George Tellos

0
0
0
s2smodern

TELLOS HEADSHOT copiaCome succede in tutte le feste migliori, ad un evento ospitato da DTS Illuminazione un paio di mesi fa abbiamo avuto l’opportunità di conoscere una persona interessante la cui strada forse non avremmo avuto l’opportunità di incrociare altrimenti. In questo caso stiamo parlando del lighting designer George Tellos, il cui lavoro è salito all’attenzione dell’industria mondiale – ma anche a quella di milioni di telespettatori – durante i giochi olimpici invernali del 2014. Abbiamo colto l’occasione per fare due chiacchiere con questo personaggio, così da poter condividere un po’ delle sue esperienze ed opinioni con i professionisti italiani lettori di Sound&Lite.
Innanzitutto, il suo accento quando parla in inglese è un mélange che rende difficile localizzare le sue origini. Così, gli chiediamo subito...

“Sono nato a Francoforte – ci racconta – e sono cresciuto in Germania, ma mio padre è greco. Ad un certo punto ho deciso di visitare la Grecia e il clima mi è piaciuto molto di più di quello di Francoforte e ho deciso di rimanerci per un po’. Così, da molto tempo vivo tra Germania e Grecia.

“Ho studiato teatro a Saarbrücken, in Germania, e poi anche ad Atene. La mia specializzazione nella facoltà di teatro era la storia e la teoria, non l’interpretazione o la regia. Poi, invece, per me quella preparazione risultava troppo teorica; avrei desiderato approfondire qualcosa di artistico, ma avrei voluto anche essere più coinvolto con la tecnica e la produzione. Alla fine, ho trovato che il compromesso giusto è stato quello di focalizzarmi sull’illuminazione. A quel punto, senza prevedere necessariamente una carriera come designer, ho cominciato a progettare delle piccole cose, per il teatro degli studenti, eccetera.

“Ho girato la Germania e la Grecia quando avevo 20 o 21 anni, cercando qualcuno che mi accettasse come assistente, lavorando gratuitamente per il primo paio di anni. Durante questo periodo ho anche finito gli studi, nel ‘97. Un designer britannico, Phil Hills, mi ha detto: “Se veramente hai la passione per questo lavoro, devi andare molto in profondità... nel senso che devi imparare tutto, da sotto a sopra”. Mi ha detto, quindi, di andare in tournée come tecnico. Prima di allora, la cosa più pesante che avevo tirato su era una matita... ma sono andato lo stesso a tirare su le americane. Per altri due anni ho scaricato camion, montato proiettori, avvolto cavi e operato ai seguipersone. Pian piano, in questo periodo ho imparato veramente ad usare una console e, nel giro di un po’ di tempo, sono diventato un trainer per le console Whole Hog 2 e Whole Hog 3”.

Ti è rimasta, quindi, una preferenza per le High End?

La console è solo una questione di abitudine. Se qualcuno ti chiede di portarlo nel modo più veloce da una città ad un’altra, quale automobile sceglieresti, una Fiat o una Ferrari? Io sceglierei quella che so guidare meglio! Con la console è la stessa cosa. Si può fare un ulteriore paragone con la console: io posso scrivere con una matita o con una Mont Blanc, ma l’importante sono le parole che scrivo, no?

Con che tipo di lavoro hai iniziato?

Ho cominciato più che altro con il teatro ad Atene. Il teatro è stato un eccellente modo di imparare, perché si capisce l’importanza dei fondamenti del mestiere. Per esempio all’epoca ho dovuto illuminare alcune produzioni delle favole di Hans Christian Andersen e questo mi ha portato a studiare la storia di Andersen: dove e quando viveva, come rappresentare la Scandinavia, eccetera. Questa cosa è importante in tutte le applicazioni: nel fare le luci di un concerto occorre studiare le canzoni... la musica, sì, per il tempismo, ma anche l’ambiente, l’emozione, il testo stesso. Questa è una tecnica di profonda importanza nel teatro, che va applicata anche alle altre situazioni. Un’altra lezione importantissima del teatro è operare con un budget quasi inesistente. Facendo il teatro sperimentale, o scolastico, si imparano mille modi di lavorare con il minimo. Considero ugualmente importante la mia esperienza in teatro e la mia esperienza da operatore e tecnico.
Dopo il teatro sono andato direttamente alla musica live, che adoravo. Avevo circa 26 anni e fare delle tournée mondiali come operatore era una cosa piuttosto divertente. Molto velocemente, questo mi ha un po’ fatto dimenticare il teatro.
Pian piano, ho tralasciato la programmazione a favore di concezione e design. Ho preferito concentrarmi sul design perché, ad un certo punto, non riuscivo a stare dietro alla tecnologia... tutte le ore che non erano dedicate all’uso della console erano comunque occupate con lo studio della tecnologia. Mi sento molto più a mio agio adesso, perché riesca mettermi nella posizione di immaginare le scene che vorrei creare, anziché preoccuparmi dei pulsanti che dovrei premere per farle accadere. Cerco di fidarmi e di lasciar fare all’operatore il suo lavoro, anche se a volte faccio fatica a tenere la bocca chiusa e non dare consigli. Questo succede sempre meno, perché oggi i giovani operatori e programmatori sono molto esperti e professionali (o, perlomeno, i miei collaboratori lo sono).
In quel periodo ho cominciato a tornare in Germania. Lì c’era un mondo di opportunità e ho cominciato a lavorare a diversi festival. Lavorare in Germania mi ha fatto entrare anche nel mondo della televisione, creando prima l’illuminazione d’effetto e, poi, anche l’illuminazione per la fotografia. Non mi è piaciuto molto, all’epoca, perché c’era troppo tempo perso nell’aspettare. Non sono rimasto a lungo a lavorare in TV.

Ad un certo punto hai messo insieme anche una squadra strutturata, no?

Ho cominciato a lavorare in modo indipendente ad Atene, dove ho incontrato delle altre persone con cui ho cominciato a collaborare. Ci incontravamo in un albergo, o in un caffé, per lavorare all’elaborazione dei progetti. Ad un certo punto abbiamo deciso che non era più possibile lavorare in quel modo e che dovevamo aprire un ufficio. A quel punto ho aperto Lighting Art, la mia prima compagnia di design. Ora siamo in nove, tra grafici, operatori CAD 3D, programmatori ed assistenti. Lighting Art sta continuando a lavorare molto bene e a crescere.
Oltre agli eventi ed ai concerti, facciamo tanti progetti nella moda, e quello è un impressionante lavoro di precisione. Creare una distribuzione omogenea su una passerella di 40 metri è un lavoro enorme: è abbastanza matematico e non è per niente facile. È ancora più difficile considerando l’importanza di avere un’illuminazione ottimale per il pubblico presente e, allo stesso tempo, una luce buona per la TV. Alcuni degli eventi di moda hanno dei budget enormi e, esteticamente, possono essere molto interessanti.

Hai detto la tua prima compagnia di design?

Sì... due anni fa ho aperto un’altra compagnia, Artic Design, con un socio Saudita. Abbiamo tre uffici di design per l’illuminazione architetturale: uno a Francoforte, uno ad Atene ed uno a Riyadh, in Arabia Saudita.

Come hai fatto il salto verso l'illuminazione architetturale?

All’inizio non sapevo nulla di questo campo perché, alla fine, non sono un architetto. Tempo fa avevo fatto il progetto di uno show per un’ambasciata in Francia. Inizialmente avevo curato la presentazione e la parte culturale, dopodiché ci hanno chiesto di aggiungere l’illuminazione per il palazzo stesso. È iniziato così, veramente. Non sapendo niente di architettura, il mio approccio è stato quello di immaginare tutto su un enorme palco e di cercare di capire ciò che può essere fatto con ognuno degli elementi della scenografia. Le procedure per questo tipo di progetto, alla fine, sono le stesse: come si parla con un regista, un cantante, un attore o uno scenografo, così si parla con il proprietario o con l’architetto per sapere cosa vogliono o cosa immaginano. C’è molto da aggiungere alla conoscenza di base, però, quando si comincia con l’illuminazione architetturale. Occorre studiare i concetti dell’inquinamento luminoso, tenere in considerazione le varie condizioni atmosferiche, ecc. È difficile disegnare tutti i tipi di allestimenti: teatrali, opera lirica, balletto, televisione, concerti, moda ed architetturale, e uno non può fare tutto. È per questo che è importantissimo trovare dei partner e dei collaboratori giusti per ogni tipo di impresa. Il processo di ricerca di tutte queste persone è ancora in evoluzione. Sto lavorando per avere una compagnia compartimentata chiaramente in reparti per riuscire a soddisfare le esigenze dei diversi tipi di progetto. Adesso stiamo facendo il tutto sotto due tetti, ma credo che dovremo separarci ancora di più. Alla fine, però, dobbiamo ricordare che non siamo coinvolti per essere protagonisti; siamo di supporto alle persone sul palco, o per trasferire emozioni al pubblico, che sia seduto in teatro o che stia passando accanto ad un palazzo per strada.

Cosa ci puoi raccontare di Sochi?

È stata un’esperienza straordinaria. Per i Giochi di Sochi abbiamo fatto il palco al Medals Plaza, che è la venue dove vengono presentate quotidianamente tutte le medaglie, diversamente dai giochi estivi, dove le medaglie sono presentate negli stadi. Noi eravamo responsabili per la messa in onda, ogni sera, della presentazione delle medaglie, per i programmi culturali, oltre a seguire la parte finale della cerimonia d’apertura per l’accensione della fiamma.

Come sei stato coinvolto?

Ho ricevuto una chiamata dalla Russia, due anni prima dell’evento, nel 2012. Ho mandato un’offerta e sono spariti. Poi, otto mesi prima dell’apertura, mi hanno ricontattato. Abbiamo lavorato moltissimo in quegli otto mesi, perché il tempo rimasto era veramente poco... dovevamo essere sul posto tre mesi prima, così il tempo per la preparazione è stato di soli cinque mesi. Ovviamente non potevamo fermare tutti gli altri lavori che erano in corso, ma in quel periodo ci siamo dovuti concentrare moltissimo.

È difficile lavorare con il Comitato Olimpico?

Per entrare nella “famiglia olimpica” occorre passare una serie di prove ed esami, da parte di diverse aziende scelte dal Comitato... diversi LD e direttori della fotografia dalla Spagna, dagli Stati Uniti, dall’Inghilterra. Devi dimostrare a questi che i prodotti che hai scelto ed il design passeranno il controllo di qualità. Il controllo di qualità viene eseguito da almeno tre persone, dal vivo. Bisogna fare tantissime prove. Prima e durante le prove tutto deve essere perfetto: nessuna ombra fuori posto, nelle presentazioni delle medaglie, sono molto rigorosi. Sono dovuto proprio tornare ai libri. Nessun tempo passato nella vita ad imparare, studiare e guadagnare esperienza è sprecato, arriverà il momento in cui quella conoscenza verrà utilizzata. Per me, questo è stato il momento in cui quasi ogni cosa che avevo imparato fino quel punto è entrata in gioco ed è stata utilizzata.
Alla fine tutto è andato in modo eccellente. In tutta onestà, sono rimasto sorpreso che sia andato tutto così bene.

“Comunque – conclude George – se io dovessi dare consigli ad altri in questo campo, direi solo che è importante credere e persistere in quello che fai. Credi a quello che fai, se lo ami; se non lo ami, lascialo. Ma se ami il mestiere e resisti e persisti, il successo verrà. È quello che è successo per me ed è quello che credo”.

Sito web di riferimento : lightingart.net

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

Novità Robert Juliat a Prolight+Sound 2017

I prodotti più recenti del rinomato costruttore francese saranno mostrati per la prima volta alla prossima edizione della fiera di Francoforte. Tra questi i due nuovi seguipersona Oz e Alice...

News

Leggi tutto...

Convegno a MIR 2018: Il “nostro” Modena Park

Un convegno di due ore con i principali componenti dello staff tecnico che ha sviluppato e fatto funzionare la macchina per il grande evento dello scorso luglio a Modena con...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

RM Multimedia presenta d3 Technologies e BlackTrax

Una presentazione con specialisti di prodotto inglesi si è svolta presso la sede dell’importatore italiano RM Multimedia.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Accordo Assomusica per il lavoro a tempo determinato

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Assomusica in cui annuncia di aver siglato un accordo sperimentale per l’estensione del MOG (contratto di lavoro con monte ore garantito) ai lavoratori dello...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Focus sulle Coperture Milos

MILOS ha pubblicato un video sulle Coperture MILOS, la terza parte di una serie di quattro video che saranno pubblicati nei primi tre mesi del 2017.

News

Leggi tutto...

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della sua carriera, della sua filosofia...

Personaggio

Leggi tutto...

RCF a ISE 2017

Le novità dal costruttore emiliano presentate alla fiera ISE 2017 di Amsterdam

News

Leggi tutto...

Live You Play @ MIR 2018

Dodici palchi: 72 spettacoli dal vivo, 72 demo di prodotto e 36 virtual check nei tre giorni di manifestazione

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

MNA rimette in scena IP Showcase al prossimo IBC di Amsterdam

Media Networking Alliance è un'associazione non-profit di aziende di rilevanza internazionale attive a vario titolo nel settore del trasporto audio, associazione volta a promuovere lo standard di trasporto in rete...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

GLP JDC1

Lo strobo a LED JDC1, prodotto dall'azienda tedesca GLP, offre diverse interessanti particolarità, mai viste finora in una strobo.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:18505

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:17534

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16275

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14232

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14119

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:12832

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:12208

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Live Concert

Hits:11844

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:11440

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:11402

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.