L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

di Fabrizio Simoncioni

garageStudio

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere perché da sempre porto avanti l’idea e filosofia professionale che la musica – l’arte, in generale – si basi soprattutto sulla condivisione. Per cui ho accettato con entusiasmo e mi sono messo davanti al computer per redigere questo articolo. Solo a quel punto mi sono reso conto quanto sia difficile descrivere, a parole, quella che si chiama tecnica ma in realtà è un’arte, cercando di esprimere concetti chiari per chi si è avvicinato da poco alla professione di mix engineer, senza nel contempo tediare chi questo lavoro lo svolge da anni. Da dove cominciare?

Innanzi tutto è importante e doveroso precisare che tratterò le cose tecniche e non solo tecniche dal mio punto di vista personale con il bagaglio d’esperienza costruitomi in oltre trent’anni di lavoro in Italia ed all’estero. Quello che scrivo deve essere considerato come gli appunti di un vecchio lupo di mare e non come la Bibbia assoluta. Leggendo o parlando con altri dieci mix engineer potreste avere dieci differenti versioni e sarebbero tutte corrette. Inoltre, la mia tecnica di mix prevede l’utilizzo di una console analogica large-format – nel mio caso una meravigliosa Solid State Logic 9000J – ed è quindi principalmente diretta a coloro i quali ancora mixano non in-the-box anche se, con un po’ di pazienza, fantasia ed alcune limitazioni, la si può riprodurre anche in ambiente full digital.

Nel nostro paese c’è generalmente un approccio incorretto al mix, dovuto al fatto che non ci sono quasi mai stati specialisti nel mixaggio, ma fonici generici. Normalmente, infatti, un fonico italiano microfona, registra, edita e, finalmente, mixa. Questo ha fatto sì che si arrivasse a considerare il mixaggio come una fase prettamente tecnica in cui principalmente si mettono in ordine le cose che abbiamo registrato, si correggono eventuali difetti, aggiungono effetti e reverberi e bilanciano livelli. Appunto, una fase tecnica (famosa è la frase “tanto poi si risolve tutto in mix”, odiata da tutti i “veri” mix engineer). ERRORE! Il mix non è questo. Il mix è un momento estremamente creativo, è la fase in cui si concretizzano idee e si definiscono mondi sonori, dove si estrapola ed esalta la personalità della canzone e dell’artista, dove si crea la magia di una traccia, o la si distrugge. Mixare, appunto, è un’arte in cui è sicuramente necessario un grande bagaglio tecnico e di esperienza, ma anche una notevole dose di talento, musicalità e gusto. Ecco perché, ad esempio, negli Stati Uniti è comune far mixare la stessa canzone a differenti “mixer” (cosi vengono chiamati gli ingegnieri di mixaggio – ndr) per ascoltare le differenti soluzioni interpretative e sonore proposte. Non è affatto raro, specialmente nel pop dove le canzoni in un album sono normalmente eterogenee, che si scelga di pubblicare mix provenienti da differenti ingegneri invece di far mixare l’intero disco ad uno solo.
Questa premessa era necessaria per iniziare a spiegare come, secondo me, si deve approcciare la fase di mix e come si diventa veri “mixer”.

1 – Imparare ad ascoltare

Il tool più importante per un mixer sono ovviamente le orecchie. Un buon mixer deve sapere ascoltare o, meglio, sapere cosa e come ascoltare.
Uno fra gli errori più comuni è pensare o giudicare la qualità dell’ascolto di un fonico dalla gamma di frequenze che riesce a percepire. Ho incontrato spesso negli studi persone che si vantano di essere in grado di “sentire i 18 kHz”. Ottimo, complimenti! Ma assolutamente non rilevante ai fini dell’ascolto. Come mi ricordava spesso un grande produttore con cui ho lavorato per molto tempo: “È importante che la testa non venga usata semplicemente come separatore stereofonico fra le due orecchie”. Non è il range di frequenze che si riesce a percepire che conta, ma il riconoscerle, sapere esattamente quale porzione di frequenza ci serve o è di troppo, quale può esaltare il carattere di un dato strumento o gruppo di strumenti etc.
Per cui, il punto di partenza è ascoltare molta musica, cercando di capire che cosa stiamo ascoltando. Un buon approccio che suggerisco è di focalizzarsi su alcune canzoni – meglio se di differenti artisti – che abbiamo ascoltato spesso ed il cui sound ci piace particolarmente; informarsi a quel punto: chi ha prodotto? Chi ha mixato? Chi ha masterizzato? Fatelo con almeno una decina di canzoni/dischi e prendete appunti sui nomi accreditati. Già con questo primo step, comincerete a capire ed analizzare alcuni elementi. C’è un nome ricorrente fra le canzoni il cui sound vi ha colpito? Chi dei tre: mixer, produttore o mastering engineer? A questo punto iniziano le quattro fasi fondamentali dell’educazione all’ascolto:

  1. In studio o in un ambiente acusticamente corretto e utilizzando una coppia di monitor con cui avete familiarità, ascoltate le tracce selezionate dividendole per gruppi in base ai crediti. Riunite le tracce che sono state mixate dalla stessa persona ed iniziate ad ascoltare LE CANZONI senza concentrarsi sul lato tecnico: come iniziano, come si sviluppano e crescono dinamicamente, se dopo il primo ritornello si richiudono o restano aperte e intense, brillanti o scure etc. Questo è l’ascolto emozionale, capire l’onda della canzone, il suo sviluppo e la struttura. Prendete appunti delle sensazioni che vi arrivano.
  2. Ascoltate attentamente di nuovo le tracce con, in mano, i nomi di chi le ha realizzate, cercando questa volta di fare attenzione a particolari tipi di effetti evidenti utilizzati su voci e batterie (delay, ambienti ecc.), posizionamenti nella stereofonia degli strumenti, utilizzo dei piani sonori (quali strumenti sono più “bagnati” e quali invece dry e “in faccia”). Questo è l’ascolto tecnico.
    Prendete, dinuovo, appunti per ogni traccia.
  3. Ascoltate di nuovo, questa volta utilizzando una buona cuffia ma sempre tenendo presente chi ha mixato, cercando di cogliere sfumature più leggere e nascoste, movimenti di fase, cambi repentini e/o subdoli di ambienti, equalizzazioni, posizioni. Questa è l’analisi binaurale. Prendete sempre appunti.
  4. Ascoltate adesso le tracce in MONO, rovesciando la polarità di uno dei due canali stereo. In questa maniera si cancella dall’ascolto tutto quello che è al centro del mix, lasciando evidenti ed estremamente leggibili gli effetti utilizzati da chi ha mixato. Il Mid Cancelling è un tipo di analisi fastidiosa, perché ovviamente si perde interamente il senso della canzone, ma è utilissima per carpire cose che sarebbe altrimenti impossibile o molto difficile individuare chiaramente all’interno di un mix. Dato che questo sistema si basa sulla cancellazione di fase, evitate l’utilizzo di file compressi tipo mp3 che, per loro natura, possono avere alterazioni ed artefatti che non rendono la valutazione efficace come quello di file non compressi.

A questo punto avrete una visione ben più analitica e definita del lavoro che è stato fatto sulle tracce che maggiormente vi piacciono sonoricamente. Confrontando gli appunti in base ai nomi di chi ha mixato, noterete che molte cose ricorrono. Sono come vere e proprie firme sonore. Io faccio spesso paralleli con la pittura quando spiego, perché ritengo che un mix ed un dipinto abbiano molte affinità: uso dei colori, capacità di ingannare l’occhio (l’orecchio, nel nostro caso) e la firma stilistica che ogni pittore appone sulla propria opera. Così come ogni grande mix engineer che, con specifici dettagli, rende i propri lavori riconoscibili ed unici.
Vi chiederete a questo punto perché ho detto di appuntare anche i nomi di produttori e mastering engineer. È molto probabile che vi troverete fra le mani tracce che hanno lo stesso produttore ma mixate da differenti engineer, o tracce mixate dalla stessa persona ma poi non masterizzate dallo stesso ingegnere di mastering. Un ascolto comparativo attento vi aiuterà a definire chiaramente le differenze stilistiche di ogni singola componente della produzione di un disco. Ad esempio ascoltando alcune canzoni mixate da Chris Lord-Alge ma prodotte da differenti produttori, si noterà chiaramente il ruolo avuto dal mixer e quello invece avuto dal produttore in ogni traccia, basandosi proprio sui risultati degli ascolti. Stesso dicasi per la simbiosi mixer/mastering, anche se qui le cose un po’ si complicano, perché in generale ogni grande mixer lavora con un solo mastering engineer di fiducia, quindi sarà più difficile avere la possibilità di confronti incrociati.
Gli ascolti mirati vanno fatti su una coppia di monitor “di fiducia” per non essere distratti da troppe variabili, quando si mixa invece è importantissimo non focalizzarsi troppo su un solo tipo di ascolto. Bisogna cambiare spesso sorgenti e volumi, ascoltare nei main monitor a volume alto per poi passare alle classiche Yamaha NS‑10 molto basse, poi ai nearfield ad un volume medio, poi di nuovo main ma questa volta a volume basso, poi nearfield spinte, etc. In questo modo si ottiene una media ottimale di risposta in ogni tipo di ascolto e volume: un mix che suona splendidamente nei main monitor ma solo ad un determinato volume o solo nei nearfields o nelle Yamaha o viceversa NON È un bel mix. Un buon mix deve suonare, con gli ovvi limiti riproduttivi dettati dal tipo di ascolto, mediamente bene in ogni riferimento e ad ogni volume. Spesso è questo il parametro che determina la qualità di un mix engineer.

 

 

Vuoi saperne di più sulle nostre pubblicazioni nel settore dell'audio professionale? CLICCA QUI.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di settore? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER.

Ultimi Articoli

EXE Dynamic Stack Tracks DST66

Il sistema di movimentazione Dynamic Stack Tracks DST66 da EXE Technology è un’evoluzione del DST52 in termini di capacità di carico, ma soprattutto velocità.

News

Leggi tutto...

PFM – Emotional tattoos tour 2018

Il 19 luglio è tornata a Rimini la band che ha contribuito a scrivere la grammatica del rock italiano, con un nuovo repertorio e una formazione rinnovata

Live Concert

Leggi tutto...

SudWave ricorda Toni Soddu

Amici, colleghi, tecnici e musicisti ricordano lo stage manager da poco scomparso.

News

Leggi tutto...

Mods Art distribuisce GLP

La casa costruttrice tedesca German Lighting Products ha ufficialmente incaricato Mods Art srl come distributore italiano dei propri prodotti.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

GLP KNV Cube e KNV Arc

La casa costruttrice tedesca German Light Products presenta un interessante sistema di matrici LED in moduli quadrati e arcuati.

News

Leggi tutto...

Hitachi LP-EU5002E

Disponibile in Italia il nuovo videoproiettore laser LP-EU5002E.

News

Leggi tutto...

RCF acquisisce EAW

RCF Group annuncia l’acquisizione di Eastern Acoustic Works.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

RAI: Estratto di Avviso di Selezione

Avviso pubblico per la sollecitazione all’iscrizione nell’albo Fornitori Rai per Operatori Economici attivi nel settore radiotelevisivo

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Bonus sulla pubblicità incrementale effettuata su giornali e emittenti radio-tel…

Un recente decreto prevede interessanti agevolazioni per poter pubblicizzare la propria impresa sulla stampa e sul web

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Tecnico media server e sistemi interattivi per scenografie multimediali

Un corso di formazione per tecnici media server in provincia di Ferrara

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:22421

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:21347

Leggi tutto

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:20563

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:20056

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17680

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:16348

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:15698

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15355

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15335

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14512

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.