Indipendenti Dentro

0
0
0
s2smodern

di Stefano Lentini

Quando scopri una verità, di qualunque entità essa sia, improvvisamente ti accorgi che attorno a te c’erano già tutti i segnali e le manifestazioni della sua esistenza. Si trattava, come sempre accade, di vedere le cose, più che di trovarle. Sono più o meno millenni che l’essere umano scopre e disfa le stesse cose, ed ogni volta occorre riscoprirle perché un’epoca, una cultura o una società prima maschera e poi svela. Sembrerebbe quasi che l’uomo agisca come una sinusoide, la stessa delle onde sonore, con un continuo cambio di polarità. Tre, quattrocento anni fa il filosofo napoletano Giambattista Vico li aveva chiamati “corsi e ricorsi storici”, oggi dobbiamo stare attenti a non utilizzare questa visione come strumento per l’accettazione incondizionata delle ingiustizie.
Ma scoprire una verità non è un processo che può accadere tra le righe di una rivista o dentro ai luoghi di discussione mediatici. Scoprire una verità, e dunque cambiare, è un evento che accade dentro, nelle profondità viscerali dell’individuo. È un evento che risuona dentro e fuori e muta i contorni e i confini della realtà.
Anche nell’arte esistono dei cambiamenti e non sono eventi che possono essere decisi a tavolino. Per questo è sempre meglio far parlare una canzone piuttosto che un’autobiografia, l’opera più della recensione.
È necessario innovare, in ogni settore. Ma non è ripetendo maniacalmemte “devo innovare, devo innovare, devo innovare…” che arriverà l’innovazione. Non è neanche raccontando in giro di essere innovatori che accadrà qualcosa. L’innovazione arriva sempre da chi forse meno si occupa di necessità estetiche e più di bisogno espressivo.
Una storia zen racconta di come un allievo bramoso di successo chiese al suo maestro quale fosse la chiave per poter diventare un grande saggio. Disposto a tutto, disse al maestro che qualsiasi cosa gli avesse detto di fare, l’avrebbe fatta. Il maestro ci pensò su un momento e poi gli disse che sarebbe stato sufficiente arrivare al giorno dopo senza mai aver pensato alle scimmie. Il giovane allievo era soddisfatto, niente di più semplice! Bastava così poco? Tra l’altro lui non si occupava mai di scimmie e non ci sarebbe stata cosa più facile che continuare a non pensarci. Così se ne andò pronto a tornare il giorno dopo per diventare anche lui maestro.
La sera giunse, il buio pervase le colline e il giovane allievo si coricò per dormire. Nessuno può immaginare quanto le scimmie invasero i suoi pensieri e i suoi sogni. Frotte di scimmie occuparono la sua notte senza lasciarlo un minuto tranquillo, mai ne aveva immaginate tante in tutta la sua vita: scimmie parlanti, scimmie-allieve e scimmie-maestre, scimmie giganti e minuscole, buone e cattive.

Era Paul Gauguin che disse una volta “l’arte è plagio o è rivoluzione”. Questo pensiero funziona bene come titolo, come mirabolante virtuosismo intellettuale, ma è molto riduttivo. Funziona in una visione del successo, del super-uomo, del rivoluzionario radicale, ma non rende giustizia a chi l’arte la pratica con onestà, come forma espressiva peculiare. È da qui, da questa attitudine di rispetto verso la verità interiore che nasce la vera rivoluzione. Sia essa il jazz dei primordi, quello che nasceva dal blues degli schiavi esausti, o il rock misterioso e senza continuatori di Jeff Buckley.
Il plagio è un’altra cosa: è noia, disincanto, paura, fuga. Ma tra il plagio e la rivoluzione ci sono tante altre sfumature di verità possibili.
Non possiamo trattare la musica come l’argomento di un libro di storia perché rischiamo di concepirla come una piramide evolutiva che parte dal sonaglio da caviglia per giungere all’elettronica dei Daft Punk. Anche se siamo abituati a farlo, a trovare una sorta di progressione causa-effetto, che tassello dopo tassello ci spinge dai Led Zeppelin ai Black Sabbath, dagli AC/DC ai Metallica, dai Nirvana ai Muse in realtà se mescoliamo le carte scopriamo che cose che sembrano più avanzate risalgono ad epoche più remote, e viceversa, cose semplici al presente. Le rivoluzioni però esistono eccome perché non appena normalizziamo una visione abbiamo bisogno di trasgredirla. La sinusoide.

Del plagio come forma di furto d’idee si può parlare per ore, quando non è deliberato può essere inerzia, caso, indolenza, stasi. I buoni artisti prendono in prestito, i grandi, rubano – ha detto una volta Picasso – mentre Warhol ha ripetuto più d’una volta la frase attribuita a Chet Atkins: copiare un artista è plagio, copiarne cinque è ricerca.
Sulle rivoluzioni invece il discorso si fa più misterioso, ogni cambiamento è stravolgente, illumina la strada di una nuova luce e offre spunti che improvvisamente diventano palesi. Non possiamo tuttavia prevederle e laddove le cerchiamo a tutti i costi facciamo la fine dell’allievo Zen con le scimmie del suo maestro.
La chiave di volta forse è nel rispetto delle individualità e quando la tecnica riesce ad essere messa al servizio delle peculiarità del singolo, allora arriva una forma di magia. Che sia danza, tennis o contrabbasso, la pura tecnica applicata per regole esatte in genere tende a produrre ottimi esecutori, forse troppo robotizzati e prevedibili per diventare degli inventori. Quando invece un insegnante visionario riesce a trasformare la tecnica in un intreccio di stimoli per potenziare un talento allora è lì che comincia a librarsi nell’aria una piccola rivoluzione.
Purtroppo siamo abituati a una regolamentazione dell’espressività che comincia alle scuole materne con il colorare dentro ai contorni di un disegno fatto da qualcun altro. Poi c’è lo studio della poesia come esercizio di memoria di quella scritta dagli altri, la letteratura come elenco di fasi evolutive della scrittura, l’arte senza pennelli in mano. Il rischio di imparare tutto senza capirci nulla è alto. Per fortuna i trasgressori non mancano.
Oppure finiamo a lottare una vita per riuscire a cancellare un pezzettino di quel bordo all’interno del quale avevamo colorato una visione della realtà suggeritaci da un sapiente adulto con apparente innocuità.
Anche disegnare una nuvola può essere un atto rivoluzionario se a guidarne il tracciato è un’idea personale, una visione sincera, una sensazione privata.

Qualche anno fa ho composto una musica usando il mio vecchio registratore a bobine. In questa musica avevo sognato, creato e volato sentendomi sul picco della montagna, avevo scalato il mio K2, valicato i limiti più oscuri e raggiunto mete importanti. Il modo in cui il basso elettrico seguiva le note della melodia era una mia invenzione, l’arrangiamento era una novità, la chitarra acustica sperimentava accordi mai sentiti prima d’ora. Il tema era penetrante e dolce, piccolo e universale. Avevo creato un’opera importante, almeno per me, per il mio percorso personale. Peccato scoprire poco dopo che senza accorgermene avevo riprodotto Over The Rainbow cantata da Judy Garland, la celebre canzone del Mago di Oz scritta nel 1939. Che colpo.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

I proiettori Prolights utilizzati per il festival polacco Meskie Granie

Un debutto eccezionale in Polonia, in occasione del festival itinerante Meskie Granie, per i nuovi prodotti Prolights

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

AMG: Nasce la partnership con NEXO

AMG International ha acquistato per il reparto audio gli ultimi prodotti della casa francese Nexo

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

AEB Industriale cerca Export Area Manager per l'Europa

AEB Industriale, rinomata azienda italiana produttrice e distributrice di apparecchiature audio professionali con sede a Bologna, cerca Export Area Manager da affiancare al Responsabile Vendite dell’Area Europa, nella gestione dei...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

RM Multimedia presenta d3 Technologies e BlackTrax

Una presentazione con specialisti di prodotto inglesi si è svolta presso la sede dell’importatore italiano RM Multimedia.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Disponibile la nuova serie FT di elevatori FANTEK

È disponibile la nuova serie FT di elevatori FANTEK che era stata presentata al Prolight+Sound di Francoforte ed era in esposizione nello stand di Audio Effetti al Music Inside Rimini.

News

Leggi tutto...

Convegno a MIR 2018: Il “nostro” Modena Park

Un convegno di due ore con i principali componenti dello staff tecnico che ha sviluppato e fatto funzionare la macchina per il grande evento dello scorso luglio a Modena con...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

K‑array - Mastiff KM112 
e KM312

Un rapido approfondimento sui nuovi performanti wedge monitor della serie Concert prodotti dalla dinamica azienda toscana

Prodotto

Leggi tutto...

Coda Audio APS

Un nuovo interessante sistema audio Arrayable Point Source dalla casa costruttrice tedesca

News

Leggi tutto...

Live You Play @ MIR 2018

Dodici palchi: 72 spettacoli dal vivo, 72 demo di prodotto e 36 virtual check nei tre giorni di manifestazione

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:19483

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19111

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16846

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14685

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14615

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:13872

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13294

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:13206

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12607

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12234

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.