ne tralasceremo la descrizione perché troppo lunga e di scarso interesse.

La tecnologia avanza e nuove tipologie di circuiti permettono di realizzare equalizzatori molto più semplici e versatili, ma soprattutto molto simili tra loro come controlli, e questo ne permette un più immediato utilizzo.

In questo periodo cominciava ad evolversi la tecnologia degli amplificatori operazionali di elevata qualità e questo ha permesso lo sviluppo di circuiti molto complessi, improponibili con i componenti discreti.

I primi equalizzatori sviluppati sono stati quelli cosiddetti “grafici” ad ottave, mezze ottave e poi a terzi di ottava. La denominazione “grafica” deriva dal fatto che come controllo vengono utilizzati piccoli potenziometri a cursore affiancati e osservando la sequenza delle manopole si ottiene visivamente il grafico stilizzato della curva di risposta. Questa caratteristica può essere un valido aiuto, perché permette di individuare immediatamente le frequenze su cui agire. Ma... c’è sempre un ma, che vedremo nel prossimo articolo.

Ultimi Articoli

AES si prepara a “The Power Of Sound” e presenta il Comitato Organizzativo

La 144ª Convention internazionale della Audio Engineering Society si terrà in maggio 2018 a Milano e interesserà, come di consueto, una vasta gamma di ambiti audio professionali tra cui Audio...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Non Solo Modena Park

Il concerto di Vasco lo scorso luglio a Modena  si è potuto apprezzare in diretta anche dalla spiaggia di Rimini

Live Concert

Leggi tutto...

Luciano Ligabue – Made in Italy Tour

Abbiamo assistito all concerto di Luciano Ligabue del 4 settembre all’RDS Stadium di Rimini, da dove è ripartito il tour interrotto a causa dei problemi alle corde vocali.

Live Concert

Leggi tutto...

Novità software da ADB

ADB ha recentemente rilasciato una versione aggiornata del noto software Hathor, insieme a Wily! - uno strumento intelligente e pratico di controllo remoto tramite iPad o iPhone.

News

Leggi tutto...

Nova Maxline Series

La serie MaxLine comprende il satellite M 5 – dedicato alle frequenze medio-alte – e il subwoofer E 218SUB

Prodotto

Leggi tutto...

MNA rimette in scena IP Showcase al prossimo IBC di Amsterdam

Media Networking Alliance è un'associazione non-profit di aziende di rilevanza internazionale attive a vario titolo nel settore del trasporto audio, associazione volta a promuovere lo standard di trasporto in rete...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Max, Nek, Renga

I tre artisti in un tour con un concerto pieno di successi: una grande festa da condividere con un pubblico entusiasta e divertito.

Live Concert

Leggi tutto...

KAPPA FuturFestival 2017

Il Kappa FuturFestival di Torino ha una storia piuttosto recente ma quasi folgorante.

Live Concert

Leggi tutto...

nuova linea audio iLINE di HitMusic

Il distributore ligure Audio Effetti ha presentato una nuova serie di diffusori audio a colonna del marchio francese HitMusic

News

Leggi tutto...

Claypaky e ADB #LIGHTINGDAYS

Claypaky propone quattro appuntamenti per scoprire dal vivo i nuovi prodotti: a Roma il 29 e 30 novembre e a Milano il 5 e 6 dicembre.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:19958

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19227

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16985

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14790

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14753

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:14250

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:13601

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13394

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12889

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12337

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.