Laura&Paola

0
0
0
s2smodern

a-SS7 7916di Alfio Morelli 

Un programma atipico, un varietà nel vero senso della parola, che ha ben amalgamato canzoni, svaghi, temi impegnati, grandi ospiti, sempre con un garbo d’altri tempi, certamente in netto contrasto con lo sguaiato Ciao Darwin, diretto concorrente Auditel. E il fatto che alla lunga il programma di Bonolis abbia avuto la meglio lascia un po’ come sempre attoniti sull’utente medio italiano. A ben pensare... niente che non si sapesse già.

Incuriositi dalla formula un po’ atipica del programma, prodotto da RAI 1, Ballandi Multimedia e F&P Group, con la direzione artistica di Giampiero Solari, siamo andati a Roma a dare un’occhiata in studio, chiedendo agli addetti ai lavori un approfondimento tecnico.

Igor Cino e Fabio Cattivelli direttori di produzione per Ballandi Multimedia

È stato facile gestire un’artista abituata ai ritmi del live e farla interagire con i tempi più dilatati della televisione?

Questa è una domanda che bisognerebbe rivolgere a Giampiero Solari, che ha diretto in studio le due artiste. Certo posso assicurare che Laura ha un’esperienza molto consolidata sui ritmi televisivi, perché negli anni passati all’estero ha partecipato a molti show e trasmissioni, non solo come ospite ma anche come protagonista, quindi conosce molto bene questo mondo ed i suoi tempi.

Quando avete iniziato a preparare questa trasmissione?

Abbiamo iniziato il lavoro di produzione già nello scorso giugno, quando Laura era ancora in giro per il mondo con il suo tour e Paola stava girando un film. Inizialmente lo spettacolo era stato previsto al Gran Teatro, spazio molto più ampio e con una platea di tremila posti, poi, vista la decisione di chiuderlo, abbiamo dovuto riprendere in mano tutta la parte tecnica e riprogettarla per uno spazio molto più piccolo come gli Studios di via Tiburtina, in quel momento l’unico spazio disponibile per queste esigenze.

Gli autori hanno deciso di posizionare la scenografia del palco sulla parte lunga del teatro, rendendo molto più difficoltose le riprese ed anche l’effetto profondità creato dalle luci, poiché c’è poco spazio, ma noi ci siamo ovviamente messi comunque al lavoro per rendere possibile e praticabile questa soluzione. Si è lavorato molto sulla disposizione del pubblico e dell’orchestra, posizionando quest’ultima su due gradinate mobili che, grazie a dei motori, si spostano lateralmente lasciando comparire un grosso video LED ad alta risoluzione che, a sua volta, si apre creando un passaggio per andare dal “kebabbaro” che si trova proprio all’esterno dello studio.

Com’è stata gestita la produzione del programma?

Semplificando molto, possiamo dire che la parte artistica è stata gestita da Ballandi Entertainment, la parte tecnica da F&P Group e la parte autorale da Giampiero Solari.

Immagino che Laura vi abbia suggerito anche la parte tecnica e i professionisti da impiegare...

È giusto come hai detto tu: “ci ha consigliato” sia il service, Agorà, sia i personaggi nei punti chiave, come Marco Monforte e Maurizio Maggi, tutti comunque professionisti di prima qualità, d’altra parte i risultati le danno ragione. Poi vanno citati giustamente i due personaggi di F&P con i quali abbiamo lavorato fianco a fianco: Orazio Caratozzolo e Josè Muscarello che hanno seguito tutta la produzione tecnica.

Come sono suddivisi i giorni di prove?

Praticamente non siamo mai fermi. Finita la diretta del venerdì, si ricomincia subito il sabato con le riunioni degli autori e si prosegue con gli autori anche la domenica, in presenza delle due protagoniste; da lunedì si ricominciano le prove in studio fino al mercoledì, il giovedì prova generale e venerdì la diretta.

Maurizio Maggi – Fonico per la diffusione in sala

Passando all’aspetto più propriamente tecnico, scambiamo due chiacchiere con un nostro amico di vecchia data e senior engineer di prima scelta: Mauri Maggi. Qui, dopo l’ormai consueta presenza come operatore video con la sua Telemauri, ricopre di nuovo la figura di fonico, occupandosi della diffusione in sala. Visto che è passato tanto tempo dall’ultima volta che lo abbiamo intervistato dietro una regia audio, lo stuzzichiamo un po’:

Ma ricordi ancora la funzione di tutti quei bottoni su un mixer audio?

Beh... in effetti, mi sono portato dietro il mio vecchio quaderno di appunti! Scherzi a parte, una grossa mano me l’ha data Stevan Martinovic: non per quanto riguarda le funzioni del mixer, ovviamente, ma per quanto riguarda il routing, la connettività con le altre regie e tutti i vari collegamenti tra MADI, Optocore e fibre ottiche. È infatti quello il vero nodo focale dell’installazione, basti pensare che le regie audio sono quattro – mixer per i collarini, mixer di messa in onda, mixer monitor e mixer sala – e che per il solo talkback usiamo un paio di layer!

Per il resto svolgo un lavoro abbastanza tranquillo, anche se nel nostro lavoro di tranquillo non c’è mai niente. Sto lavorando su una parte dell’impianto installato in studio, cioè quello rivolto verso il pubblico, con l’aggiunta di molti piccoli diffusori, dei cubetti L‑Acoustics 5XT sparsi nelle vicinanze delle sedute; il mio compito è quello di far sentire al meglio il pubblico in sala, senza dare fastidio ai microfoni degli artisti in scena, sia che usino collarini o microfoni a gelato. 

La regia per il monitoraggio è invece posizionata fuori dallo studio e gestisce l’altra metà sospesa dell’impianto in sala, quella cioè che serve per il monitoraggio degli artisti, ed eventualmente degli in‑ear monitor per gli ospiti che ne fanno richiesta, mentre non ci sono monitor tradizionali. 

Nella mia regia e nella regia monitor vengono adoperate due DiGiCo SD7, mentre i collarini sono mixati su una SD11. Alla mia regia è collegato un sistema SoundGrid, vista l’impossibilità di portarmi dei rack di outboard. Tutto sommato è un lavoro divertente.

Marco Monforte – Consulente per la messa in onda

Ci spieghi il tuo ruolo in questa produzione?

La mia presenza in questo programma è stata richiesta per fare da trait d’union tra Laura, Paolo (Carta, direttore d’orchestra – ndr) e i ragazzi della messa in onda, visto che io lavoro già da anni con Laura e conosco tutte le canzoni, le sequenze, le singole note dei musicisti e il balance della musica che viene eseguita; quindi il mio ruolo è quello di consulente in regia per la messa in onda. Infatti io non metto fisicamente le mani sul banco, almeno in trasmissione; può succedere in alcuni casi durante le prove, anche perché non conosco queste apparecchiature come i fonici della RAI. Paolo ovviamente supervisiona tutto, si relaziona con me ed il team della RAI, molto affiatato, composto da tre fonici ed un consulente musicale che segue proprio le partiture.

Ho chiesto di arricchire la regia con alcune macchine che noi utilizziamo di solito, così come abbiamo cercato di esaudire le esigenze di molti colleghi venuti in regia al seguito dei vari ospiti della trasmissione.

Che esperienza è stata per te passare dagli stadi ad una regia chiusa?

Tecnicamente cambia molto, perché qui l’obiettivo è emozionare la gente da un televisore, quindi i brani devono essere del tutto impacchettati sotto il profilo della dinamica, mentre in uno stadio, con enormi diffusori, buona parte dell’emozione è proprio nella grandissima dinamica; anche se poi le esigenze del mix e del balance sono le medesime, e gli equilibri finali devono essere uguali. Molto importante qui è, ad esempio, la gestione del volume dei parlati... insomma un’esperienza che mi sta arricchendo, tecnicamente ed umanamente, grazie al confronto con i bravissimi tecnici RAI che hanno un metodo ed un approccio diverso di lavoro, inizialmente difficile da capire ma davvero molto interessante. Ad esempio loro nella gestione delle snapshot richiamano sempre tutto ad ogni brano, isolando solo i canali che gli servono, mentre io nei grandi concerti live non richiamo quasi niente ma solo le cose che mi servono, quindi il contrario!

Stefano Brevetti e Emanuele  Moscardi – Fonici di messa in onda

Qual è la peculiarità di questo programma dal vostro punto di vista?

In questa trasmissione l’approccio tecnico della RAI, per lo meno per quanto riguarda la parte audio, è stato diverso dai nostri standard. Infatti, nelle produzioni RAI simili si usa una matrice centrale da cui tutte le regie attingono i segnali; in questo caso invece la distribuzione e la ripresa audio sono curate dal service Agorà, come se fosse uno spettacolo teatrale con la RAI “ospite” che lo riprende e lo trasmette. Così noi ci siamo collegati ad uno splitter centrale e, in analogico, abbiamo trasportato il segnale ai nostri preamplificatori, collegati poi alle nostre console in regia.

Ci sono dei microfoni particolari per la ripresa?

La ripresa è curata dal service; l’unica nostra richiesta, ormai diventata prassi, è la doppia microfonatura degli archi, con un microfono DPA 4099, bello ma molto delicato, ed un trasduttore Schertler applicato allo strumento. Il nostro segnale, anche questo è ormai prassi consolidata, passa al pullman della messa in onda il quale aggiunge i parlati ed i vari contributi. La cosa diversa dal solito, in questa produzione, è anche il controllo degli applausi dal vivo che curiamo direttamente dalla nostra regia. Lavoriamo con due console, una Studer Vista X e una Vista 5, la prima per la ripresa diretta dell’orchestra e la seconda per il pre mix della band.

Come vi siete trovati con Marco Monforte?

Con Marco è stata una bella esperienza: ci ha dato una mano, con molta discrezione ed intelligenza, a creare un mix che soddisfacesse l’artista. Certo è dovuto entrare nel mondo dell’audio broadcast, in cui bisogna sempre raggiungere ed accettare dei compromessi. Sono stati due mondi che si sono incontrati: quello live, con le sue esigenze e le sue frenesie, ed il mondo broadcast, con le sue meticolosità e i tempi di stallo per le mille prove. Alcune macchine che ha proposto le abbiamo utilizzate, altre no; molto interessante, e per noi nuovo, l’uso esterno dei plugin Waves, anche se noi tendiamo ad eliminare a priori ogni minimo possibile rischio: un plugin che si inchioda può avere effetti devastanti! Così, se non è strettamente necessario, preferiamo evitare!

Marco Lucarelli – Direttore della  fotografia per RAI

Una struttura come questa semplifica il tuo lavoro o lo complica?

Direi che lo complica, perché questo spettacolo ha due particolarità riguardo la fotografia: sviluppando il palco con l’orchestra nella parte lunga dello studio rimane poca profondità, inoltre le riprese a trecentosessanta gradi necessitano di illuminazione ed effettistica in tutto lo studio. Se aggiungiamo poi l’uso della Robycam, questa telecamera che gira per tutto lo studio, di cui bisogna tener conto quando si pensano le scene, ci si può rendere conto dalla difficoltà nel pensare e realizzare certe scelte. 

Che tipologia di fari hai scelto?

Ho montato anche dei PAR 64 ma fin adesso non li abbiamo mai usati; infatti sia io che Solari prediligiamo l’uso dei seguipersona per il bianco, proiettore che crea qualche problema con le ombre che però, se gestite bene, diventano un ulteriore effetto. Poi ci sono i soliti Sharpy Clay Paky, proiettori ormai molto usati, se non troppo, ma non ci sono grosse alternative. Mentre per i testamobile a LED, che uso per colorare lo studio ed il pubblico, avevo chiesto dei Clay Paky A.Leda, che danno anche delle possibilità di effettistica, mi hanno invece fornito dei Martin MAC Quantum Wash, proiettori comunque molto validi ma con meno possibilità. Sempre sul graticcio sono stati montati degli Alpha HPE Clay Paky, usati per creare macchie di colore anche in scena, essendo più potenti e definiti.

Con le riprese giocate molto con i video dietro il pubblico?

Sì, è un effetto voluto da Solari, che io condivido. In alcune scene vengono ripresi i protagonisti a figura intera, con il pubblico in secondo piano e sullo sfondo, proiettato sullo schermo LED: un effetto molto bello.

In regia in quanti siete e su cosa lavorate?

In regia lavoriamo in quattro, Quintino Caci che si occupa degli effetti, al suo fianco Ettore Amadoro, che controlla le luci colorate, e Manlio Ferranti che gestisce i bianchi, oltre me come direttore della fotografia. Come sempre in RAI il controllo luci viene eseguito con le console Compulite: le Spark per le luci bianche e le Vector Red e Violet per gli effetti ed i colori. 

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA
gall icon

Vuoi vedere altre foto e rimanere aggiornato sugli ultimi concerti? CLICCA QUI!

vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 

Ultimi Articoli

I 30 anni di Backstage PA

La serata organizzata per il ‘compleanno’ di Backstage PA presso lo spazio Pergolesi, a Milano, lo scorso 17 dicembre 2016

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Nuovo media player Denon DN-500BDMKII

Il nuovo Denon Professional DN-500BDMKII è un media player e lettore Blu-ray compatto di elevata qualità in grado di leggere tutti i principali supporti ottici audio e video.

News

Leggi tutto...

Sound&Lite numero 128

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

News

Leggi tutto...

Zucchero – Black Cat Tour 2017

Tredici mesi di tournée su cinque continenti con una produzione bellissima e di alto livello… il Black Cat World Tour consolida il ruolo di Zucchero come uno dei più importanti...

Live Concert

Leggi tutto...

MIR amplia la propria offerta nel settore dei sistemi integrati

L’organizzazione di Music Inside Rimini 2018 ha strutturato, all’interno dell’evento fieristico della prossima primavera, nuove offerte espositive e diverse interessanti iniziative dedicate al settore dell’integrazione di sistemi.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Novità Robert Juliat a Prolight+Sound 2017

I prodotti più recenti del rinomato costruttore francese saranno mostrati per la prima volta alla prossima edizione della fiera di Francoforte. Tra questi i due nuovi seguipersona Oz e Alice...

News

Leggi tutto...

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna.

Live Concert

Leggi tutto...

Sparkular - Fontana luminosa non pirotecnica

Fiamme e pirotecnici sono senz’altro tra gli effetti più spettacolari, da millenni direi, ma anche tra i più difficili da utilizzare in sicurezza.

Prodotto

Leggi tutto...

MA2 v3.3

Il costruttore tedesco MA Lighting ha rilasciato la versione aggiornata del software per le console grandMA2 e relative periferiche.

News

Leggi tutto...

Music Inside Education - formazione in primo piano

Un’intera sezione dedicata alla formazione e all’aggiornamento professionale nell'ambito delle tre macro aree presenti a Music Inside Rimini: SISTEMI INTEGRATI, in collaborazione con Connessioni Magazine; MONDO MUSICA, in collaborazione con...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

I più Popolari

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:18505

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:17534

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16275

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14232

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14119

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:12832

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:12208

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Live Concert

Hits:11844

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:11440

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:11402

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.