Ken Billington – Lighting designer

di Douglas Cole

IMG 5870Ken Billington è uno dei nomi più importanti nel lighting design mondiale. È un'affermazione impegnativa, questa, lo sappiamo, ma non rappresenta solo un’opinione della redazione o un’iperbole disinvolta. Attivo come lighting designer nei teatri di New York dal 1969, Billington è stato assistente all’indiscussa “Regina dei lighting designer americani”, Tharon Musser, ed è considerato da tanti colleghi il suo legittimo erede.

Nato nel ‘46 a White Plains, nello stato di New York, figlio di un rivenditore di automobili, Billington ha scoperto e scelto il proprio mestiere molto presto: “All’età di nove anni — racconta — per la recita scolastica mi diedero il compito di alzare le luci per iniziare lo spettacolo: mi rimase impresso l’applauso scoppiato appena ebbi azionato l’interruttore, e mi piacque l’idea che se io non avessi fatto il mio lavoro, l’applauso non sarebbe partito.
“Nella mia scuola superiore, in seguito, c’era un teatro vero e proprio, con dei rack di dimmer, ed io feci in modo di occuparmi sempre delle luci. Nel frattempo entrai a fare parte della compagnia teatrale amatoriale del comune. Il regista della prima produzione per la quale curai le luci era un signore che si chiamava Phillip Mathias, che era stato direttore di palco per Rogers e Hammerstein, nonché il direttore di palco originale per South Pacific, The Skin of Our Teeth e tantissime produzioni storiche... insomma, un vero direttore di palco di Broadway, tra l’altro sposato con Alice Hammerstein, la figlia di Oscar. Dopo la scomparsa del suocero (e forse anche a causa di questa evenienza), Phillip si era ritirato dal lavoro a Broadway e lui e Alice si erano trasferiti in provincia, continuando a collaborare con il teatro locale più per passione che per altro.
“Io avevo 14 o 15 anni – continua Billington – ma poiché fin allora Phillip aveva lavorato solo a Broadway con i lighting designer più famosi – Jo Mielziner ed altri – probabilmente pensava che io fossi uno di loro! Infatti mi trattò come se io sapessi davvero quello che facevo, ascoltando perfino le mie idee. Quell’esperienza fu entusiasmante. Così quando finì la scuola superiore volevo continuare studiando teatro, ma non riuscii ad entrare in alcuna università.
“Trovai un corso di disegno luci a New York – prosegue – nello studio di Lester Polakov, in cui insegnavano dei grandi lighting designer, e passai molto tempo nei teatri ad osservare il loro metodo di lavoro. Una tra questi era Tharon Musser: dopo averla potuta osservare nella produzione di un paio di spettacoli, le scrissi una lettera in cui chiedevo di lavorare per lei. Avevo forse 19 anni e, chiaramente, non avevo alcuna qualifica per essere un suo assistente, ma mi assunse lo stesso.
“La prima produzione alla quale lavorai fu all’American Shakespeare Festival, con cinque diverse recite sul palco. In quel periodo Tharon perse il suo assistente a tempo pieno, così io cominciai a lavorare su tutte le sue produzioni a Broadway. Quindi professionalmente mi sono proprio formato nei teatri di Broadway, iniziando a lavorare come assistente al LD a 19 anni, fino a 22 anni. Tharon infatti, che era molto intelligente, mi mandò via dopo tre anni, dicendo che ‘dovevo andare a fare la mia carriera’. Per quanto riguardava il nostro rapporto, avrei potuto rimanere come assistente o associato fin quando avessi voluto, ma Tharon preferiva che andassi a vivere la mia vita.
“Aveva anche ragione – continua Billington – ma i primi periodi non furono facili. Durante il primo anno non trovai lavoro come LD da nessuna parte: tutti mi conoscevano come assistente e non come designer, così avere il primo lavoro fu veramente difficile. Per sopravvivere dovetti trovare lavoro come proiezionista in un cinema, mentre continuavo a fare lavoretti di illuminazione nei piccoli teatri. Ad un certo punto, Tharon diede il mio nome per uno show off-Broadway per il quale realizzai il disegno luci che fu accolto molto bene. Quando la stessa compagnia teatrale portò poi una produzione a Broadway, i produttori chiesero a Tharon di progettare le luci: disse loro che non era disponibile e che sapevano già dove trovare un LD. Feci quella produzione nel ‘74, The Visit, di Dürrenmatt, con la regia di Harold Prince, per la quale fui nominato per un Tony Award come miglior disegno luci. Da allora non sono mai più stato senza lavoro. Inoltre, ogni assistente che assumo, a parte le persone che si occupano di cose specifiche nel mio studio, viene cacciato fuori dal nido dopo un anno”.

Il resto, come si dice, è storia. Billington rimane attivissimo nel settore teatrale, progettando le luci anche per tre o quattro produzioni di Broadway in un anno, ed impegnandosi inoltre nel campo dell’illuminazione architetturale, dei grandi eventi e delle attrazioni. Sicuramente è tra i LD più prolifici.
A Broadway ha lavorato ad un centinaio di spettacoli, tra cui Chicago, il musical americano con la più lunga programmazione residente della storia, attualmente replicato in oltre venti paesi e ancora oggi in scena con le luci originali; ma anche il pluripremiato musical Sweeny Todd. Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti, è stato nominato otto volte per i prestigiosi Tony Award, aggiudicandosi vincitore per Chicago.
Billington ha inoltre occupato il posto di lighting designer residente al Radio City Music Hall di New York dal 1979 al 2004, progettando le luci per i rinomati spettacoli natalizi e pasquali, oltre ad innumerevoli altri eventi residenti.
Al di fuori di Broadway, ha firmato l’illuminazione di oltre 300 produzioni teatrali, a cui sono da aggiungere più di 200 produzioni tra lirica, balletto, concerti, show per Las Vegas e spettacoli in arena, con una lista di nomi associati che include Liza Minelli, Pia Zadora, Hugh Jackman, Lily Tomlin, il New York City Opera, il National Ballet of Canada, le Rockettes e tantissimi altri.
I suoi lavori in altri settori includono il progetto originale dello spettacolo Fantasmic per Disneyland in California, molti spettacoli per Seaworld e una trentina di altri spettacoli nei parchi tematici, oltre ad innumerevoli eventi commerciali e congressuali e più di sessanta allestimenti architetturali, come l’illuminazione dello storico ristorante ‘Tavern on the Green’ a New York.

Ecco come ha risposto ad alcune delle domande che gli sono state poste.

Quali sono i punti concettuali del disegno luci che lei ritiene fondamentali?

“Il primo cardine è che non sono io il protagonista dello show, ma quelli che sono incaricato di illuminare: l’Ego deve prendersi una pausa.
“Nel teatro, l’obiettivo delle luci è di dare supporto alla visione del regista. Per quanto possa io avere una visione artistica, la persona che è stata assunta per fare la regia è la persona che riceverà tutta la colpa o tutte le lodi dello show. Se lo show è bello, la gloria andrà al regista; se lo show è terribile, daranno colpa al regista. Perciò anche se io vengo assunto e pagato dal produttore, io lavoro per il regista e devo ascoltare il regista. Posso non essere d’accordo con lui e si può discutere, ma alla fine ha ragione lui (o lei). Il mio lavoro è di dare supporto allo show e alla visione del regista: se alla fine le luci vengono bene, è un bonus.
“L’altra cosa cruciale, e che spesso i LD giovani dimenticano, è che si deve avere un concetto dello show; ci si deve chiedere quale sia il mio concetto dello show. Il regista ha il suo concetto, ma io devo avere il mio e devo far combaciare il suo con il mio. Se io non so perché sono lì, niente sarà ben fatto. Posso sempre creare delle belle scene… ma sono la cosa giusta per quello spettacolo? Occorre avere una visione panoramica della produzione per poterci lavorare in modo efficace”.

Rimandando al tema più centrale della nostra rivista, abbiamo chiesto a Billington del suo rapporto con la tecnologia che si è evoluta incredibilmente durante la sua lunga carriera.

“Quando cominciai a lavorare a Broadway, tutto si basava sui Leko, i PAR e il controllo manuale, ma io ho sempre abbracciato la tecnologia con entusiasmo. La prima console con memoria usata a Broadway fu per A Chorus Line. La seconda, che era la prima console di serie costruita da Strand, fu usata per una produzione per la quale feci il disegno, Side by Side by Sondheim, e fui il primo ad usarla. I proiettori motorizzati, disponibili solo dal 1980, li usai già per qualche produzione nel 1981 e fui io il primo a portarli in una produzione di Broadway nel 1983 o ‘84.
“Le console di ETC, Obsession ed Eos, furono create proprio per me, secondo le mie richieste. Il primo esemplare di Obsession mi fu portato, credo nel 1990, a San Bernardino, in California, mentre facevamo l’allestimento per Annie II – non avete mai sentito nominare questo show perché fu un totale flop: i sequel funzionano nel cinema, non nel teatro. Comunque, c’era una cosa radicalmente nuova in questa console per l’epoca: un modem con un connettore telefonico che ci permetteva di collegare la console alla linea telefonica del teatro. Quando trovavamo un bug, chiamavamo ETC ed i loro tecnici si mettevano subito ad aggiornare il software. Ogni giorno, durante la pausa cena, la console chiamava e scaricava tramite modem il nuovo software. Nel 1992 sembrava pura fantascienza.
“Eos, invece, è in buona parte il risultato di una mia richiesta per una console dedicata alle luci motorizzate in teatro. Ci fu una riunione proprio su questo il 9 settembre del 2001: quando portarono la prima versione non funzionava, e tutto il progetto fu quasi abbandonato: ci misero un altro anno per farla funzionare in maniera soddisfacente.
“Due anni dopo una conversazione nella quale avevo spiegato una serie di esigenze per un sagomatore, Dave Cunningham mi chiamò e mi invitò in California per guardare il Source Four. Così il disegno originale di Chicago fu la prima produzione fatta completamente con i Source Four. Quando successivamente gli suggerii che serviva un PAR, mi disse che non si poteva fare, perché non sarebbe mai stato competitivo. Gli dissi: ‘Nessuno sa di averne bisogno, finché non lo costruisci’. So che nel mondo del 230 V, il Source Four PAR non è molto efficiente, ma nel mondo del 117 V è più efficiente ed efficace di un PAR64, tanto che nei teatri ha completamente soppiantato questa categoria di prodotto”.

“Insomma, sì, io voglio sempre nuova tecnologia. L’importante è che chi la produce sia però disponibile al 100% come supporto tecnico: devo poterlo chiamare venerdì sera alle 19.00 e poter contare su una soluzione che arrivi entro sabato, meglio se venerdì entro le 22.00!”.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

Il fattore 
di potenza

Il fattore di potenza è un parametro che ha a che fare con la potenza assorbita da un carico elettrico alimentato da una tensione alternata, e dipende dallo sfasamento e...

Tecnologia

Leggi tutto...

Enrico Brignano – Enricomincio da me

L’attore romano riparte con Enricomincio da me, il tour per il trentennale della carriera.

On Stage

Leggi tutto...

Newton Outline

Il nuovo processore/router audio, altamente tecnologico, è stato recentemente presentato dall’azienda bresciana che continua a distinguersi, come da tradizione, per l’eccellenza del suo reparto ricerca e sviluppo.

Prodotto

Leggi tutto...

Il nostro saluto a David Zard e Bibi Ballandi

Due grandi del nostro show business ci hanno lasciato a poca distanza l’uno dall’altro.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Zucchero – Black Cat Tour 2017

Tredici mesi di tournée su cinque continenti con una produzione bellissima e di alto livello… il Black Cat World Tour consolida il ruolo di Zucchero come uno dei più importanti...

Live Concert

Leggi tutto...

eps Italia Egida HVM - Sistema modulare per barriere anti-veicolo

Il fornitore di infrastrutture e servizi per gli eventi eps Italia ha introdotto da qualche mese sul mercato il nuovo sistema HVM (Hostile Vehicle Mitigation), denominato Egida.

Prodotto

Leggi tutto...

Audio Analyzer – terza parte

La storia di questa affascinante classe di strumenti per le misure audio. Terza parte: possibilità e caratteristiche degli apparati di ultima generazione

Tecnologia

Leggi tutto...

Hitachi LP-EU5002E

Disponibile in Italia il nuovo videoproiettore laser LP-EU5002E.

News

Leggi tutto...

Audio Effetti

Alla scoperta di questa giovane e dinamica azienda che sta conquistando fette sempre più importanti di mercato, grazie alla distribuzione di marchi attentamente selezionati.

Azienda

Leggi tutto...

La torre di Pisa si illumina con Prolights

I monumenti principali della città illuminati dai prodotti del marchio di Music & Lights.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:22533

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:21492

Leggi tutto

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:20667

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:20097

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17723

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:16454

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:15810

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15405

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15374

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14550

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.