Marco Bartolini

0
0
0
s2smodern

di Giancarlo Messina

Il personaggio di questo numero è ben conosciuto in tutta Italia, soprattutto fra le rental company e i lighting designer nel mondo del live, del teatro e della televisione. Per curiosità, abbiamo fatto un giro di telefonate chiedendo a qualche amico i primi aggettivi associabili al suo nome. Non per piaggeria, ma davvero non ne abbiamo raccolto nessuno negativo: simpatia, generosità, affidabilità, serietà sembrano essere le doti più riconosciute di Marco Bartolini, specializzatosi in oltre vent’anni nelle vendite di materiale professionale per lo show business, fino ad aprire la propria azienda di distribuzione con cui sta mietendo ottimi successi.

Quando finalmente riusciamo entrambi a trovare qualche ora libera fra i nostri mille impegni, vado a trovarlo direttamente nel suo ufficio, nella zona industriale di Cattolica (RN), dove ha sede RM Multimedia.
Iniziamo una piacevole chiacchierata ripercorrendo il suo percorso professionale e cercando di capire meglio il suo punto di vista sul mercato di oggi e le sue prospettive.

Come sei entrato proprio in questo settore?
Ho cominciato proprio per merito (o per colpa, chissà) del tuo editore Alfio Morelli, perché, finiti gli studi, andai a lavorare alla Coemar Rimini, gestita allora proprio da Alfio. Fu lui a presentarmi ad Antonio Italiani, insieme al quale intrapresi la carriera di rappresentante. Italiani era un vero personaggio e con lui entrai nel mondo delle vendite trattando prodotti Bose, come sub agente, ed accessori audio e video della IAL Sound, costruiti proprio da Antonio e suo fratello.
A circa 27 anni, mi ritrovai così con una certa esperienza di vendita e con una conoscenza dettagliata del mercato in varie regioni italiane.

Quando passasti al mondo delle luci?
Nel 1994 fui contattato da Gabriele Giorgi, titolare di SGM, che mi propose di lavorare per lui. Accettai senza titubanze, sebbene il settore delle luci fosse per me poco conosciuto; ma grazie all’affiancamento con l’allora rappresentante di SGM con cui ci dividemmo le zone di competenza, iniziai subito ad entrare in questo mondo, scoprendone pian piano tutti gli aspetti.

Credo sia indubbio che il tuo contributo abbia influito parecchio all’espansione del marchio SGM in quegli anni: che situazione trovasti allora in SGM? Quali furono i passi decisivi?
Rispetto al mercato consumer la situazione era estremamente differente: ad esempio nel consumer una piccola percentuale di sconto era molto significativa, mentre in questo settore si usava fare sconti impensabili ed anche poco pianificati. Ma allora la mancanza di prodotti e di prezzi standard lasciava molto spazio ad una certa improvvisazione; io venivo dalla politica commerciale di Bose, molto precisa e pianificata, mentre nel settore del professionale c’era molto da creare e proporre.

Bisogna anche ricordare che allora SGM non produceva ancora lighting!
Sì, SGM produceva solo centraline, dimmer ed accessori, ed il mercato principale era costituito non dalle rental company ma dai locali e dalle discoteche. Solo successivamente arrivarono i primi proiettori marchiati SGM, prima costruiti da terzi e poi prodotti da noi: lo scanner Galileo, il Victory e poi la serie fortunata dei Giotto che ci fece fare un bel salto. Il prodotto più azzeccato, che trovò molto spazio anche nel circuito televisivo, fu il Giotto 250 che aveva una grande resa luminosa e zoom variabile e che quindi si poteva inserire nella fascia di prezzo di un prodotto superiore; fu seguito dal Giotto 400, ancora più apprezzato, soprattutto in televisione, che fece registrare numeri di vendita interessanti.

Intanto era cambiato anche il target…
Sì, siamo nella seconda metà degli anni Novanta, la discoteca ed i locali non erano più i principali clienti, ma lo erano diventati i service e le rental company, sui quali anche noi ci focalizzammo. Chiaramente il mercato del lighting era occupato da marchi di importanza mondiale, quindi noi fummo molto bravi a cercare, trovare spazio ed affermarci fra questi mostri sacri.

Merito del commerciale certo, ma anche della bontà dei prodotti. Come devono interagire in maniera corretta i reparti di marketing e di ricerca e sviluppo?
Gli anni in SGM sono stati una grande scuola per me sotto questo punto di vista. Chiaramente chi fa marketing vorrebbe un prodotto migliore di quello della concorrenza e vendibile ad un prezzo più basso! Ma, ovviamente, non è così semplice. Lavorando a stretto contatto con gli ingegneri ho acquisito molte nozioni tecniche e progettistiche, quindi so benissimo come anche pochi dettagli possano variare molto la qualità e il prezzo di un prodotto. Inoltre, raramente gli specialisti delle vendite possono prevedere con certezza il volume di vendite, cosa che limita molto la progettazione, perché dover costruire 1.000 o 10.000 unità dello stesso prodotto cambia radicalmente l’approccio. È insomma fondamentale che chi fa marketing possieda alcune nozioni base di ingegneria e viceversa: sono due mondi che devono interagire positivamente, evitando sterili contrapposizioni.

Conosci e sei conosciuto da decenni in tutto il mercato professionale italiano, prima lavorando per altri, oggi con la tua azienda: quanto è importante quello che hai seminato in credibilità in questi anni?
Mi ritengo una persona corretta a prescindere dal lavoro e ho sempre trasferito questo aspetto nella mia professione, sempre affrontata con un’etica anteposta al fattore economico. Inoltre il lavoro occupa una parte significativa della mia vita, ma l’ho sempre vissuto con entusiasmo, quindi dando tutta la mia disponibilità e la mia dedizione. Queste caratteristiche di affidabilità, serietà e disponibilità credo siano riconosciute oggi dai clienti, e se da sole non bastano a chiudere delle vendite, senza dubbio sono un buon presupposto.

La conoscenza del mercato maturata in questi anni ti consente di intuire la validità di un prodotto o di un progetto?
Nessuno ha la sfera di cristallo, ma certamente l’esperienza consente di scegliere in che direzione andare. Ad esempio sono uscito da SGM perché non credevo più in quella azienda anche se all’epoca era al massimo del suo splendore, mentre ero davvero fiducioso nei progressi che immaginavo potesse avere ROBE: non a caso dal 2004 ad oggi l’azienda ceca ha avuto un incredibile incremento di vendite, conquistando posizioni importanti in tutto il mondo; ed è così ben strutturata che, a mio avviso, è destinata a crescere ulteriormente. Un’evoluzione che fortunatamente avevo intuito e che mi ha portato oggi a rappresentarla in Italia.

Come nasce quella che è oggi la tua azienda di distribuzione?
Conclusa l’esperienza in SGM, entrai come responsabile vendite in Robe Italia. Dopo alcuni anni, in accordo con Simone Rodella e con la casa madre Ceca, decisi di curare la distribuzione Robe per il centro-sud Italia creando una mia propria azienda, la Robe Multimedia appunto, coinvolgendo anche il mio socio Ermanno Tontini. Solo in un secondo momento, nel 2008, Robe mi propose di curare la distribuzione in tutta Italia, cosa che accettai molto volentieri, visto l’ottimo rapporto con i titolari dell’azienda e la grande fiducia nei prodotti del marchio.

Essere esclusivisti ROBE ti consente comunque di completare il catalogo con prodotti non in concorrenza?
Sì, certo, negli anni abbiamo cercato di completare il nostro catalogo con prodotti complementari a Robe e Anolis come il marchio Jands-Vista per le consolle luci, LEDwall Infiled, Litecraft, Work Lifters e SFAT per gli effetti speciali, media Server MX Wendler e prodotti molto specifici e professionali come BB&S. Uno dei miei obiettivi è proprio quello di migliorare sempre più la nostra offerta e dal prossimo anno avremo una ragione sociale neutra (RM Multimedia) per meglio promuovere tutti i prodotti che distribuiamo per il mercato italiano.

Al di là delle chiacchiere: come nella MotoGP contano i punti, nel business conta il fatturato. Qual è stato il trend della tua azienda in questi anni di crisi?
Nel 2007, appena partiti, abbiamo subito avuto un incremento del 50% rispetto al consolidato fatto con Robe Italia nel centro-sud Italia, nel 2008 ancora un incremento del 30% però su tutto il mercato italiano, poi nel 2009 un calo del 20% subito recuperato l’anno successivo; nel 2011 ancora un incremento del 25%, ripetuto in pratica nel 2012, mentre nel 2013 abbiamo confermato i risultati dell’anno precedente.
Siamo partiti proprio all’inizio della crisi, quindi abbiamo avuto la fortuna di rapportare l’azienda che era in crescita ad un mercato in calo e ciò ci ha permesso di non avere particolari difficoltà. Considerando la congiuntura economica negativa, siamo davvero soddisfatti del lavoro svolto.

Tutto il mondo industriale occidentale subisce oggi l’aggressività dei produttori orientali. Come convinci i tuoi clienti ad acquistare un prodotto di marca, come ROBE, piuttosto che una cineseria?
Effettivamente, proprio in questo momento di mercato, è necessario spendere qualche parola per contrastare l’effetto immediato e ammaliante del primo prezzo proposto da molti (oggi forse da troppi); in realtà basta fare qualche semplice riflessione e i conti con carta e penna per capire che (come dicevano le nonne) “chi più spende meno spende”.
Il primo punto è che i prodotti a scarsa tecnologia e qualità non hanno quelle caratteristiche tecniche necessarie per essere utilizzati in tutti i settori in cui un service potrebbe lavorare e questo già esclude l’acquirente da una bella fetta del mercato del lighting.
Ma, anche se non si lavora in questi campi e non si ha l’ambizione di crescere, c’è da considerare l’aspetto della svalutazione, dell’affidabilità (che è il fiore all’occhiello di Robe) e dell’obsolescenza del prodotto su cui si è fatto l’investimento.
Un prodotto di qualità, come ROBE, dopo oltre quattro anni ha ancora una propria vita, è possibile avere assistenza e pezzi di ricambio e mantiene un valore residuo poiché ha un’ottima rivedibilità in tutto il mondo anche se di seconda mano.
Al contrario, è difficile ricordare anche solo il nome di un prodotto economico più vecchio di un anno. Tradotto in cifre, questo significa che il 30% o 40% risparmiato all’acquisto scegliendo un prodotto di bassa qualità e tecnologia si perde ampiamente fra l’impossibilità di accedere ad una fetta del mercato e di rivenderlo come prodotto usato.
Installazioni nei locali a parte, quindi, il parco luci di un service dovrebbe essere considerato come un vero attrezzo del mestiere che mette in grado l’azienda di affrontare qualsiasi tipologia di lavoro (televisione, teatro, live, installazioni fieristiche ecc) e non si deve mai fermare o creare problemi.
Ci sono ancora tante motivazioni che portano all’acquisto di un prodotto professionale e tutte importanti, ma voglio concludere con una considerazione che entra nell’economia di un service.
Prendiamo come esempio un qualsiasi evento e ripartiamone i costi totali da sostenere per fornire il servizio quindi dal capannone alle tasse, passando per il personale con eventuale vitto e alloggio, le spese vive come carburante e autostrada, le tecnologie audio-video-luci, i power-box ma anche i cablaggi, ecc. e diamo un valore in percentuale ad ogni voce.
Si evince immediatamente che la voce relativa all’investimento fatto per l’acquisto delle tecnologie (anche se di alto livello), non è quella più impegnativa e non può fare la differenza, anche perché il costo va spalmato nel lungo periodo di attività (consentito però, solamente da un prodotto riconosciuto come professionale).

Visto che hai come riferimento il mercato delle rental company, hai mai pensato di ritornare alle origini e proporre anche un marchio audio?
Ti dirò che ci ho pensato davvero, anche perché qualche volta capita che ci chiedano delle forniture complete; ma non ci possiamo permettere delle improvvisazioni, quindi prima di un passo del genere andrebbe creata all’interno dell’azienda una struttura ad hoc con degli specialisti di prodotto e delle persone dedicate al pre- e post-vendita. Trovando la situazione giusta, non è una cosa che escludo a priori.

Per chiudere usiamo il tormentone di Morelli ai nostri personaggi: qual è il tuo sogno nel cassetto?
Professionalmente e realisticamente è mantenere e consolidare quanto fatto fin adesso, specie in un momento in cui molte aziende devono ristrutturarsi. Il sogno invece è quello di completare la gamma di prodotti distribuiti e crescere come struttura per dare un servizio sempre migliore alla clientela e creare migliori condizioni di lavoro per tutti. Così forse anch’io riuscirei a ricavarmi un po’ più di tempo libero per staccare un po’ e dedicarmi qualche volta alle mie passioni ed alla mia famiglia.

contatti: RM Multimedia

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Galleria immagini

Ultimi Articoli

MILOS a Prolight+Sound 2018

La casa costruttrice ceca MILOS si prepara per la fiera Prolight+Sound di Francoforte. Si troverà allo stand di Area Four Industries, Padiglione 3.0 Stand D71.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Outline Newton in tour con The Killers

Kenny Kaiser, fonico della band americana, ha scelto il nuovo processore Outline per la gestione dell’audio nell’attuale tour estivo.

News

Leggi tutto...

Progettare Eventi Temporanei

RCF Audio Academy propone il seminario Progettare eventi temporanei dopo la nota Gabrielli 11001/110(10), il 15 febbraio 2018 a Reggio Emilia.

News

Leggi tutto...

MiR / Live You Play 2018

Alcune considerazioni sulla fiera MIR / Live You Play di Rimini appeno conclusa.

News

Leggi tutto...

Yamaha Rivage PM7

Presso lo stand di Yamaha ad ISE 2018 era in evidenza il nuovo sistema di mixaggio digitale Rivage PM7, il cui nucleo comprende la console CSD-R7, i rack I/O Rio3224-D2...

News

Leggi tutto...

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

News

Leggi tutto...

È nata ShowNet, la rete delle cooperative di tecnici per lo spettacolo

In un incontro organizzato presso il MIR di Rimini lunedì 7 maggio, è stata presentata di ShowNet, una rete che riunisce alcune tra le maggiori cooperative che si occupano di...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

B&C Speakers ha acquisito Eighteen Sound

B&C Speakers SpA è lieta di annunciare che lo scorso 11 dicembre si sono felicemente concluse le procedure di acquisto del rinomato produttore di altoparlanti Eighteen Sound.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Fiorella Mannoia – Combattente Tour 2017

Interrotta solo temporaneamente per la sua partecipazione a Sanremo 2017, la perenne tournée della contralto romana è ripresa prima dell’arrivo dei pettirossi primaverili, con un calendario che, grazie alla richiesta...

Live Concert

Leggi tutto...

NovaWorld Tour Italia 2017

Il 12 ottobre, si è conclusa la quinta tappa del NovaWorld Tour europeo 2017, ospitata, in esclusiva per l’Italia, proprio presso la nuova showroom di Music & Lights.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:20448

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19382

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17142

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14887

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14883

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:14630

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:14132

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13585

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:13155

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12460

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.