Pasquale Aumenta

0
0
0
s2smodern

di Alfio Morelli pasquale aumenta italstage

La sua azienda, Italstage, è leader nella progettazione e realizzazione di strutture, apprezzatissime nel mondo del live: Vasco, Jovanotti, Baglioni e tantissimi altri suonano sopra, e sotto, i suoi grandi palchi.

Il percorso professionale di Pasquale Aumenta è lo specchio dell’evoluzione di un intero settore dell’industria dello show business. Ma è anche un caso di imprenditoria meridionale capace di affermarsi in Italia e all’estero.

Incontriamo Pasquale a Napoli dove ha luogo la sede centrale della sua azienda Italstage, una realtà in grado di lavorare ai più alti standard internazionali.

Pasquale, dopo gli studi classici in provincia di Salerno, si trasferisce a Napoli nel 1980 per frequentare la Facoltà di Economia e Commercio, dove si laurea successivamente. Qui entra in contatto con diversi impresari, organizzatori di concerti, in accordo coi quali comincia ad organizzare, a proprio rischio, concerti nel palasport di circa cinquemila posti vicino a Sala Consilina, suo paese d’origine, anche con nomi allora di grande richiamo ed economicamente impegnativi come Loredana Bertè e i Pooh.

“Ovviamente allora non esistevano aziende in grado di fornire palchi modulari – ci spiega – bisognava arrangiarsi, così ne creammo uno noi, modificando dei prodotti già in commercio. L’idea riscosse molto successo, tanto che gli impresari della zona cominciarono a chiederci la struttura per le feste in piazza e per i vari concerti. Vista l’opportunità, fondammo nel 1986 la ditta Italstage, con la quale costruimmo un nostro palco modulare che subito fu impegnato nel tour di Venditti in tutta Italia, in collaborazione con lo storico Libero Venturi”.

Perché parli al plurale? Eri insieme ad altre persone?

Sì, eravamo tre soci fondatori, uno dei quali, Mario Scutaro, è ancora socio di Italstage, mentre il terzo, purtroppo, non c’è più. Nell’arco di quattro/cinque anni si aggiunsero altri tre soci: Tosolini, Grosso e Morrone. Attualmente siamo quindi in cinque: Scutaro si occupa della gestione dei magazzini, Morrone della logistica e del personale, Grosso dei montaggi e del lavoro nei cantieri, Tosolini si occupa dell’ideazione e della progettazione dei palchi, mentre io mi occupo della parte commerciale, di quella finanziaria e della gestione generale. L’anno di svolta è stato il ‘95, quando abbiamo deciso di compiere il grande passo ed investire ben due miliardi di vecchie Lire in Layher ed attrezzature più moderne.

Investimenti nel materiale... e il personale?

Agli inizi del Millennio abbiamo cominciato a notare che c’erano diversi problemi riguardo al personale necessario per il montaggio di queste strutture in altezza: il costo cominciava ad essere esorbitante e non si trovavamo persone con le qualifiche necessarie. Così nel 2001-2002 abbiamo riconvertito i nostri investimenti in strutture che avessero un’altra logica, quella di esser montate a terra e tirate su da motori ed argani elettrici: parliamo di Prolyte.

Prima, invece, le strutture venivano montate in altezza?

Esatto. Quindi, per sviluppare le strutture velocemente servivano molte persone specializzate contemporaneamente. Nel 2001-2002, in corrispondenza di tour come Notre Dame de Paris e Jovanotti, abbiamo cominciato ad investire in Prolyte, Litec e altre strutture di questo tipo provenienti anche dall’estero. La prima struttura Prolyte è stata installata a Palermo, in un palasport, per la tournée di Renato Zero, poi a Gallipoli, dove abbiamo montato una struttura proveniente dal nord dell’Olanda, ovvero dalla parte opposta dell’Europa. Da allora abbiamo continuato ad investire, dotandoci sempre di nuovi prodotti, come le truss da 1,50 m, e innovandoci ogni qualvolta la situazione lo richiedesse.

Quanto materiale avete comprato e quanto avete costruito voi?

Tutto il materiale è stato acquistato dalle case costruttrici, ogni pezzo con la propria documentazione e con tutte le autorizzazioni del caso. Noi ci siamo limitati a realizzare delle piccole modifiche, o piccole strutture, in poche parole accessori. Quello che però abbiamo certamente fatto è stato di suggerire le caratteristiche di alcuni prodotti alle aziende, indicando le necessità del mercato; ad esempio, insieme alla Litec abbiamo progettato almeno due prodotti: il primo è la trave a sbalzo, pensata per coprire le tribune fino a otto metri, così da eliminare l’uso dei pali anteriori e garantire la massima visibilità; l’altro prodotto è la famosa Myte, unica trave al mondo in alluminio particolare, imbullonata e non saldata. Con la Myte abbiamo anche fatto il tour di Vasco e quello di Tiziano Ferro. Inoltre abbiamo suggerito anche la costruzione delle transenne antipanico in alluminio, ormai dieci anni fa, quando in Italia esistevano solo quelle in ferro. Ci siamo quindi fatti promotori, nell’arco degli anni, di vari nuovi prodotti. Non a caso siamo stati la prima azienda in Italia ad aver comprato e fornito prodotti per la copertura del prato degli stadi: la tournée degli U2 del ‘93 si è fatta con la famosa copertura a rotoli “Securcover” costruita da noi.

Cosa avete imparato dalle esperienza all’estero? C’è ancora il gap con i colleghi stranieri?

Il gap si sta assottigliando grazie alla globalizzazione del mercato. Il territorio italiano continua ad avere la normativa più restrittiva al mondo, per cui quello che si può fare in Italia si può tranquillamente fare all’estero, mentre non è così facile il contrario. E, sicuramente, il mercato italiano è più piccolo e frastagliato rispetto a quello belga, francese o tedesco; ma noi, almeno per quanto riguarda le grosse strutture, siamo considerati un’azienda di riferimento in Europa, subito dopo un colosso come StageCo. Abbiamo fra i nostri crediti strutture anche per concerti stranieri in Italia, con gruppi come Depeche Mode o Green Day, e molte realizzazioni all’estero come, ad esempio, Rammstein a Sofia, i Red Hot Chili Peppers a Belgrado e Mariah Carey a Tunisi.

Come e quanto sono cambiate le normative negli ultimi anni?

Sono cambiate molto, e noi ci siamo sempre adeguati, a volte anticipandole spontaneamente. Noi istruiamo da anni i nostri tecnici a lavorare in tranquillità, sicurezza e senza eccessi; si pensi solo che dieci anni fa le tournée si facevano con i camper, mentre ora i tecnici dormono negli sleeper o direttamente in albergo, e quando ci sono delle situazioni estreme, la squadra raddoppia. Non ci sono più situazioni di persone che non dormono o che dormono in macchina, perché la qualità del lavoro è legata anche alla qualità della vita in tour.

Cosa cambierà con la prossima introduzione del nuovo regolamento per lo spettacolo?

Cambierà che i professionisti continueranno ad essere professionisti e non ci sarà più spazio per gli improvvisati, proprio come dovrebbe essere. Per noi è, infatti, impossibile confrontarci con aziende che non rispettano le regole, perché ciò permette loro di mantenersi su un più basso profilo economico mentre noi, rispettando tutte le normative, abbiamo dei costi che ci auto-escludono da un certo mercato. Dal nostro punto di vista ben vengano, quindi, tutte le normative del caso, perché ci consentono di lavorare ovunque senza ostacoli.

Attualmente com’è strutturata Italstage?

Questa in cui ci troviamo, a Napoli, è la sede principale, la sede storica. Ma le esigenze di mercato ci hanno imposto di spostare la nostra attività anche in altre due sedi, Udine e Milano, per due motivi: avvicinarci ai mercati di sbocco, quindi spostare meno TIR ed avere costi minori, e perché al Sud il mercato è calato molto: sono venute meno tutte quelle feste di piazza e quegli enti che contribuivano all’aspetto della programmazione turistica. Stiamo valutando di ingrandire la sede di Milano in vista dell’Expo 2015, invece la sede di Udine è pensata e strutturata per servire i mercati dell’Est Europa, mentre Napoli serve il mercato mediterraneo: Turchia, Grecia, Georgia, Marocco, Tunisia sono paesi con cui abbiamo diverse collaborazioni.

italstage

Avete anche investito in mezzi di trasporto?

Sì, certo. Ad oggi abbiamo circa 40 semirimorchi tra aperti, chiusi, furgonati e centinati, una decina di trattori stradali, 11 o 12 gruppi elettrogeni insonorizzati, tutti bi-gruppi, da 80 fino a 1000 kW in parallelo, quindi macchine costruite nell’arco degli anni, con le quali riusciamo a soddisfare qualsiasi tipo di esigenza. Riusciamo a muovere tranquillamente 20 o 30 bilici senza particolari problemi e, nel caso di tour importanti italiani, abbiamo spostato attrezzature di venti bilici solo per un palco spostandoci da una città all’altra, muovendoci in tempi contenuti, cercando, così, di ridurre i tempi morti. Avendo molti mezzi a disposizione sparsi tra Napoli, Udine, Milano e il Mugello – dove abbiamo un deposito volante all’interno dell’autodromo con cui costruiamo regolarmente 20.000 posti tribuna per i mondiali di motociclismo – siamo molto veloci nelle nostre forniture, e questo è un nostro punto di forza. Se riceviamo una conferma entro le nove di mattina, il giorno dopo siamo in qualunque punto d’Italia pronti a cominciare il lavoro.

Quanto personale e quanti spazi impiega Italstage?

Siamo in 23 o 24 persone tra amministrativi, magazzini, autisti e personale fisso per il montaggio a libro paga, perché comunque serve un numero di dipendenti fisso per partecipare alle gare. Per quanto riguarda gli spazi, a Napoli abbiamo 4.500 m2 coperti e circa 10.000 scoperti; a Milano abbiamo 1.000 m2 coperti e 3.000 scoperti, a Udine 2.000 coperti e 7.000 scoperti, perché è a Udine che arriva il grosso del materiale da spostare poi, a seconda delle necessità, a Milano, Verona, eccetera.

Questa organizzazione ci consente di realizzare diversi lavori contemporaneamente, come in occasione del capodanno nuovo Millennio, quando abbiamo allestito contemporaneamente dodici palchi coperti in giro per l’Italia, da Torino a Palermo, da Reggio Calabria a Verona, da Roma a Rimini. Da allora gli investimenti sono continuati, ed ora siamo in grado di realizzare contemporaneamente venti palchi coperti. Disponiamo poi di circa 25.000 posti-tribuna, transenne normali e antipanico, ringhiere, orso grill speciali, gruppi elettrogeni, sedie per convegni e quant’altro, oltre alle coperture dei prati negli stadi. Disponiamo anche di circa conquanta motori con velocità variabile... insomma tutto per lo show tranne audio, luci e video, settori in cui non vogliamo entrare appositamente.

Commercialmente che prodotto hai mente per il futuro?

Ho in mente degli hangar mobili, grandi fino a 2000 m2, in grado di soddisfare diverse esigenze, fatti in Layher, veloci e facili da costruire in una decina di giorni. Ma anche delle nuove tribune, sempre in Layher originale, avveniristiche, comode e robuste.

Finiamo con il nostro tormentone: il tuo sogno nel cassetto?

È quello di fare un tour con tre palchi in contemporanea con un artista internazionale in giro per l’Europa.

contatti: ITALSTAGE

 

 

Ultimi Articoli

Milos Multicube per applicazioni heavy-duty

Il nuovo sistema Multicube di Milos può essere impiegato anche nelle applicazioni più pesanti e non ha limiti di resistenza nell’utilizzo con graticci orizzontali, dato che presenta la stessa resistenza...

News

Leggi tutto...

Sparkular - Fontana luminosa non pirotecnica

Fiamme e pirotecnici sono senz’altro tra gli effetti più spettacolari, da millenni direi, ma anche tra i più difficili da utilizzare in sicurezza.

Prodotto

Leggi tutto...

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal 15 al 19 settembre ad...

News

Leggi tutto...

Cresce la squadra Adam Hall in Italia

Adam Hall ha annunciato la crescita della squadra commerciale dedicata al territorio italiano.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

MA Lighting grandMA3

MA Lighting ha presentato ufficialmente il nuovo sistema grandMA3 alla fiera Prolight+Sound 2018.

News

Leggi tutto...

Claypaky e ADB #LIGHTINGDAYS

Claypaky propone quattro appuntamenti per scoprire dal vivo i nuovi prodotti: a Roma il 29 e 30 novembre e a Milano il 5 e 6 dicembre.

News

Leggi tutto...

Jovanotti – Lorenzo Live 2018

Nuovo disco e nuovo tour per Lorenzo Cherubini, con una grande produzione live ed un dispiegamento di forze di grande impatto.

Live Concert

Leggi tutto...

CODA Audio Serie Cue

La Serie Cue, della tedesca Coda Audio, comprende tre modelli di monitor da palco di elevata potenza, ognuno a tre vie con crossover passivo interno ma anche utilizzabile in biamplificazione.

News

Leggi tutto...

Symetrix Lab

SISME organizza una serie di incontri dedicati alle tecnologie Symetrix per l’elaborazione digitale dei segnali audio e l’audio networking.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Flashdance – il musical

Torna sulle scene il musical ispirato al celebre film degli anni Ottanta, ma con una produzione del tutto nuova.

On Stage

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:19483

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19111

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16846

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14685

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14615

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:13872

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13294

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:13206

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12604

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12234

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.