In Mondovisione

0
0
0
s2smodern

di Marzia Cravini - foto di Jarno Iotti

22GENNAIO2015BUENOSAIRESIl tour, prodotto da Riserva Rossa e F&P Group, booking e logistica a cura del dipartimento internazionale di F&P Group, ha preso forma a Trieste poche ore prima del concerto al Nereo Rocco. Franco Comanducci, in viaggio "Il Maratoneta", si presenta con una valigia a tenuta stagna e le regole del gioco: “tutto deve stare qui dentro, imbarco in stiva, niente cargo, muoviamo tutto e tutti insieme. Uno strumento a testa main, spare in loco. Due mixer da 32 canali in tour, capite come riuscire a portarli in giro senza rompere nulla”.
Condiviso e battezzato “Ilpesodellavaligiatour”, di nome e di chat, che ha tenuto compagnia a molti durante le notti insonni di chi non aveva conforto e pace dalla melatonina né dagli Shakespeare: ore 6.30 appuntamento per colazione internazionale a base uova, maiale, zuppa di wanton, spaghetti cinesi, sushi, frutta esotica, caffé americano.
La Mondovisione doveva essere ed è stata un’esperienza collettiva. Nelle settimane successive abbiamo messo insieme tutto il materiale professionale a seguito: 19 valigie professionali a tenuta stagna, ciascuna inferiore ai 32 kg e ai 203 cm di perimetro, 22 valigie personali, 43 valigie in tutto, 910 kg, 20 persone; Francesco Del Maro, capogita per F&P Group, operativo ed efficace in ogni stato, ha svolto un lavoro preciso e meticoloso sugli spostamenti e le forniture locali: particolarmente dotato in anglo-grammelot, si è efficacemente esibito durante le 24 ore trascorse davanti ai check-in per la contabilizzazione del peso delle valigie.
Avremmo potuto incorrere in svariati problemi nel trasportare 500 kg di materiale professionale per il mondo ma abbiamo pensato e organizzato ogni movimento e il collettivo ha superato dogane e controlli senza lasciare nulla in terra straniera.
Toronto, New York, Los Angeles, San Francisco, Miami, San Paolo, Buenos Aires, Sydney, Melbourne, Tokio, Shanghai: 16 voli di cui sei intercontinentali, 100 ore di volo, nove dogane, 56 ore di attesa per l’imbarco, 14 timbri sul passaporto, 1800 sigarette non fumate.
Undici concerti sold out, 500 persone nei locali più piccoli, oltre 2000 nei teatri. Pubblico caldo e preparato. È d’obbligo ricordare la sala del Phase Club diTokio strapiena di fan solo giapponesi magnifici nel cantare all’unisono i pezzi in italiano.
Nessun problema tecnico, abbiamo portato solo quello che non avremmo trovato: load-in ore 14, ore 17 pronti per il sound check.
Alla composizione e decomposizione dei bagagli Salvo Fauci, Ghery Tassi, Fede Galazzo: due chitarre elettriche, una chitarra acustica, un basso, una tastiera Nord Stage, piatti, pedaliere, due cavi CAT5 da 100 m, un D Rack, production facilities e toolboxes.

Un accurato lavoro di pre-produzione basato sul confronto con i responsabili delle varie venue ai quali abbiamo mandato una backline request, un audio staff e una channel list ci ha permesso di tenere alto il livello musicale; un lighting plot piuttosto basico ma comunque in grado di poter garantire una resa qualitativamente alta.

Casa viaggiante dei mixer due valigie standard da turista tropicale, opportunamente preformate con foam su misura che li ha protetti perfettamente.
Ai due gioielli DiGiCo SD11, mixing bags 13 e 14: Stevan Martinovic, Remo Scafati, Alberto Butturini: “Potrebbe non risultare credibile, ma la parola d’ordine dello staff audio per questo giro del mondo in quaranta giorni (Jules Verne non ci crederebbe) è stata: “no calvario”.
Starting point, la decisione presa con Luciano Luisi di ridurre la lista canali al minimo assoluto, solo il necessario in pieno spirito rock’n’roll. Da qui, la possibilità di portare con noi i due mixer DiGiCo SD11 opportunamente “sessionati” in due giorni di prove ed un DiGiCo D Rack da 32 canali. Cavo CAT5 e via andare.
Microfoni “alla vecchia”, visionate le liste residenti nelle varie venue abbiamo ricavato un set standard che abbiamo quasi sempre replicato con rare ed equivalenti sostituzioni. Unica concessione all’ego fonico quella di portare con noi i microfoni DPA d:Facto II di Luciano.
Non potevano mancare inoltre, come archivio storico, le registrazioni multitraccia di tutti gli show in puro stile on the road, due portatili e due interfacce da riporre in tasca.
Tutto questo semplicemente per sfatare il millenario mito che dice “melius abundare quam deficere”.

Alle luci intercontinentali Jò Campana: “...quando l’ipotesi delle date all’estero ha cominciato ad essere realistica ero già mentalmente preparato ad affrontarla in modalità ‘snella’, detto volgarmente in due parole – TUTTO SUL POSTO – e, in effetti, di comune accordo con il management e la produzione, abbiamo ritenuto essere questa la soluzione più sensata e funzionale al progetto”.
“Entrando un minimo nello specifico – spiega Jò – una dotazione di corpi illuminanti non numericamente eccessiva ma di assoluta affidabilità ed un mixer che ne assecondasse la gestione in modalità ‘ready-to-go’. Tecnicamente parlando non aveva senso affrontare un discorso di ‘cloning’ o di ‘merging’ visto che la situazione da cui venivamo (stadi) era troppo differente per dimensioni e numeri e, quindi, ogni sera in qualche modo mi sono dovuto inventare uno spettacolo nuovo.
“Posso aggiungere – dice Jò – che personalmente trovo questo tipo di condizione sempre stimolante, oltrechè formativa, ed il fatto che tuttora non disdegni di fare tour anche nei club o in piccoli spazi, mi aiuta ad approcciarmi con la giusta mentalità a questo tipo di situazioni.
“Una cosa che ho constatato girando i vari continenti è l’effetto ormai comprovato della globalizzazione anche nel nostro settore; mi spiego meglio: dal Sud America al Canada dall’Austalia alla Cina ho sempre avuto a disposizione console GrandMA serie 1 o 2, motorizzati Martin o Vari*Lite , tutti marchi leader consolidati nel nostro settore e ormai di facile e immediata reperibilità in ogni parte del pianeta.
“Una postilla a parte –aggiunge Jò – la vorrei dedicare al concerto di Tokio, l’unico di questo secondo segmento del tour svolto in un club tanto minuscolo quanto affascinante: capacità 350, palco piccolissimo, soffitto basso, una dotazione luci composta da incandescenze di vari tipologie e dimensioni... il tutto disposto in modo apparentemente casuale ma che nell’insieme risultava esteticamente coerente ed ordinato in puro stile Japan.
“E poi come non ricordare la lighting-girl residente, in quell’occasione mia efficientissima assistente con la quale un po’ a gesti, un po’ a disegni abbiamo effettuato i puntamenti e la programmazione sulla spartana console del locale (vi ricordo che in Giappone quasi nessuno parla inglese e lei men che meno).
“Insomma – aggiunge Jò – un’avventura davvero positiva e non solo dal punto di vista strettamente professionale, direi da parte mia anche un’opportunità per sviluppare capacità di relazione oltre alla possibilità di ‘esplorare’ mondi che ancora non conoscevo.
“Concludendo, un’esperienza da ripetere al più presto! Anzi, dirò di più: e chi sarebbe mai tornato?!”.

Alla documentazione di ogni visione, istigatore di saudade, photographer suitcase number 2, Jarno Iotti: otto GoPro, tre obbiettivi, due macchine fotografiche, ci ha contagiato con la sua passione di cogliere l’attimo e custodire ricordi.
Nel tempo disponibile ognuno ha cercato di cogliere odori e sapori a seconda del proprio palato, scegliendosi i luoghi, i tempi e i compagni di viaggio. C’è chi si è rifatto il guardaroba, chi ha perso l’orientamento fino a farsi rapinare per le strade di Buenos Aires. Ci siamo riempiti gli occhi di immagini, di facce, di scritte e graffiti, abbiamo assaggiato, camminato, navigato, speso e scoperto insieme. Le gite migliori: crociera nella baia di Sydney la mattina dell’Australia Day mentre due rimorchiatori in mare ballavano il Bolero di Ravel, pellegrinaggio al mercato del pesce di Tokio e colazione a base di sushi e ostriche in loco, Shanghai by night, il vento di Bondi Beach a Sydney, la cerimonia per la consegna della chitarra autografata di Ligabue al Hard Rock Café in Times Square.
Insomma, un treno è passato e con entusiasmo siamo saliti, qualcuno avrebbe voluto scendere dopo qualche fermata, qualcuno è sceso, qualcun altro avrebbe proseguito, alla fine siamo tornati tutti più ricchi e appagati, restiamo sul binario in attesa del prossimo passaggio.
Grazie a tutti per il tempo bello… #civuoleunabellabuccia

Il Manager – Claudio Maioli

In un tour che si chiama “Mondovisione” ci stava bene un giro al di fuori dell’Italia.
Lo abbiamo organizzato pensandolo sotto vari punti di vista, partendo dal presupposto che all’estero non abbiamo mai investito un euro, quindi era un giro senza ambizioni, fatto per divertirci: una sorta di viaggio premio per i collaboratori che ci seguono da tanti anni, anche  perché capita a cavallo dei nostri 25 anni di carriera, anni in cui la musica ci ha dato tanto e in qualche modo era giusto restituire qualcosa.
Con Luciano ci scherzavamo sempre, e lui diceva che sarebbe andato all’estero solo se fossimo andati a suonare anche a Tokio! Quando gli ho presentato il programma con una data a Tokio non poteva più tirarsi indietro!
Volevamo anche fare un viaggio per capire nell’era di internet cosa succede all’estero: ad esempio abbiamo scoperto che in Brasile c’è un gruppo che fa le cover di Luciano da 10 anni!
Abbiamo scoperto diversi fan un po’ ovunque, non solo italiani: a Tokio erano tutti giapponesi, partiti tutti educatini hanno finito per ballare per tutto il concerto! Ad esempio abbiamo anche capito che in Sud America potrebbero esserci delle possibilità per la nostra musica, perché il classico melodico latino, alla Pausini, per capirci, sta facendo posto ad una musica più rockeggiante… quindi penso di lavorarci un po’ mandando dei singoli per radio, facendo girare anche in internet maggiormente il nome di Ligabue.
Il giro, stabilito con Salzano ed Ivana Coluccia di F&P Group, è stato diviso in due tronconi, una prima tranche in America del Nord, Canada e US, durato una ventina di giorni, in teatri o club rock che andavano dalle 3500 persone alle 500-800 persone; Los Angeles era sold-out ma era un posto da 550 persone, anche se la scritta sold-out fa sempre piacere. In seguito abbiamo fatto una seconda tranche di 26 giorni, se non erro: America del Sud, Australia, Giappone, Cina e Milano.
Abbiamo suonato anche a Tokio e Shangai dove abbiamo trovato un centinaio di fan, e la cosa ci ha divertito molto; in Cina erano persone con qualche legame con l’Italia, mentre a Tokio erano tutti giapponesi curiosi: in una città da 15 milioni di abitanti 500 curiosi sono probabili.

Con noi abbiamo portato  i collaboratori più stretti, fonici, lighting designer, backliner… e devo dire che davvero abbiamo tecnici straordinari.
Eravamo in giro in maniera molto rock&roll, ma avevamo anche molti giorni di off in cui ci siamo potuti godere i posti; si è creata una bellissima intesa anche nella squadra, cosa che servirà per il nostro lavoro.
Avevamo i nostri bagagli a mano, il trolley e 19 valigie con dentro l’attrezzatura per lo show! Per fortuna non se n’è persa mai nessuna.
Tutto questo chiarendo ai ragazzi che sarebbero stati pagati poco ed avrebbero scaricato le valigie! Però sono stati tutti felici, siamo tornati arricchiti da questa esperienza vissuta insieme. Anche Luciano è stato contentissimo ed entusiasta.
Sono capitati diversi episodi più o meno divertenti. Ad esempio, siamo sempre andati in alberghi belli: a Tokio eravamo in un super albergo, con una hall immensa, da albergo cinque stelle superior… solo che arrivati in camera abbiamo scoperto che quelle erano minuscole, non ci entravano nemmeno le valigie ed abbiamo dovuto prendere una stanza in più solo per i bagagli! Allora ci hanno proposto una suite più grande… di un metro! Insomma una concezione ben diversa dal resto del mondo.
Tecnicamente ci siamo portati dietro l’indispensabile, molto rock&roll, un ritorno alle origini.
Con 20 valigie si può fare un tour? Già… a cosa servono 20 bilici? Ci penserò!

Live al QSW Culture Center di Shanghai

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA
gall icon

Vuoi vedere altre foto e rimanere aggiornato sugli ultimi concerti? CLICCA QUI!

vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

AVS Group

Dal laboratorio di riparazione TV ai robot per lo spettacolo.

Azienda

Leggi tutto...

High End Systems SolaFrame 750

La casa costruttrice texana presenta un nuovo sagomatore a testa mobile della famiglia SolaFrame.

News

Leggi tutto...

Tre nuovi Proiettori Ayrton

MagicBlade-FX, Arcaline 3 e Merak in vetrina alla fiera ProLight+Sound 2017

News

Leggi tutto...

Luciano Ligabue – Made in Italy Tour

Abbiamo assistito all concerto di Luciano Ligabue del 4 settembre all’RDS Stadium di Rimini, da dove è ripartito il tour interrotto a causa dei problemi alle corde vocali.

Live Concert

Leggi tutto...

Tre mesi di soluzioni personalizzate MILOS

Per tre mesi, da gennaio fino a marzo, MILOS offre a tutti i suoi clienti l’analisi di soluzioni personalizzate

News

Leggi tutto...

Audio networking - Seconda Parte

 La seconda parte di una serie di articoli sul trasporto audio in rete. Qui riproponiamo alcuni concetti di base.

Tecnologia

Leggi tutto...

Prolights a ProLight+Sound 2017

Tante novità sotto la bandiera ProLights alla fiera di Francoforte.

News

Leggi tutto...

Nova Maxline Series

La serie MaxLine comprende il satellite M 5 – dedicato alle frequenze medio-alte – e il subwoofer E 218SUB

Prodotto

Leggi tutto...

Yamaha TF-Rack

Nuovo mixer rack-mount della serie TF

News

Leggi tutto...

Spazio Tondelli

Un luogo per la cultura e lo spettacolo al centro di Riccione.

Installazioni

Leggi tutto...

I più Popolari

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:18505

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:17534

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16275

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14232

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14119

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:12832

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:12208

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Live Concert

Hits:11844

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:11440

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:11402

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.