Pavarotti, un’emozione senza fine

0
0
0
s2smodern

 di Mike Clark

Una produzione Friends & Partners e Pavarotti Foundation: oltre tre ore di spettacolo, nelle quali è stata ripercorsa la storia umana e artistica del grande tenore Luciano Pavarotti, amato e conosciuto in tutto il mondo, con interviste, clip di repertorio e, soprattutto, tanta musica, nella splendida cornice dell’Arena di Verona a dieci anni dalla scomparsa.Oltre tre ore di spettacolo, nelle quali è stata ripercorsa la storia umana e artistica del grande tenore Luciano Pavarotti, amato e conosciuto in tutto il mondo, con interviste, clip di repertorio e, soprattutto, tanta musica, nella splendida cornice dell’Arena di Verona a dieci anni dalla scomparsa.

Ad assicurare che la scaletta (piena di artisti, ospiti e interventi esterni) scorresse come un orologio di precisione, ci ha pensato la squadra di F&P, capitanata dal produttore esecutivo Orazio Caratozzolo.

Per un’integrazione perfettamente equilibrata fra musica lirica, orchestrale e pop e per catturare ogni sfumatura dei tributi, anche parlati, dei numerosi partecipanti (compreso un intervento di Ron Howard da Londra), è stato impegnato un team di fonici di grande esperienza. Daniele Tramontani e Marco Monforte (FoH), Umberto Polidori e Gianluca Bertoldi (palco), al timone di quattro console DiGiCo SD7 che conoscono nei minimi dettagli, ai quali si sono aggiunti Maurizio Parafioriti e Maurizio Maggi (broadcast musicale) con due SSL L500.
Un’emozione senza fine era il titolo della serata e, effettivamente, l’emozione era alta, non solamente sul palco fra gli artisti, ma anche fra i tecnici, molti dei quali avevano lavorato con Pavarotti.

Daniele Tramontani collabora da ormai una ventina di anni con la Fondazione Pavarotti, prima per alcuni concerti con il Maestro, poi come responsabile audio di alcune edizioni di Pavarotti & Friends; dopo la scomparsa di Pavarotti ha lavorato alla gestione tecnica dei concerti a lui dedicati a Modena ogni anno.
“Il mio coinvolgimento in questo progetto – spiega Daniele – insieme ad Agorà (fornitore audio e luci – ndr) è partito alcuni mesi prima della rappresentazione. In un primo meeting organizzato dalla produzione F&P con la Fondazione, sono stati definiti i contorni generali dell’operazione. Io mi sono occupato dell’aspetto audio, della channel list, degli schemi di connessione, della disponibilità dei materiali, ma anche di console, network, connessione verso terzi (RAI), etc.
“Dal punto di vista tecnico – continua Daniele – mettere in piedi questa cosa non è stato facile: c’erano oltre duecento canali audio, tre regie (palco, FoH e broadcast) l’ultima delle quali mandava il suo mix all’OB van della RAI, dove venivano aggiunti i parlati ed effettuata la messa in onda televisiva.
“Inizialmente avevo immaginato tutto MADI, non in rete, ma successivamente, per maggior sicurezza, la stessa Agorà ha chiesto di introdurre degli splitter analogici.
“Sembra abbastanza semplice – dice Daniele – invece era piuttosto complesso… per esempio, la voce di Pavarotti partiva a tempo, una persona sul palco con due computer faceva partire il click per il maestro che guidava l’orchestra e, contemporaneamente, partiva un codice SMPTE per un video server con le immagini di Pavarotti, sempre in sync. Si doveva garantire una ridondanza totale, fondamentale per un progetto così complesso e trasmesso ‘live’: niente poteva e doveva andare storto!”.

Luca Giaroli, consulente Direct Out Technologies per quanto riguardava le matrici e la ridondanza per la messa in onda del playback, collaborava con Tramontani per ottimizzare il livello di ridondanza.
“Il progetto iniziale di Daniele era ‘full-digital’ – ci dice Luca: si dovevano raccogliere tutti i segnali microfonici e di linea dagli stage rack DiGiCo e uscire in MADI puro, per poi splittare il MADI attraverso delle matrici DOTec, così da indirizzare i segnali alla registrazione, alla console broadcast e all’anello Optocore per le regie FoH e monitor.
“In seguito – continua Luca – prima delle prove di produzione a Brescia, per ottenere la massima sicurezza, si è deciso di fare in maniera tradizionale e, saltato il concetto di condividere i segnali digitalmente, sono stati impiegati oltre duecento canali di splitter analogici.
“Da questi splitter è rimasta ‘salva’ la parte del progetto che portava i segnali alle console DiGiCo attraverso gli stage rack, dai quali noi abbiamo prelevato il segnale MADI per arrivare a due matrici DOTec M1.K2, in mirror per ridondanza, e da quelle distribuire i vari segnali dei preamplificatori anche alla registrazione.
“Visto che c’erano tante tracce di contributi in playback, in particolare la voce di Pavarotti, non potevamo permetterci di avere dei problemi, quindi abbiamo curato in particolare la ridondanza della diffusione del playback. C’erano due Mac connessi a due apparati DOTec EXBOX.BLDS, utilizzati appositamente per avere la ridondanza in tempo reale, che ricevevano i flussi incrociati e sincronizzati. Grazie al loro Buffer Loop Detection System, questi assicuravano uno ‘swap’ non udibile in caso di problemi. Quindi, se fosse venuto a mancare il playback di uno dei computer, l’altro sarebbe intervenuto automaticamente. Da qui abbiamo preso due strade completamente separate verso le due matrici DoTec che distribuivano a tutti il segnale: sala, palco e broadcast, con la problematica che per la messa in onda abbiamo dovuto mettere due MADI.SRC (convertitori di frequenza di campionamento – ndr), perché il segnale era analogico. Praticamente, la messa in onda era autonoma a livello di clock, mentre sala e palco erano clockati assieme.
“Per soddisfare le esigenze della regia OB, – continua Luca – c’era uno split ulteriore dei soli microfoni dei presentatori, che chiaramente veniva diffuso a tutti, anche alla messa in onda. Quelli la RAI li prendeva in modo indipendente, così che l’OB van che gestiva la messa in onda finale, oltre al mix del concerto artistico, potesse regolare anche il livello dei singoli microfoni”.

“Nella postazione FoH – aggiunge Tramontani – io e Marco Monforte abbiamo condiviso il mix: io mi sono occupato dell’orchestra, di cui inviavo un L/R a Marco, il quale aggiungeva tutto il resto, cioè band, voci ecc., confezionando il mix finale per il pubblico.
In presenza di grandi impianti di diffusione, l’orchestra di solito richiede un elevato numero di microfoni, e infatti, in questa occasione, sono stati usati in totale un centinaio di microfoni – quasi tutti Schoeps e DPA e solo in parte AKG C414.
“Per questo progetto – dice Tramontani – la rete ottica è stata usata per condividere i segnali provenienti dagli oltre 200 convertitori tra le quattro SD7 e le due SD11, oltre a scambiare segnali ausiliari, copie di segnali, MADI, mix di scorta e ridondanze, etc. L’uso di un network sincrono affidabile, insieme ad una gestione attenta dei sistemi di connessione e delle sue ridondanze, è oggi l’elemento fondamentale nella realizzazione di eventi di questo genere”.

“Io mi sono occupato della band – aggiunge Marco Monforte – dei cantanti lirici e pop, delle sequenze e degli strumentisti ospiti, come i 2Cellos. Daniele mi mandava un mix dell’orchestra ed io lo chiudevo con band elettrica, voci, ospiti e ambienti. Il tutto supervisionato da Daniele, responsabile audio del progetto. Francesco Passeri, oltre al suo ruolo cruciale di assistente FoH, con una SD11, ha seguito e mixato i parlati, i contributi RAI, i collegamenti esterni eccetera, permettendoci di dedicarci esclusivamente al delicatissimo aspetto musicale”.

Il PA consisteva in 15 + 15 K1 sul main, con tre K2 downfill, 14 + 14 K2 come side e 24 KS28, i nuovi sub L-Acoustics, montati in una configurazione cardioide arcuata, con sopra otto 12xt a fare da front-fill. Tutto governato da due Galileo e dalla rete L-Acoustics (nonché dal fedele SIM di Tramontani). Sono stati impiegati 42 amplificatori LA8 per tutta la parte appesa, oltre a nove LA12X nuovi per i sub.

La regia monitor con Gianluca Bertoldi (sx) e Umberto Polidori

Dietro le quinte, Umberto Polidori spiega: “La mia SD7 gestisce i ritorni per la band (la sezione ritmica) tramite ascolti a cavo Shure P9HW con un mix L/R, escluso il batterista, il quale ha un mixerino Mackie con una gestione separata. Gestisco, inoltre, gli ascolti dei cantanti ospiti (pop e lirici), che utilizzano IEM Sennheiser SR2050 e wedge monitor L-Acoustics 112xt, e i parlati dei presentatori e gli ospiti”.

Gianluca Bertoldi, invece, gestiva gli ascolti di tutta l’orchestra, tramite altri Sennheiser SR2050, con più di 70 bodypack, e gli ascolti dei direttori di orchestra, sempre tramite IEM e due wedge monitor L-Acoustics 108P.
“In tutte e due le consolle – ci ha detto Gianluca – transitavano tramite anello Optocore i segnali provenienti da quattro SD-Rack DiGiCo, un totale di 224 canali di input di cui 168 utilizzati.
“Tramite l’anello Optocore, Umberto mi mandava dei premix della band e delle voci sulla mia console ed io ‘ricambiavo’ con dei premix delle sezioni di orchestra”.

Gli input venivano splittati in analogico passivamente tramite Radial 0X8, e indirizzati sugli SD-Rack del sistema DiGiCo Monitor/FoH e sugli splitter SSL della regia broadcast. Per lo splitter di tutti i microfoni del canto si è scelto di usare Midas DL431 attivi, in modo che la RAI avesse i microfoni splittati da gestire autonomamente per i parlati.
Un’altra SD11 gestiva le comunicazioni tra le varie postazioni: Monitor, FoH, Broadcast, Video, Sequenze, Direttori d’orchestra, Stage Manager e Backliner.
Sul palco c’erano anche due registratori, ognuno con sei schede MADI, in grado di registrare sei flussi MADI da 64 canali ciascuno. Lorenzo “Moka” Tomassini era responsabile della registrazione della serata e delle prove (permettendo ai fonici di eseguire dei soundcheck virtuali senza la presenza degli orchestrali o degli artisti).

Giovanni Blasi, un altro veterano della scena pro audio, segue la rete commerciale della Solid State Logic in Italia da anni e spiega: “Ero all’Arena in veste di supporto, perché per il mix musicale broadcast erano impiegate due superfici di controllo SSL Live L500 che controllavano lo stesso motore, e i due fonici – Maurizio Parafioriti e Maurizio Maggi – hanno deciso di dividere le sessioni. Ovviamente era tutto ridondante e, in caso di problemi, la macchina che faceva da remote poteva diventare il motore”.

Tramontani aggiunge: “Abbiamo ‘recuperato’ Maggi dal mondo del video, al quale recentemente si è dedicato sempre di più, e ne sono contento, perché è uno dei depositari del lavoro che abbiamo fatto a Pavarotti & Friends, quindi costituiva una sorte di continuità”.

La regia musicale broadcast con Maurizio Parafioriti (in fondo) e Maurizio Maggi alle due console SSLMaurizio Parafioriti è un fonico con oltre vent’anni di esperienza in studio di registrazione (in particolare con la scuola dei cantautori bolognese). Ultimamente lavora sempre più anche nel settore del broadcast e ha grande competenza nel settore negli spettacoli musicali, lavorando sia con RAI sia con Mediaset.
Per l’evento all’Arena, ha anche collaborato con il direttore d’orchestra Leonardo DeAmicis sul recupero e restauro della voce di Pavarotti, come spiega: “Abbiamo estratto la voce anche da vecchi video RAI – dei vecchi pezzi suonati molto liberamente – quindi mettere il ‘click’ è stato tutt’altro che facile, ma era un passaggio necessario per permettere all’orchestra di suonare con la voce di Pavarotti”.

A garantire la presenza virtuale di Pavarotti durante lo spettacolo, sono stati utilizzati alcuni grandi schermi LED forniti da STS Communication di Bresso (MI), integrati nel set progettato dallo scenografo Marco Calzavara. Nello specifico, c’erano due grandi portali sul palco, composti con 78 m2 di Winvision 8,75 mm e 108 m2 di Acronn Ultra Wave 8,9 mm, mentre i due schermi laterali consistevano in 98 m2 di moduli LEDCompass8. Sul fondo del palco, dove entravano in scena gli artisti e gli ospiti fra le due sezioni dell’orchestra, erano installati 90 m2 di Acronn AirLED 5,2 mm

Per quanto riguarda i contenuti, la società che si è occupata dell’evento è stata Unidea Group di Fabio Pastore.
I contributi erano di due tipi: i duetti virtuali, gestiti tramite timecode, e quelli “live”, gestiti dal tecnico media server, Lorenzo Romeo.
La regia videoI contributi video sono stati realizzati dai grafici Luca Pieracci e Diego De Angelis, utilizzando Adobe After Effects e Cinema 4D, mentre i contributi per i duetti virtuali sono stati realizzati da Vittorio Stasi e Luca Pieracci e montati con Adobe Premiere.

Romeo ci ha spiegato: “Trovare pezzi di Pavarotti adatti all’inserimento nei vari brani non è stato facile, perché non esistevano registrazioni di telecamere che inquadrassero solo il Maestro, quindi si è dovuto ricorrere a spezzoni da vari filmati, che sono stati ricomposti, mettendo in sincronia i labiali di Pavarotti con la voce nella traccia audio”.

Per la gestione dell’impianto LED è stato usato Dataton Watchout con il software WOCube, realizzato da Romeo, che trasforma Watchout in una macchina per eventi live.

“Abbiamo impiegato 12 uscite 1920x1080 per gestire tutti i LED wall – ha aggiunto Romeo – sei main e sei di backup a caldo smistati da una matrice Lightware MX 16x16DVI”. Unidea si è anche occupata della messa in onda dell’infografica tramite la sua regia mobile, con l’utilizzo del software proprietario DegesonPlay”.

Da sx: Andrea Coppini, Marco Lucarelli e Cosimo Mimmo Labbate

Al timone della regia luci (un paio di MA Lighting grandMA2 Light) di fianco alla console FoH, c’erano il direttore della fotografia Marco Lucarelli, il LD e operatore Andrea Coppini e il secondo operatore luci Mimmo L’Abbate, responsabile dei bianchi.
I motorizzati erano Clay Paky (48 Alpha Profile 1500, 40 wash A.leda B•EYE K20 e 12 proiettori ibridi Mythos 2 ), Martin Professional (24 wash MAC Aura), Robe (24 Pointe), DTS (8 EVO e 24 Brick), e 40 Robe Robin LEDWash1200 (utilizzati per l’illuminazione del pubblico). Il resto del rig era composto da 24 sagomatori ProLights LED Eclipse, 60 blinder e quattro seguipersona Lycian 2 kW.

Dal punto di vista artistico, oltre alla “reunion” virtuale dei Tre Tenori, che hanno modificato l’idea e la percezione della lirica in tutto il mondo, tra i momenti più emozionanti della serata, i due duetti virtuali con Zucchero (Così Celeste e Miserere), e con Fiorella Mannoia, che ha restituito le emozioni del duetto di Caruso (un momento magico, anche grazie al flauto del maestro Griminelli). Altri momenti da brivido sono stati l’esibizione di Giorgia con una versione di Imagine arrangiata dal maestro De Amicis, e la notevole esibizione di Nek nell’Ave Maria. Strepitose le giovani voci liriche della Fondazione Pavarotti… veramente una grandissima emozione!

 

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA
gall icon

 

Vuoi vedere altre foto e rimanere aggiornato sugli ultimi concerti? CLICCA QUI!

vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

Ultimi Articoli

Video: Nuovi Prodotti MILOS 2017

MILOS ha pubblicato un nuovo video sui prodotti della propria gamma introdotti sul mercato a partire dall’inizio del 2017 fino ad oggi.

News

Leggi tutto...

Robe Tarrantula

Il nuovo proiettore a LED Tarrantula ha fatto il debutto europeo a Prolight+Sound 2018, insieme a diverse novità della casa costruttrice ceca.

News

Leggi tutto...

EVOX J8 è il nuovo array verticale portatile a due vie di RCF

La serie EVOX J mantiene le caratteristiche principali dei sistemi EVOX originali, ora in un box in materiale composito pensato per agevolare la portabilità.

News

Leggi tutto...

RCF C MAX

La casa costruttrice reggiana presenta due nuovi diffusori full range per il campo vicino.

News

Leggi tutto...

Sanremo 2018

Il Festival della canzone italiana diretto da un grande cantante italiano.

Produzioni e studi

Leggi tutto...

Corso disguise – Fundamental Training

Il 26 e 27 aprile, a Torino, RM Multimedia organizza un corso di formazione sui fondamentali del sistema di elaborazione video e mediaserver disguise.

News

Leggi tutto...

Live Entertainment Roadshow

Milano – 12 dicembre dalle ore 16:00, Spazio MIL.

News

Leggi tutto...

Fiorella Mannoia – Combattente Tour 2017

Interrotta solo temporaneamente per la sua partecipazione a Sanremo 2017, la perenne tournée della contralto romana è ripresa prima dell’arrivo dei pettirossi primaverili, con un calendario che, grazie alla richiesta...

Live Concert

Leggi tutto...

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della sua carriera, della sua filosofia...

Personaggio

Leggi tutto...

Music Inside Rimini 2018 – +20% di presenze

La manifestazione si conferma punto di riferimento per il settore dello show business.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:19484

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19111

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16846

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14685

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14615

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:13872

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13295

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:13207

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12611

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12234

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.