EQ on / EQ off – seconda parte

0
0
0
s2smodern

di Livio Argentini 

In questa seconda puntata parleremo degli equalizzatori di seconda e terza generazione, e più esattamente di quelli normalmente chiamati ‘grafici’ e ‘parametrici’.

Gli equalizzatori grafici

Logicamente, i primi ad essere sviluppati sono stati quelli grafici. La loro caratteristica più importante, anche se invisibile per l’utilizzatore, è che questa tipologia di filtri è basata su elementi risonanti.

Cerchiamo di chiarire questo concetto.

Tutti i filtri di cui abbiamo parlato fino ad ora erano basati su semplici celle RC (resistenza e condensatore) anche se usate in modo spesso complesso.

I filtri RC agiscono tipicamente da una frequenza in poi, attenuando o esaltando in modo continuativo, ed anche la fase ruota in modo similare (figura 1).

Un filtro risonante, al contrario, agisce su una singola frequenza (e in modo ridotto sulle frequenze vicine) mentre la curva della fase mostra una caratteristica forma ad ‘N’ (figura 2).

Figura 3: i grafici sono indicativi, disegnati in questo modo per evidenziare i problemi descritti nel testo.

Un particolare importante da considerare: se si osserva bene la cuspide della curva (visibile più chiaramente in caso di esaltazioni/attenuazioni molto al limite) si nota che in un filtro RC la cuspide è tondeggiante mentre in un filtro risonante è piuttosto appuntita (figura 3).

Come effetto derivato, la curva di variazione della fase sarà molto accentuata (più la banda passante del filtro è stretta più la variazione della fase è repentina) e, come si sa, le variazioni di fase molto brusche generano una notevole degradazione del suono.

Vediamo adesso come sono realizzati i filtri grafici (figura 4).

Figura 4: equalizzatore grafico con induttanza (è indicata una sola banda).

Sono abbastanza semplici: un solo stadio di amplificazione con una serie di potenziometri con presa centrale connessi in parallelo.

La sezione di ingresso, passiva, (lavora in attenuazione) è un normale partitore resistivo formato da R1 ed R2, mentre R3 ed R4 sono la rete di controreazione (lavora in esaltazione). Poiché R1 = R3 ed R2 = R4, il guadagno dello stadio è uguale all’attenuazione del partitore di ingresso per cui il guadagno totale è uguale ad 1. Questo filtro, tra l’altro, ha il vantaggio di non invertire la fase. I gruppi induttanza/condensatore formano gli elementi risonanti sulle varie frequenze e vengono inseriti in esaltazione o attenuazione tramite i potenziometri.

I primi filtri di questo tipo erano ad ottave (10 controlli) poi si è passati a mezza ottava ed a terzi di ottava (31 controlli); questo costringeva ad usare 2 o 3 stadi in cascata sia per non avere grandi interferenze tra i filtri con frequenze molto vicine sia per non attenuare troppo il segnale e doverlo poi amplificare molto con relativo aumento del rumore di fondo.

Dal punto di vista costruttivo questi filtri presentano due problematiche.

La prima riguarda i potenziometri di controllo, perché per avere una variazione in dB più o meno lineare occorre utilizzare potenziometri particolari con presa centrale e curva mezza logaritmica e mezza logaritmica inversa. Potenziometri di questo tipo non sono componenti commerciali, ovvero devono essere costruiti appositamente.

La seconda riguarda la costruzione delle induttanze, molto costose e con notevoli tolleranze di produzione; questo porta a lunghi test, ad un notevole sfrido di materiali e quindi ad innalzamenti dei costi. Questo problema ha trovato soluzione sostituendo le induttanze con circuiti elettronici (detti giratori, estremamente semplici ed economici, figura 5) che ne simulano il funzionamento, anche se con qualche limitazione. I giratori generano un notevole rumore di fondo (noise), anche se questo è un problema relativo perché il rumore generato viene immesso nel circuito solamente quando quel filtro viene attivato e non ha alcuna influenza quando i potenziometri sono in posizione 0.

Figura 5: equalizzatore grafico con giratore (è indicata una sola banda).

La simulazione dell’induttanza non è perfetta, come si può vedere in figura 6.

Figura 6: i grafici sono indicativi, disegnati in questo modo per evidenziare i problemi descritti nel testo.

In particolare, la curva di risposta di un filtro con induttanza torna a zero agli estremi della banda acustica utilizzata mentre quello con giratore no (specialmente a frequenze più alte della risonanza) e questo crea molti problemi di interferenze con i filtri adiacenti.

Questi equalizzatori grafici suonano molto bene (specialmente quelli ad ottave e con induttanze) quando la correzione non è spinta e non vengono usate contemporaneamente frequenze vicine. Lo stesso non si può certo dire di quelli a terzi d’ottava, sia perché sono tutti realizzati con giratori sia perché i filtri sono con banda estremamente stretta.

I filtri grafici, pur essendo un’evoluzione rispetto ai semplici filtri tradizionali, presentano un grosso limite: in questi filtri non è possibile variare il Q (la larghezza della banda in cui agisce il filtro). In effetti il Q potrebbe essere variato, anche se in modo limitato, ma solo in fase di progettazione e non dall’utente. Se si deve fare una correzione su una banda acustica estesa si è costretti ad utilizzare contemporaneamente più filtri con frequenze vicine e spesso la somma di questi filtri crea un effetto sonoro disastroso. Nella prossima puntata vedremo quali sono le problematiche di questi filtri specialmente quando se ne fa un uso improprio.

I filtri parametrici

Arrivati a questo punto, il passo successivo può essere solamente uno: gli equalizzatori parametrici.

Nati circa 30 anni fa, sembrerebbero la soluzione definitiva. Scrivo “sembrerebbero” perché se da un lato offrono un’eccezionale versatilità di utilizzo, dall’altro lato comportano spesso un grave decadimento della qualità del segnale elaborato.

Bisogna anche tener presente che in tutto questo lasso di tempo questi equalizzatori non hanno mai avuto uno sviluppo circuitale per cui quelli di produzione recente, a parte la componentistica e l’estetica, sono del tutto simili a quelli di prima generazione.

Per questo motivo gli equalizzatori parametrici dovrebbero essere utilizzati quasi esclusivamente per pura effettistica o per correggere qualche particolare problema, mentre per altri usi più impegnativi dal punto di vista qualitativo (archi, voci, mastering ecc) sarebbe meglio utilizzare equalizzatori tradizionali.

Iniziamo ad analizzare come è fatto e come funziona un equalizzatore parametrico.

La prima cosa che si nota (figura 7) è che viene utilizzato uno stadio di amplificazione per ogni banda (normalmente quattro) e questi stadi sono collegati in cascata. Come è noto, ogni stadio di amplificazione comporta un deterioramento del segnale (rumore di fondo, distorsione ecc), per cui utilizzando quattro stadi il segnale verrà deteriorato quattro volte. Inoltre, essendo i quattro stadi in cascata, gli stadi successivi amplificheranno il deterioramento ed il rumore degli stadi precedenti.

 

Figura 7: schema a blocchi di un equalizzatore parametrico a quattro bande.

Ogni singolo stadio inverte la fase per cui utilizzando 4 stadi la fase di uscita è uguale a quella di ingresso.

Il modulo filtro (normalmente un filtro a stato variabile) rimane sempre inserito nel circuito con la sua uscita al massimo del livello, introducendo una notevole quantità di rumore di fondo anche quando questo filtro non viene utilizzato (figura 8).

Figura 8: dettaglio su una singola banda di equalizzatore parametrico.

Il segnale di ingresso del modulo filtro viene prelevato da una somma/sottrazione dei segnali di ingresso e di uscita del filtro stesso. Questo non crea problemi quando il filtro è in posizione 0 (escluso) perché i segnali di ingresso e uscita sono perfettamente uguali ma in controfase, per cui si cancellano. Quando il filtro viene attivato (esaltazione/attenuazione) i segnali di uscita non sono più uguali ed in controfase rispetto a quelli di ingresso, proprio perché influenzati dal filtro, per cui le variazioni di risposta e di fase vengono riportate all’ingresso del modulo filtro e si sommano creando non solo un notevole deterioramento del segnale ma, qualche volta, addirittura generando delle auto-oscillazioni del filtro stesso.

Se per errore viene esaltata la stessa frequenza su due stadi differenti, queste esaltazioni vengono sommate mandando spesso il filtro in overload.

Recentemente è stata progettata e brevettata una nuova configurazione di filtro parametrico che, eliminando i problemi finora discussi, permette di ottenere un equalizzatore parametrico senza alcun problema di decadimento del segnale audio anche in presenza di correzioni estreme. Questo filtro è configurato in parallelo e non in serie, per cui utilizza un solo stadio non quattro. L’amplificatore di filtro è sempre escluso dal circuito e viene inserito solamente quando viene utilizzato – e solamente nella quantità utilizzata – come succede nei filtri grafici.

La particolarità più importante sta nel fatto che il segnale di ingresso del modulo filtro viene sempre prelevato in un punto del circuito precedente all’equalizzazione, dove è presente un solo segnale completamente privo di variazioni di livello e di fase. Inoltre il controllo di livello è doppio perché agisce contemporaneamente sull’ingresso e sull’uscita del modulo filtro.

Questa configurazione di equalizzatore apre nuovi orizzonti perché, accoppiando alla versatilità di un equalizzatore parametrico il top della qualità, permette l’utilizzo di un solo tipo di equalizzatore per tutte le più svariate applicazioni, anche le più gravose e qualitativamente impegnative.

Dopo aver enumerato – lo ammetto, con qualche punta di sadismo – tutti i vari difetti, parliamo anche dei pregi di questi equalizzatori.

Il primo grande vantaggio dei filtri parametrici sta nella possibilità di variare la frequenza utilizzando un semplice potenziometro doppio con un range da 1 a 10, e questo permette con 4 filtri di coprire tutta la banda acustica anche con notevole sovrapposizione delle bande stesse. Questo evita la necessità, come nei filtri a terzi di ottava, di dover ricorrere a 31 controlli impossibili da installare su un pannello di piccole dimensioni come, per esempio, il canale di un mixer.

Un secondo vantaggio è che sulle bande estreme è possibile cambiare la curva da filtro risonante (peak) a filtro passa-banda (shelf) con una semplicissima commutazione.

Il terzo è la possibilità di cambiare la larghezza di banda (Q) del filtro, e questo permette un vastissimo range di applicazioni impossibile con altri filtri.

Ma in questo ci addentreremo nella prossima puntata.

Ultimi Articoli

General Device Type Format

Vectorworks, Inc., MA Lighting e Robe propongono un nuovo standard aperto per il collegamento di proiettori, console, software CAD e di progettazione/preview

News

Leggi tutto...

PFM – Emotional tattoos tour 2018

Il 19 luglio è tornata a Rimini la band che ha contribuito a scrivere la grammatica del rock italiano, con un nuovo repertorio e una formazione rinnovata

Live Concert

Leggi tutto...

Robe Viva CMY

Viva CMY di Robe è un proiettore a testa mobile con sorgente a LED bianca che offre le continue transizioni di colore della miscelazione CMY.

News

Leggi tutto...

Arri SkyPanel

SkyPanel è una serie di versatili pannelli illuminatori a LED di varie dimensioni, luminosità e caratteristiche, risultato di oltre dieci anni di ricerca e sviluppo di tecnologie LED da parte...

Prodotto

Leggi tutto...

La tecnologia Dante completa la gamma Ecler degli amplificatori compatti della s…

L’azienda spagnola Ecler ha in catalogo due nuovi amplificatori con interfaccia Dante nella serie Compact Amplifier essential

News

Leggi tutto...

Biagio Antonacci Tour 2017-2018

Dopo la pubblicazione del disco Dediche e Manie a novembre dell’anno scorso, Biagio Antonacci si è imbarcato in una tournée invernale nei palazzetti italiani. Un successo strepitoso per Antonacci in...

Live Concert

Leggi tutto...

Music Inside Rimini 2018 – +20% di presenze

La manifestazione si conferma punto di riferimento per il settore dello show business.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Nuova serie di mixer digitali Allen & Heath SQ

Allen & Heath ha presentato la nuova serie di mixer digitali SQ a 96 kHz

News

Leggi tutto...

AVS Group per Miss Italia 2017

La finale del 78° concorso di bellezza è stata trasmessa il 9 settembre su LA7  

Produzioni e studi

Leggi tutto...

L-Acoustics P1

Il nuovo processore e piattaforma di misura della casa costruttrice francese L-Acoustics è uno dei primi prodotti sviluppati per essere pienamente conforme ai requisiti del protocollo Milano.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:20980

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19559

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17269

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:15217

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14974

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14972

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:14573

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14070

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13744

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:13399

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.