Indipendenti Dentro

 di Stefano Lentini

Preludio

Non mi sono mai piaciuti gli articoli post-mortem dove i giornalisti, gli amici, o i sedicenti tali, si dilungano in racconti estetizzanti e creano una mitologia dell’artista assente raccontando l’eroismo e il narcisismo dell’io-c’ero. Non mi sono mai piaciuti gli addii da settimanale d’arte e cultura, le memorie a cascata d’angelo dei columnist musicali, le biografie postume da ricerca su Wikipedia, i commiati a sfondo artistico.
Ho sempre provato un leggero disagio nel leggere momenti di vita privata che in nessuna altra circostanza potrebbero essere raccontati, nel leggere di aspetti fuori dalla musica, fuori da quello che ogni artista lascia sapere di sé.

Intermezzo

Eppure la notizia della scomparsa di John Renbourn mi obbliga a condividere una sensazione con i miei lettori perché John è un pezzo della mia indipendenza e di quella di cui mi piace parlare e discutere su queste pagine. Chi è John Renbourn: un chitarrista brillante e innovativo che ha conosciuto una grande fama nell’epoca del cosiddetto revival folk con i suoi Pentangle e che negli anni successivi ha continuato a suonare nelle bettole di tutta Europa sempre con il sorriso, con lo stupore del menestrello e la dedizione di chi sa rispettare e onorare il miracolo della sua esistenza. Per me tutto è cominciato attorno al 1988, quando a quattordici anni dopo aver assistito ad un concerto di Stefan Grossman, scopro il suo più “medievale” compagno Renbourn. Per me è stato amore, un amore che ha trasformato la mia chitarra in un essere che avrebbe potuto avere solo corde in metallo ed essere suonata solo con la tecnica del fingerpicking, mescolando blues, new age, medioevo, rinascimento e musica popolare. A quell’epoca risale il mio primo autografo, con tanto di stella a cinque punte, il simbolo della sua band oramai sciolta alla quale credo fosse davvero molto legato.
Ho seguito John nei suoi concerti romani al Folkstudio ogni anno, fino al 1994, anno in cui grazie a qualche amico in comune ci siamo ritrovati a passare una bella serata al Green Rose di Passeggiata di Ripetta, tra canzoni, birra e una nuvola di fumo pazzesca: si fumava nei locali all’epoca. Io quella sera ho avuto l’onore di suonare per la prima volta la sua chitarra, una Franklin – una chitarra che ha influenzato per anni la mia direzione musicale. Io come migliaia di altri chitarristi nel mondo devo a John qualcosa di speciale, qualcosa che lui ha dato a me con i suoi brani, le sue reinterpretazioni, le sue canzoni stonate ma profonde più del mare, la sua trance musicale. Poi da allora la nostra conoscenza si è fatta un po’ più approfondita fino ad arrivare all’ultimo incontro l’anno scorso, finito a bere Bordeaux nel silenzio di una notte estiva toscana e a chiacchierare di un futuro progetto insieme. Non so bene come, ma John mi disse quella volta la cosa forse più bella che potessi immaginare: il mio album Stabat Mater l’aveva ispirato e mi ringraziava. Cosa? Lui ringraziava me per la musica? Non si poteva sentire, John! Ma che dici sono io che ti devo tutto per i tuoi ottocento meravigliosi dischi che ci hai donato! Poi ho capito... era ubriaco.
John per me è uno dei pochi sulla faccia della terra ad essere riuscito a mantenere nei decenni l’onestà del novizio talentuoso. Tra il primo e l’ultimo disco passa un universo di storia eppure ci trovi la verità non corrotta della musica come espressione di sé, non come mero prodotto discografico, senza quella deturpazione che segue il successo, quella forma di arroganza che diventa forma senza sostanza, noia, assenza di idee ed esecuzioni impeccabili.
Non è la coerenza di perseguire un genere. È la lealtà verso se stessi, la capacità di continuare a restare critici senza prendersi sul serio grazie agli occhi degli altri. I fan sarebbero disposti ad applaudire anche un semplice respiro eppure alcuni, pochi, riescono a non perdersi negli occhi degli altri, a cercarsi dentro e ad offrirsi fuori solo a patto di avere cose da dire.
Ecco perché Indipendenti Dentro deve tanto a John, deve la forma del suo archetipo.
Non sono molti i musicisti che durante tutta la loro produzione non hanno mai ceduto al meccanismo della piacioneria da star. Niente cappelli speciali, occhiali a specchio, pose interessanti, canzoni che rigurgitano idee passate ma col potenziale di vendere ancora. Io ho la mia lista segreta, sono pochi, sono maestri nella musica ma non solo, ti sanno insegnare che essere te stesso significa salvarti, salvare la musica, salvare l’espressività, salvare l’arte. Viva John!

Finale

Una piccola discografia, arbitraria e incompleta, solo per iniziare:

1-sirJohnAlotOf 

Sir John Alot Of (1968)
Viaggio intenso e magico tra medioevo e blues, un’affinità inattesa.


2-ThePentangle

The Pentangle (1968)
Sitar, blues, batteria, una formazione quasi jazz che fonda in modo geniale generi diversi creandone uno nuovo, è il revival folk, ma con i Pentangle diventa qualcos’altro ancora. Con Jacqui McShee (voce), Bert Jansch (chitarra), Danny Thompson (contrabbasso) e Terry Cox (batteria).


3-theladyandtheunicorn

The Lady and the Unicorn (1969)
Medioevo e Rinascimento in forma di fingerpi- cking, l’inizio di un’epoca.


4-theblackbaloon

The Black Balloon (1979)
Un album per sola chitarra, qui John unisce la precisione del timing con uno swing creando una terza dimensione. Non saprei dove altro trovarla, forse nelle più belle esecuzioni pianistiche di Chopin, quando il rubato diventa un universo a sé.


6-thethreekingdoms

The Three Kingdoms (1986)
È un duo con l’americano Stefan Grossman, di grande solidità, poesia.


5-TheNineMaidens

The Nine Maidens (1985)
Questo è l’inizio di un linguaggio nuovo ancora da esplorare. La chitarra acustica che pur man- tenendo tutta la dolcezza che può offrire, sfiora territori più sperimentali.


7-palermosnow

Palermo Snow (2011)
È l’ultimo album di John, uscito nel 2011. Quattro anni fa l’avevo recensito così: Il bello di John Renbourn è che è vero. Ogni cosa che fa, un concerto, un album, un wor- kshop, un video, c’è sempre un gran senso di onestà e genuinità che pervade le sue espres- sioni. La sua musica, anche quando è virtuo- sa, è lontana anni luce dal tecnicismo scabro, ogni nota è necessaria. Questo disco sembra un omaggio alla sua dimensione live, dove il chitarrista inglese offre al pubblico un mondo musicale sospeso che non era mai finito dentro a un disco, in più c’è un’attitudine a metà tra un blues primordiale e un’orchestrazione rinasci- mentale. I clarinetti di Dick Lee accompagnano come un’ancia barocca le circonvoluzioni melo- diche eleganti e rilassate delle sue melodie: un veterano che non invecchia. Cosa rara.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

QSC Festeggia 50 Anni con il Nuovo Sub KS112

Alla fiera NAMM, a Los Angeles, QSC annuncia il nuovo subwoofer amplificato KS112, progettato per le applicazioni nelle quali la dimensione compatta è un’esigenza prioritaria.

News

Leggi tutto...

Selfiebot, il primo robot pensato per il mondo degli eventi

Un robot fotografo che viaggia, parla e interagisce con il pubblico, ideato da Enrico Penzo e Brig Glaser.

News

Leggi tutto...

Adam Hall Group Experience Center

Adam Hall Group inaugura il nuovo Experience Center, in Germania, con una grande festa e uno show di prim’ordine.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Leggi tutto...

Robert Juliat alla fiera PLASA 2018

Il costruttore francese esporrà diversi nuovi prodotti alla fiera PLASA 2018, a Londra (presso l’Olympia, 16-18 settembre) insieme al distributore per il Regno Unito, Ambersphere Solutions, presso lo stand K40.

News

Leggi tutto...

General Device Type Format

Vectorworks, Inc., MA Lighting e Robe propongono un nuovo standard aperto per il collegamento di proiettori, console, software CAD e di progettazione/preview

News

Leggi tutto...

PLASA Show 2018 ha annunciato la prima serie di seminari

Plasa Show ha iniziato a pubblicare i primi seminari e workshop in programma durante i tre giorni dell’esibizione londinese il prossimo settembre

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Audio Analyzer – quarta parte

Quarta parte: le soluzioni basate su strumentazione analogica tradizionale di nuova generazione.

Tecnologia

Leggi tutto...

Outline Newton v0.76

Outline annuncia un importante aggiornamento firmware/software per Newton.

News

Leggi tutto...

Claudio Baglioni – Al Centro dell’Arena di Verona

Per festeggiare i cinquant’anni di carriera, Baglioni regala ai propri fan uno spettacolo di tre notti all’Arena di Verona con uno show a 360°.

Live Concert

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:22475

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:21445

Leggi tutto

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:20596

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:20079

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17699

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:16380

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:15748

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15374

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15358

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14531

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.