C’era una volta il DMX

0
0
0
s2smodern

di Aldo Visentin

Pugni e DMX

È oserei dire stomachevole la quantità di corsi e incontri che ho sostenuto parlando del DMX (questo sconosciuto). Molti amici, colleghi e compagni, continuano a odiarmi per aver inflitto loro vistose complicanze nella loro testa, riguardo questo oggetto invisibile che permette di gestire le luci. Molti di noi preferiscono convivere con questo amico senza farsi troppe domande, lasciando il “fantasma” libero di correre dentro il cavo di turno senza troppo disturbarlo. A volte però è il fantasma ad essere disturbato, e quindi si palesa in tutta la sua ferocia, attraverso le sue tipiche schizofrenie da film dell’orrore sui malcapitati proiettori.

Al fine di conservare la mia integrità fisica (diciamo per evitare qualche pugno in faccia) non parlerò del DMX, ma di ciò che prima o poi ci troveremo ad affrontare, ossia come dare al DMX una via di comunicazione più potente e più veloce.

Alle prime armi di questo mio presunto mestiere si cominciava già a pensare al DMX, e considerato che la cosa risale al 1986, direi che il bravo protocollo comincia a diventare alquanto datato. Tuttavia la maggior parte degli spettacoli (di medie e piccole dimensioni) continuano ad essere popolati dall’inossidabile DMX che corre dentro un filo che il più delle volte risulta essere pure quello sbagliato. Facendo perciò un paio di nostalgici conti alla buona, possiamo ricordare che, all’epoca, il processore di “riferimento” era lo Z‑80 (Zilog); molti di noi si cimentarono con gli Sinclair Spectrum giusto? Ebbene lo Z‑80 operava ad una frequenza di 2,5 MHz. La cosa oggi fa ridere alquanto, considerato che i nostri processori “corrono” circa mille volte più veloci.

DMX fu pensato per poter essere gestito dall’allora tecnologia, e per questo esso di norma viaggia a 250.000 bit/secondo. Semplicemente significa 400 volte più lento di una connessione fast Ethernet e 4000 volte più lento di una connessione Gigabit Ethernet.

Tutta colpa di Internet

Col passare degli anni abbiamo assistito tutti all’evolversi delle tecnologie e se 15/20 anni fa bastava un numero ragionevole di canali per gestire un parco luci, oggi lo stesso parco “consuma” molti molti più canali. Anche se si osservano le console, non possiamo fare a meno di notare che quattro uscite DMX, che sembravano tante fino a qualche anno fa, oggi possono calzare strette.

L’avvento dei proiettori a LED e relative matrici realizzabili (anche a basso costo), sono il caso tipico dei giorni nostri, dove una piccola matrice di 12 X 12 LED RGB si “succhia” quasi un universo DMX.

L’avvento di internet con tanto di hardware e software per il networking tra computer ha inevitabilmente portato taluni a pensare di utilizzare protocolli che si basano su TCP‑IP per trasportare anche il controllo luci, con tutti i vantaggi del caso.

Diversi protocolli sono quindi apparsi in questi anni, alcuni open altri proprietari; tutti comunque con medesimo comune denominatore, ossia “trasportare” il DMX attraverso TCP‑IP. La cosa può apparire complicata, ma in realtà il protocollo TCP‑IP definisce le sole regole di vettore del DMX; in altre parole fa lo spedizioniere e si occupa che la merce arrivi a destinazione in maniera corretta.

I vantaggi di un sistema di questo tipo sono molteplici anche se il nostro “end” rimangono pur sempre degli apparecchi che comprendono il solo DMX. A onor del vero qualche proiettore sarebbe pure in grado di dire qualcosa (già da mo’) ma DMX, per come lo conosciamo noi, non glielo permette a meno di porgli alle calcagna un signor traduttore simultaneo che si chiama RDM. Di certo se un giorno tutti si mettessero d’accordo nel trovare un linguaggio unico dove ognuno ha diritto di replica da ambo i lati, le cose potrebbero andare meglio. Tuttavia si sta lavorando in questo senso e il trasporto DMX su rete naviga a favore di tutto ciò.

Autostrade DMX

Il protocollo che per primo appare nel trasporto del DMX via rete è ArtNet (ora il più diffuso). Molte console già dispongono di adattatori di rete incorporati che oltre ad essere utilizzati nell’ambito del networking con altre console dello stesso tipo, sono adepti alla trasmissione del DMX via ArtNet. Ma ArtNet non è l’unico, giusto per menzionarne altri: ArtNet 2, ArtNet 3, StreamingACN (sACN), ESP Net, OSC (Open Sound Control), Pathway Pathport, SandNet, Shownet Strand.

Come sempre in mancanza di regole comunitarie, va a finire che ognuno a casa propria definisce la “propria”, nella speranza che questa diventi poi lo standard, esat琀amente come accadde prima dell’avvento del DMX.

Malgrado il fatto che, ancora di DMX si parli, i vantaggi sono molteplici nell’utilizzo di un sistema di computer networking per il suo trasporto:

-          Possibilità di trasportare una quantità molto molto alta di informazioni (canali e universi) attraverso un layer fisico standard (normali cavi e nodi di tipo ethernet).

-          integrazione del controllo luci a sistemi di altro tipo nelle applicazioni relativamente complesse o multimediali (media server).

-          Gestione del DMX via wireless a basso costo.

-          Controllo bidirezionale “ready” in caso si desideri utilizzare RDM o protocolli che saranno convenzionati.

-          Costi inferiori per la realizzazione del network.

-          Praticità nella realizzazione di sistemi di backup e ridondanze sia lato controllo che lato proiettori.

OLA e la torre di Babele

In antitesi alla Genesi, nella molteplicità dei protocolli di trasmissione Ethernet, qualcuno sta cercando di (ri)costruire una torre di babele DMX, ove tutti possano comunicare pur continuando a parlare la propria lingua. La cosa che sembra ancora molto “underground”, ma potrebbe rappresentare la chiave di volta che mette d’accordo tutti. OLA è l’acronimo di Open Lighting Architecture. Si tratta di un set di applicazioni che colloquiano con un gruppo di hardware a basso costo (widget, dongle, USB DMX) in grado di generare o ricevere DMX e RDM da una o più fonti di protocollo Ethernet sopra menzionate e viceversa. Una sorta di traduttore simultaneo in grado di lavorare con tutti per tutti al fine di trasportare il signor DMX ed eventualmente RDM. OLA è open e può essere utilizzato da tutti, necessita un laptop Mac (non me ne vogliano i PC) e le interfacce USB DMX di uso comune (OLA ne supporta 20). Come traduttore simultaneo può quindi essere utilizzato per testare RDM in linea, per convertire da un protocollo (es. sACN) verso DMX, come DMX recorder, o come traduttore post-consolle DMX.

Per gli smanettoni e chi ne vuole sapere di più consiglio:

www.opendmx.net inoltre: http://www.rdmprotocol.org e http://rdm.openlighting.org; ed infine http://www.raspberrypi.org per i più malati che desiderano cimentarsi con OLA “dal vivo”.

Ultimi Articoli

Nuovi prodotti Bose Professional

Bose professional ha annunciato diversi nuovi prodotti, tra cui un diffusore in linea della serie Panaray, un subwoofer compatto e un diffusore a soffitto in due diverse versioni.

News

Leggi tutto...

Frenexport @ MusikMesse / Prolight+Sound 2018

Il produttore e distributore marchigiano espone i nuovi prodotti dei suoi marchi alla fiera MusikMesse / Prolight+Sound di Francoforte

News

Leggi tutto...

Audio Effetti presenta neo:PDU 8 di Pulse-Eight

Un sistema dedicato al controllo remoto semplificato dell’alimentazione elettrica dei dispositivi nelle installazioni.

News

Leggi tutto...

Audio Effetti distribuisce ASL Intercom

L'azienda genovese ha acquisito la distribuzione in Italia dei prodotti del costruttore olandese ASL Intercom.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Marillion – F.E.A.R. Tour

Al Teatro degli Arcimboldi di Milano, abbiamo ascoltato ad ottobre una delle band più “cult” della storia del rock britannico. E la band non è stata l’unica sorpresa positiva meritevole...

Live Concert

Leggi tutto...

AES si prepara a “The Power Of Sound” e presenta il Comitato Organizzativo

La 144ª Convention internazionale della Audio Engineering Society si terrà in maggio 2018 a Milano e interesserà, come di consueto, una vasta gamma di ambiti audio professionali tra cui Audio...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

MILOS a Prolight+Sound 2018

La casa costruttrice ceca MILOS si prepara per la fiera Prolight+Sound di Francoforte. Si troverà allo stand di Area Four Industries, Padiglione 3.0 Stand D71.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

KAPPA FuturFestival 2017

Il Kappa FuturFestival di Torino ha una storia piuttosto recente ma quasi folgorante.

Live Concert

Leggi tutto...

Aggiornamento firmware per i mixer Qsc serie Touchmix

QSC ha annunciato la disponibilità del nuovo firmware versione 3.0 per i mixer compatti TouchMix-8 e -16, e della versione 1.2 per il TouchMix-30 Pro.

News

Leggi tutto...

Elation al 2017 Eurovision Song Contest di Kiev

La produzione di quest'anno ha visto l'impiego di oltre 800 corpi illuminanti Elation, sotto la guida di Jerry Appelt e Ola Melzig rispettivamente per quanto riguarda il light design e...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

I più Popolari

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:18884

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:18583

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16591

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14514

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14405

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13091

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:13085

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:12315

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12077

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12009

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.