Flashdance – il musical

0
0
0
s2smodern

di Giancarlo Messina

a IMG 6537 Stage Entertainment è un’azienda nata nel 2007 proprio con lo scopo di produrre anche in Italia dei “long running show”, cioè spettacoli tenuti in scena nello stesso teatro per mesi interi o a volte, come avviene a Broadway e a Londra, anche per anni.
Un obiettivo molto ambizioso, a dire il vero, perché deve confrontarsi con una tradizione e una cultura teatrale italiana che vanno nel senso opposto, cioè quello degli abbonamenti, in cui lo spettatore non si sposta affatto per andare a vedere uno spettacolo, ma acquista, spesso sulla fiducia, il pacchetto proposto dalla direzione del teatro cittadino.
Ma sicuramente da qualche parte bisognerà pur iniziare.
L’azienda milanese è legata alla olandese Stage Entertainment, che proprio sui musical di altissimo livello è specializzata; grazie a questa collaborazione sono nate le prime grandi produzioni degli anni scorsi, con musical come La Bella e la Bestia, Mamma Mia, Sister Act, La febbre del sabato sera e lo stesso Flashdance, sebbene con un’altra produzione.
Il nuovo spettacolo, basato sull’omonimo film della Paramount Pictures, è infatti, sì, di provenienza straniera per sceneggiatura, soggetto, testi e musiche, ma è stato totalmente tradotto e adattato da Chiara Noschese, figlia del celebre Alighiero, affermatasi tanto come attrice quanto come regista e autrice.
E non solo il musical è nuovo nei testi, lo è anche nella produzione, lasciata totalmente libera, nell’interpretazione dello spettacolo, da quegli obblighi che spesso i format stranieri impongono a chi acquista i diritti.
Ne è nato uno show davvero coinvolgente e pieno di energia, che ha replicato con buon successo al Teatro Nazionale di Milano da ottobre a dicembre.
Dalla produzione è apparso tutto l’ingegno italico, capace di ricreare benissimo, senza l’uso di mezzi elefantiaci, tutte le ambientazioni in cui si svolgono le fasi della storia – compreso il ballo sotto l’acqua! – anche grazie ad un uso sapiente e intelligente dell’illuminazione.
Molto bravi tutti i professionisti al lavoro dietro le quinte: l’aiuto regista Eleonora Lombardo, il coreografo Marco Bebbu, il set designer Gabriele Moreschi, il lighting designer Francesco Vignati, il sound designer Armando Vertullo e il direttore musicale Angelo Racz.
Bravi anche, e soprattutto, gli artisti sopra il palco, a cominciare dalla protagonista Valeria Belleudi, trentaduenne di Anzio, e dal giovane Lorenzo Tognocchi che interpreta il ricco Nick della storia.
Insomma uno spettacolo di ottimo livello sotto ogni punto di vista, dalla scrittura all’interpretazione, che avrà soddisfatto, immaginiamo e speriamo per lui, il suo vero finanziatore, l’avvocato svizzero-napoletano Ernesto Palomba, una sorta di investitore-mecenate che per la seconda volta ha deciso di impiegare parecchi soldini in questa avventura artistica. Ce ne fossero!

Alessandra Chiesa – Company manager e assistente di produzioneAlessandra Chiesa – Company manager e assistente di produzione

“In questa edizione – ci dice Alessandra – c’è un testo del tutto diverso dal precedente spettacolo. Il format del primo era, a sua volta, molto diverso dal film e riadattato in italiano della produzione olandese. Qui invece abbiamo un copione del tutto nuovo, tradotto e adattato da noi, con carta bianca su tutto il resto, senza indicazioni per le scene e i costumi. Quindi è un musical del tutto inedito, con le scene disegnate da Lele Moreschi insieme alla regista Chiara Noschese, che ha supervisionato anche i costumi, realizzati ex-novo. Anche il progetto luci è originale.
“Abbiamo cominciato a lavorare al progetto a febbraio-marzo, per cominciare poi le prove a fine agosto.
“Chiara Noschese – continua Alessandra – è una figura fondamentale in questo lavoro, perché si è presa carico di diversi aspetti del musical: oltre alla regia ha tradotto ed adattato i testi, ha supervisionato i costumi ed ha curato in autonomia anche il casting degli attori, assistita da Eleonora Lombardo.
“Abbiamo comunque scelto di lasciare in versione originale le hit del musical, anche perché non sono troppo importanti per la comprensione della narrazione, e sono musiche che danno grande emozione.
“Il cast è formato da 18 persone, più il regista residente, mentre la squadra tecnica prevede nove persone: tre macchinisti, due fonici, due elettricisti e due sarte. Armando Vertullo è il sound design, ma ha curato la direzione tecnica, mentre Francesco Vignati è il lighting designer, anche se a seguire lo show c’è poi un operatore. Anche Lele, che ha curato le scene, è rimasto solo fino al debutto.
“Io curo la produzione in solitaria – dice Alessandra – e andremo avanti fino a fine dicembre: il musical sta vendendo bene e siamo soddisfatti.
“Non credo che andremo in tour, perché i nostri spettacoli sono difficili da portare in giro nei teatri; ci spostiamo raramente, solo quando ci sono i presupposti. Il nostro obiettivo è infatti quello di portare la gente a Milano a vedere il musical, come succede a Londra, anche se in Italia ancora prevale l’idea del tour.
“Fra le varie cose, abbiamo anche la famosa scena del ballo sotto l’acqua, con della vera acqua riscaldata, meno di cinque litri a dire il vero, che cade sulla protagonista. Questo avviene alla fine del primo atto, in modo che l’artista si possa asciugare e noi possiamo risistemare lo stage ed asciugarlo!
“Anche questo spettacolo – conclude Alessandra – ha come investitore la stessa persona che aveva prodotto Footloose: l’avvocato Ernesto Palomba, un avvocato napoletano che lavora in Svizzera; una volta eravamo finanziati dall’Olanda, mentre adesso gli olandesi mettono solo il contatto con i detentori dei diritti dello spettacolo e il produttore esecutivo che ci segue fino al debutto, ma non partecipano economicamente”.

Armando Vertullo – Sound designer e direzione tecnica

“Il progetto è nato velocemente – racconta Armando – ma siamo contenti dei risultati. È stato fatto un grosso sforzo per contenere i costi, anche per non esporre lo spettacolo a rischi di squilibri economici. Quando si progetta un musical, bisogna comprenderne il mood, quello che il regista vuole comunicare al pubblico, l’indirizzo da seguire. Quindi l’effettistica, le voci, la musica, il canto, il parlato possono cambiare molto da un musical all’altro. Spesso un trillo di flauto o un cello lontano sono dettagli sostanziali per la drammaticità della scena. Così il sound designer deve capire bene tutti i momenti dello show, accontentando allo stesso tempo anche le idee del produttore, che a volte non coincidono con quelle del regista!

“Qui lavoro con materiale che ritengo di prima scelta – spiega Armando – ovvero con un impianto audio d&b audiotechnik in cui ciascuno speaker è stato scelto appositamente per dimensione e potenza in base alle esigenze dello spettacolo: delle E8, delle T10, piccole ma con ampia apertura orizzontale, delle Q1, perfette per dimensioni e generosità. Anche il palco è tutto con d&b, mentre per le regie, sala e palco, abbiamo scelto DiGiCO SD8, che per il teatro è la macchina perfetta. I punti di forza di DiGiCO, rispetto agli altri, sono nella logica di programmazione, davvero molto veloce, sia per il MIDI sia per la scrittura di memorie con tanti microfoni; ad esempio, quando si sgancia un microfono da un DCA, questo va in mute automaticamente, cosa molto utile, perché quando hai 200 memorie, la possibilità di lasciare un microfono aperto è alta, magari quello su un attore che al momento è andato in bagno! E poi ci sono molte cose pensate proprio per il teatro. L’altra potenzialità è l’elaborazione in virgola mobile che dà una profondità di suono che non sempre trovo in altri marchi.
“Utilizziamo tutti microfoni nascosti sugli attori – dice Armando – DPA 4060 o Sennheiser MK1; non usiamo archetti per non essere invasivi con la tecnica, che stona sempre con attori in costume. Gli attori cantano tutti, ma quando ballano in maniera molto aerobica non possono raggiungere le pressioni di cui abbiamo bisogno, così abbiamo dei supporti per rendere tutto più facile. Nei grandi musical inglesi, chi canta non balla. Ma anche qui i protagonisti non hanno mai play-back. La musica invece è registrata, ma è una registrazione multitraccia live, quindi abbiamo l’effetto di una band vera, e posso mixare canale per canale.
Armando Vertullo – Sound designer e direzione tecnica“Siamo agganciati in timecode anche alle luci e spesso al video; l’inizio dello spettacolo, ad esempio, è in full-midi, noi inviamo il segnale alle luci per sincronizzare il suono di una saldatrice con i bagliori generati dalle luci.
“Il monitoraggio è molto ‘sassone’, molto discreto per quanto riguarda il livello di pressione sonora; abbiamo quattro monitor più altri due nascosti, ma i ragazzi sul palco sono stati educati a lavorare ascoltandosi, e sono molto bravi.
“Qui in teatro – continua Armando – si ha a volte il tempo di sperimentare qualche soluzione innovativa. Ad esempio, poiché il fonico di sala è immerso in platea, non può ascoltare risposte radio; per questo il fonico di palco comunica con lui scrivendo attraverso una chat interna, mentre il fonico di sala risponde poi via radio, un modo per non dare fastidio alla sala e avere messaggi più chiari.
“Per le comunicazioni interne stiamo anche usando la tecnologia intercom GreenGO, azienda specializzata in intercomunicazioni via IP: le macchine sono tutte dei piccoli router che comunicano fra loro, si può arrivare fino a 32 canali. Un aspetto molto interessante è che ogni bodypack è raggiungibile singolarmente: questo, di poter rivolgersi ad una sola persona, nel teatro musicale è davvero molto utile. Siamo già alla seconda esperienza con queste macchine, una tecnologia che mi piace moltissimo e che nel futuro implementerò ulteriormente. Viaggia su Cat5 o Cat6, eliminando quindi cavi analogici e ronze varie, ed in Italia è distribuita da Audio Sales.
“Altra innovazione – dice Armando – è l’uso di batterie ricaricabili: un musical consuma in una stagione circa 3000-4000 batterie, davvero molte, anche per l’ambiente. Abbiamo scelto di usare prodotti Fischer Amps, dei rack di ricarica da 16 batterie che caricano a ciclo continuano: 16 batterie lavorano e 16 ricaricano. Abbiamo anche abbattuto un po’ i costi, ma soprattutto produciamo molto meno materiale inquinante.
“Le luci sono di New Light –conclude Armando – mentre l’audio è del service Artwise Production, di Milano; il video è di AK Project, un gruppo di ragazzi che si occupa di automazioni e videoproiezioni, e la scena è stata curata da Laboratorio Scenografia Trecento di Pesaro, dei ragazzi davvero molto bravi e nemmeno troppo esigenti sotto il profilo economico”.

 Davide Monaci - Operatore luciDavide Monaci – Operatore luci

“Metto in scena il disegno luci di Francesco Vignati – spiega Davide – ma la mia console dà anche i trigger per i go della macchina video Pandoras Box. Usiamo molti prodotti Robe, soprattutto come spot, infatti i BMFL Blade sono veramente ottimi, specie sulla resa del colore, quindi Francesco li ha preferiti in assoluto. Come wash usiamo gli Spiider, sempre Robe, che forniscono ottimi colori con tantissima luce. Grazie al CRI molto alto, riusciamo a miscelare benissimo i colori anche fra tecnologie LED e a scarica. Abbiamo una ventina di BMFL Blade e una ventina di Spiider, poi quattro GProfile di SGM posizionati di taglio: fanno meno luce, ma sono un buon compromesso perché devono muoversi pochissimo.
“Anche in sala – continua Davide – abbiamo posizionato alcuni apparecchi, perché alla regia piace molto usare il palco proprio fino al limite estremo, verso il pubblico, e il modo migliore per illuminare gli attori in quella posizione è proprio dalla sala. Abbiamo anche degli SGM Q7, usati come illuminatori e non come strobo. Il fondale è illuminato con le luci, rendendolo omogeneo o creando delle sfumature, oppure dalle retroproiezioni che gestisco dalla mia regia.
“In regia ho una grandMA2 Light, con sei universi DMX, quelli fisici della macchina.
“Il musical è molto ritmato e cantato – conclude Davide – così abbiamo dato sempre spazio al ritmo, mentre per le parti recitate abbiamo creato più le atmosfere delle scene. Direi che c’è un bel mix fra l’impronta musicale e quella teatrale, fra rock e drammaticità”.

Stefano Romeo – Capo-macchinista e direttore di scena

“Lavoro con Stage Entertainment da diverso tempo – ci dice Stefano – anche se non in maniera esclusiva.
“La scena si compone di tre settori: destro, sinistro e ponte centrale praticabile. Di per sé è una scena fissa, nel senso che non c’è un vero cambio scena totale, ma ci sono delle zone che ruotano, nonché diverse fly che calano dall’altro, permettendo diversi cambi di ambienti.
“È una soluzione piuttosto lineare e semplice ma davvero molto efficace nel ricreare le ambientazioni in cui si svolge il musical, anche grazie alle luci.
Stefano Romeo – Capo-macchinista e direttore di scena“Gabriele Moreschi ha costruito ottimamente le scenografie, che sono efficaci ma anche semplici da utilizzare. Impieghiamo circa quindici barre meccaniche, movimentate verticalmente da una console grazie ad un apposito software, e inoltre ci sono delle rotazioni di oggetti realizzate manualmente.
“Abbiamo anche l’acqua vera – conclude Stefano – con un meccanismo ingegnoso ma alquanto semplice: c’è una vasca, dentro la quale c’è un contenitore a cui è legata una corda che va su in graticcia e poi riscende in palcoscenico: io tiro la corda, il contenitore gira, riempie questa vasca che ha una piccola fessura da cui scende l’acqua producendo un effetto cascata simile a quello del film. Sul palco c’è poi una grata, con una vasca in PVC, in cui cade la maggior parte dell’acqua... poi noi diamo un’asciugatina a quella che cade fuori!”

 Produzione

Service audio Artwise Production
Service luci New Light
Scenografie Laboratorio Scenografica Pesaro Trecento

Materiale luci

18 Robe BMFL Blade
18 Robe Spider
16 Light Sky Bumble Bee F330 Beam
2 Martin Mac Aura
4 SGM G-Spot Profile
2 Martin Atomic 3000
2 M&L Lumipix 12Q LED rgbw
4 LUMIPAR
18 IQ pro LED rgbw
30 SGM Q7
10 ETC Source 4 Colorspot LED
16 ETC Source 4 750 W
4 Scroller ETC
14 ETC ottiche 26° + tg
12 ETC ottiche 36° + tg
1 RJ Heloise 2500
2 MDG Atmosphere CO2
1 Aantari F3 smoke
4 Mini PAR Black 50 W
36 ch dimmer

Console

1 MA Lighting grandMA2 Light

Materiale audio

Impianto FoH
18 d&b audiotechnik Q1
8 d&b audiotechnik Qsub
8 d&b audiotechnik T10
10 d&b audiotechnik E3
4 d&b audiotechnik E8
10 d&b audiotechnik D12
3 d&b audiotechnik D6
8 d&b audiotechnik E-pac

Regia FoH

1 DiGiCo SD8 (Stealth Core 2)
1 Yamaha SPX2000
1 d&b audiotechnik R70

Palco

1 DiGiCo SD8-24
4 d&b audiotechnik E12
7 d&b audiotechnik E3

Radio

11 Sennheiser EM3732-II Dual receiver
22 Sennheiser SK5212 Bodypack transmitter
2 Sennheiser SKM5000 Hand held transmitter
2 Sennheiser ME5005 hand held capsule
8 DPA 4060 miniature mic
16 Sennheiser MKE1 Miniature mic

Intercom

3 Greengo Ethernet switch 5 port
6 Greengo BPX multi-channel bodypack
1 Greengo MCDX
4 Greengo WBPX wireless bodypack

Scena

14 Tiri di graticcia motorizzati
2 Carri orizzontali manuali

b IMG 6406

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

Vuoi vedere altre foto e rimanere aggiornato sugli ultimi concerti? CLICCA QUI!

vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Galleria immagini

Ultimi Articoli

Nina Zilli – Modern Art Tour

Il Modern Art Tour di Nina Zilli ha preso il via sabato 14 ottobre dal Vidia di Cesena, per una quindicina di date nei club e nei teatri.

Live Concert

Leggi tutto...

Al Bano e Romina in concerto a Cattolica

Una delle più celebri coppie della canzone italiana è tornata recentemente sul palco, dopo anni di separazione. Abbiamo assistito alla data di Cattolica dell'ultimo tour, sulla Riviera Adriatica, in un...

Live Concert

Leggi tutto...

Sanremo 2018

Il Festival della canzone italiana diretto da un grande cantante italiano.

Produzioni e studi

Leggi tutto...

Newton Outline

Il nuovo processore/router audio, altamente tecnologico, è stato recentemente presentato dall’azienda bresciana che continua a distinguersi, come da tradizione, per l’eccellenza del suo reparto ricerca e sviluppo.

Prodotto

Leggi tutto...

ProLights Mosaico

Un nuovo proiettore di immagini per applicazioni outdoor con grado di protezione IP65, progettato per la proiezione di texture, immagini e logo su strutture e paesaggi.

News

Leggi tutto...

Il broadcasting con gli schermi LED

Schermi led, Lighting e Macchine da presa in scena per ricreare il professional broadcasting presso la sede lombarda di ARRI, insieme al distributore video bergamasco Wave&Co

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Cameo Zenit W600 – proiettore a LED IP65

Il nuovo proiettore a LED di Cameo Light rappresenta un grande passo avanti per il marchio del gruppo Adam Hall, in termini di potenza e caratteristiche. 

Prodotto

Leggi tutto...

dB Technologies VIO L212

Prolight+Sound 2018 ha visto il debutto del primo impianto line array di grande formato con cabinet in legno del costruttore emiliano dB Technologies.

News

Leggi tutto...

Live You Play @ MIR 2018

Dodici palchi: 72 spettacoli dal vivo, 72 demo di prodotto e 36 virtual check nei tre giorni di manifestazione

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:19499

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19121

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16855

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14696

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14624

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:13892

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13302

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:13228

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12635

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12244

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.