L’Italia si proietta 
nel mondo – Due grandi produzioni internazionali

0
0
0
s2smodern

di Mike Clark

Per avere un’idea di quanto sia richiesto in tutto il mondo il genio creativo del grande projection designer riminese Sergio Metalli, da parte dei teatri più importanti e dei registi più noti, sarebbe sufficiente sapere che concluderà l’anno 2016 dopo avere preso 53 voli, percorrendo per lavoro un totale di 128.911 km!

In base al tipo di produzione e alle esigenze del regista, il contenuto dei video creati da Metalli è una combinazione di animazioni (anche in 3D) create interamente al computer dai suoi grafici, riprese video in HD (spesso con l’utilizzo di un “green screen”, che permette in un secondo momento di collocare le cose o le persone riprese in un ambiente creato digitalmente) e oggetti reali, con l’aggiunta di effetti digitali ad alto impatto. Memorabile – nell’opera I Capuleti e i Montecchi di Bellini a Ravenna Festival – è stato il momento in cui, in un antico dipinto che rappresentava un castello sotto assedio sullo sfondo del palcoscenico, sono apparse delle fiamme nelle finestre ed è scaturito un rogo (virtuale).

Fra le ultime produzioni alle quali ha partecipato, due sono state particolarmente interessanti.

Rusalka a Pechinoa-Primo-Atto-1

Al Teatro dell’Opera del grande National Centre for Performing Arts (NCPA) a Pechino, sono stati recentemente stabiliti due primati per la Repubblica Popolare Cinese: la prima esecuzione di un’opera lirica ceca ed il primo utilizzo di videoproiezioni 3D in un contesto lirico, create da Metalli e messe in onda durante l’ouverture di ognuno dei tre atti della produzione di Rusalka di Antonin Dvoràk.

L’opera (della quale è stata effettuata una registrazione video in 4K da Accentus Music di Lipsia) racconta dei leggendari spiriti dell’acqua della mitologia slava e della ninfa Rusalka, figlia dello Spirito dell’Acqua, che s’innamora di un principe (umano) che spesso viene a nuotare nel lago in cui lei vive, ma, dato che le ninfe d’acqua non sono visibili agli umani, ignora la sua esistenza. 

Fondatore degli studi Ideogamma, Sergio Metalli ha creato proiezioni acclamate in innumerevoli prestigiosi teatri in tutto il mondo, come il Teatro Reina Sofìa di Valencia, il Teatro Municipal di Rio de Janeiro, il Teatro Real di Madrid, il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro alla Scala di Milano, il Los Angeles Opera, l’Opernhaus di Zurigo e l’English National Opera, per citarne solo alcuni.

Rusalka è stata la sedicesima produzione sulla quale Metalli ha lavorato all’NCPA ed è stato coinvolto dal regista (nonché scenografo e costume designer dell’opera), l’argentino Hugo de Ana.

A fianco a Sergio, a Pechino, c’era Mattia, suo figlio e 3D graphic designer dello studio, che ha seguito le orme del padre da quando era in tenera età (da ragazzo è stato l’operatore Avid più giovane d’Italia). La squadra di Ideogamma era completata da Enrico Pazzagli e Fabio Bellia.

Sono stati utilizzati sette proiettori Barco FLM‑HD20 da 20.000 ANSI lm, 1080p HD, 3-chip DLP: quattro per le proiezioni frontali in 3D ed altri tre per le retroproiezioni “normali”. I quattro media server impiegati per la messa in onda erano modelli custom (Watchout Dataport 4X), con processori Intel i7 e schede grafiche ATI V7900 FirePro, scelte per le loro funzioni di Framelock e Genlock.

“L’idea di utilizzare proiezioni ‘stereoscopiche’ – spiega Metalli – per questa produzione è stata proposta da Hugo, che è venuto in studio da noi e mi ha dato l’input iniziale per il contenuto. Abbiamo guardato un po’ di illustrazioni e mi ha dato una delle parrucche bianche e blu che avrebbero indossato le artiste, parrucca sulla quale abbiamo basato i capelli delle nostre ninfe d’acqua, che alla fine erano più lunghi dei loro corpi e fluttuavano con grande effetto sotto acqua”.

Lavorando sui contenuti per due mesi e mezzo, la squadra ha creato tutto dal nulla: il fondo marino e lo sfondo virtuale dovevano avere grande prospettiva e in vari punti dell’opera appariva il relitto di una nave sul fondo marino e un’enorme cattedrale con le porte che si aprivano e si chiudevano.

La squadra di grafici ha poi popolato le profondità con anemoni che fluttuavano nelle correnti, farfalle, pesci, squali e persino aquile (queste ultime hanno fatto saltare i 2.400 spettatori – fra i quali c’era anche il ministro cinese della cultura – sulle loro poltrone quando sembrava che stessero per volare fuori dallo schermo).

Un sistema di imbragatura è stato allestito negli studi Ideogamma e un acrobata aereo è stato registrato con la tecnica di ‘motion capture’ per creare i movimenti delle ondine nei video. 

Per quanto riguarda l’hardware, Sergio Metalli continua: “Per le proiezioni in 3D ho usato uno schermo custom, che sto brevettando, quindi al momento non posso svelare alcun dettaglio, oltre al fatto che attualmente sul mercato non c’è niente che gli assomigli!”

Un filtro polarizzatore circolare montato su ognuno dei quattro proiettori DLP (due per ogni occhio) permetteva di ottenere i risultati 3D senza l’utilizzo di altre (costose) apparecchiature: serviva soltanto un paio di occhiali polarizzati, inforcato dagli spettatori per alcuni minuti, all’inizio di ogni atto.

“La creazione dei contenuti video in 3D richiede il doppio del tempo per il rendering, infatti Ideogamma ha portato dall’Italia a Pechino una “render farm” composta da 25 computer e il lavoro in teatro prima del debutto è durato tre giorni, con orari molto lunghi”.

Un altro italiano con un ruolo chiave nella produzione era il lighting designer Paolo Mazzon (affiancato dal lighting designer del teatro, Sun Nanpu).

Il parco luci per l’opera comprendeva 60 Clay Paky Alpha 1200 Profile, 40 Clay Paky Alpha 1200 Wash, 30 ADB F201 (L201-L204-L143) 2K Fresnel, 15 ADB DN 10/22 e 70 Par CP62, controllati da una coppia di console MA Lighting grandMA2 Full Size.

“Prendendo in considerazione – spiega Mazzon – il fatto che ci fossero videoproiezioni durante l’intero spettacolo, con Hugo abbiamo deciso di seguire gli stessi tagli di luci delle proiezioni ed il risultato è stato veramente eccellente; una perfetta fusione di proiezioni, luci, artisti e scenografia. I Clay Paky Alpha sono stati particolarmente utili a questo scopo e hanno risposto in modo perfetto da ogni punto di vista”.

Advanced Communication Equipment (Int’l) Co. Ltd, con sede a Hong Kong, è stato il main contractor per tutti i sistemi audio del NCPA. Riguardo all’impianto Meyer del teatro dell’opera, il vicepresidente della sua Divisione Progetti, Ben Lui, spiega: “Il cluster FoH centrale è composto da tre diffusori a lunga gittata MSL‑4, tre down-fill DF‑4 e quattro subwoofer PSW‑2. Ognuno dei due cluster laterali comprende otto diffusori full-range CQ-1 su entrambi i lati e ci sono due ulteriori subwoofer 650‑P a sinistra e a destra front of house”.

Dodici diffusori MM-4 hanno svolto il ruolo di front fill, i diffusori sotto i due livelli di balconata erano una combinazione di UPM‑1 e UPJ‑1. Inoltre 22 UPJ-1 sono stati installati a parete per gli effetti.

Il sistema è stato completato da altri 38 diffusori UPJ-1P compact VariO posizionati strategicamente, mentre un processore MM‑4 CEU era collegato al software di controllo RMS per il monitoraggio del sistema. Le console impiegate sono una Studer Vista 8 ed una Soundcraft MH4‑32.

Prima di prendere il volo per iniziare il lavoro per il sessantesimo anniversario del Festival di Baalbeck in Libano, per poi tornare di nuovo in Cina con De Ana per una produzione di MacBeth, Sergio Metalli, entusiasta, ha detto: “Hugo ha fatto un lavoro bellissimo e fantasioso su questa produzione, veramente brillante! 

“In seguito ai grandi risultati ottenuti con questa produzione, stiamo rafforzando i nostri servizi 3D, per assicurare ancora più innovazione tecnologica in futuro. Ci siamo aggiornati costantemente dalla nostra prima opera lirica importante con video proiezioni nel 1999, e intendiamo continuare così, per precedere il mercato, non seguirlo!”

Sailing through Time in Libanob-1V9A2284

Lanciato nel 1956, il Festival Internazionale di Baalbeck in Libano è l’evento culturale più antico è più prestigioso del Medio Oriente. Fra le spettacolari rovine dei templi di Bacco e di Giove (non solamente i templi romani più grandi mai costruiti, ma anche i meglio conservati al mondo), ospita commedie di caratura mondiale, serate libanesi, opere liriche, concerti di musica classica, pop, jazz ad altro, nonché danza (moderna, classica ed etnica).

Gli organizzatori hanno commissionato al Caracalla Dance Theatre la creazione di uno spettacolo originale intitolato Sailing through Time (Navigando nel Tempo) per festeggiare i 60 anni del Festival.

Caracalla Dance Theatre è stato fondato negli anni Settanta da Abdel Halim Caracalla ed è l’unica compagnia di danza teatrale rinomata a livello internazionale che promuove il patrimonio culturale arabo in un contesto moderno. Nato proprio a Baalbeck, Caracalla ha studiato a New York con Martha Graham, da molti considerata la più grande danzatrice statunitense del ventesimo secolo, nonché “madre” della danza moderna.

Uno dei motivi di fondo del successo della compagnia è la sua capacità di creare una fusione unica di stili classici, moderni ed arabi. Oggi, la visione del fondatore è portata avanti dal figlio Ivan (l’attuale direttore) e da sua figlia Alissar (la coreografa).

Lo spettacolo aveva un cast di circa 180 artisti, che comprendeva danzatori mongoli, artisti indiani (danzatori, musicisti e cantanti), cinque iraniani e danzatori libanesi del CDT. 

Anche qui le proiezioni di Metalli hanno giocato un ruolo fondamentale e, anche se ispirato alla Via della Seta, il racconto effettivamente ha stravolto la storia vera, come spiega Metalli: “Le immagini riguardano la storia di un viaggio alla ricerca di una nuova via della seta e, mentre Marco Polo era arrivato in Cina via terra ed era tornato via mare, questa storia racconta di un viaggio cominciato via mare e finito via terra”.

Al centro della storia un navigatore Yemenita, Almirante (Ahmad b. Majid al-Najdi), scelto come navigatore da Vasco da Gama. L’uomo ha introdotto uno strumento arabo di navigazione, la bussola magnetica (che Metalli ha sostituito con un affascinante astrolabio).

Il percorso parte da Baalbek, arriva a Byblos, capitale fenicia, per approdare ad Alessandria d’Egitto, poi giunge a Muscat e a Kolkota. Prosegue fino al sud della Cina, poi Xi’an, l’antica capitale, e Beijing, alla corte dell’imperatore nella Città Proibita (siamo tra il primo e secondo decennio del 1500, dinastia Ming). Infine attraversa il deserto del Taklamakan, Samarcanda, Esfahan e Shiraz, per poi tornare a Baalbek.

Per raccontare visivamente l’incredibile viaggio, la squadra Ideogamma (Sergio, Mattia, Enrico Pazzagli e Roberto Ajovalasit) ha proiettato i video su sette periatti girevoli alti otto metri e rivestiti con materiale simile alla pietra dei templi. Sono stati utilizzati tre proiettori installati in configurazione verticale sopra una torre.

Mattia Metalli spiega: “I tre videoproiettori Barco FLM-R22 3DLP da 22.000 ANSI lm e risoluzione 1400 x 1050 sono stati noleggiati sul posto, mentre da Rimini ci siamo portati una workstation grafica con processore octa-core e tre workstation grafiche con processori esa-core per la produzione delle immagini, un NAS server con 8 terabyte di storage, 25 Qube Render con processori quad-core per il rendering delle immagini e una scheda audio Motu da otto canali”.

Per la messa in onda, Ideogamma ha impiegato Dataton Watchout V.6, e fra i vari software utilizzati per l’elaborazione delle immagini c’erano Photoshop, Adobe After Effects per la postproduzione video, creazione di animazioni ed effetti special, e Autodesk 3DS Max per il rendering, l’animazione e la modellazione 3D . 

Sul luogo, Metalli ha anche allestito uno schermo per le riprese con green screen (carovane in viaggio, cavalieri ed altri personaggi della tradizione).

Oltre a più di settanta proiettori Clay Paky (una combinazione di Alpha Profile, Alpha Spot 1200 HPE e 575, Mythos e Sharpy), il lighting designer dello show, il toscano Vinicio Cheli, frequente collaboratore di Metalli, ha anche messo in campo MAC Aura LED wash light, Robe Robin 600 wash, Light Sky F1000 Profile, Light Sky Aqua Beam, ETC Source Four, Big China LED, Cyclops barre LED e Cree LED PAR. Questi, oltre a quattro seguipersona Strong SuperTrouper, erano tutti gestiti da una console grandMA2

La responsabilità di assicurare al pubblico sulle tribune davanti al tempio l’intelligibilità del racconto del narratore e l’ascolto dei dettagli delle musiche era del fonico Giancarlo Gennaro, al timone di una console Yamaha PM5D.

“Il service audio – spiega Gennaro – era Fida Zalloum s.a.r.l. e, insieme a due tecnici ed un responsabile tecnico del service, Raffaella Gatti si occupava dell’audio sul palco con uno Yamaha LS9, e anche di tutto il sistema intercom digitale Green-GO (otto beltpack cablati e sei radio).

Il main L/R era composto da 12+12 JBL VT4888, posizionate su torri layer alte 14 metri ai lati del palco, appositamente acquistate per questo evento da un fornitore del festival che ringrazio per il supporto di manovalanza per le strutture. I delay erano composti da 8+8 VT4887A, posizionati sempre su torri da 14 metri a circa metà gradinata. Sopra i sedici sub Electro-Voice MTL2C, installati sotto il palco in configurazione arc delay, abbiamo messo altri quattro VRX900 come front fill”.

I monitor JBL sul palco erano sei VRX900 usati come side fill; il grande palco era diviso in cinque zone con due VRX900 ciascuna, aggiungendo sei EON15 G2 per i camerini, sparsi in ogni angolo nel tempio di Bacco per ospitare gli artisti.

I finali erano Crown I-Tech 6000, tutto gestito da Meyer Sound Galileo 616 e processato da XTA DP226.

Riguardo il compito di microfonare le campanelle delle danzatrici indiane, Gennaro spiega: “Ho posizionato due microfoni mezzo-fucile DPA 4017C in linea centro fronte palco, distanziati di 3 metri, e due dietro in modo uguale, tutti all’altezza di dieci centimetri dal pavimento del palco, coprendo così la zona nella quale danzavano le ballerine”.

Gennaro gestiva anche quattro radiomicrofoni DPA 4099 / Shure per le percussioni arabe e una serie di DPA d:fine Omni headset 4066, indossati dal narratore e da cinque attori, mixati live. Le varie sezioni della registrazione multitraccia dell’orchestra (con un’originale combinazione di strumenti classici ed etnici) sono state mixate live durante lo spettacolo, insieme ai cori preregistrati.

Durante mesi di appassionata ricerca per i contenuti video, Metalli ha preso elementi delle varie civiltà incontrate lungo il viaggio, personalizzandoli ed assemblandoli in una serie di oggetti ed ambienti fantastici ma apparentemente reali (tappeti tribali, valli di templi, etc.).

“Ho pensato di rendere accattivante lo spettacolo utilizzando tantissime sequenze di fantasia. Il primo incontro operativo lo abbiamo fatto a dicembre 2015 e il lavoro di preproduzione ha richiesto oltre due mesi. Le musiche, tutte composte appositamente, sono state ideate dal maestro iraniano Mohammad Reza AliGholi, che ha composto le musiche per oltre 230 film”.

Anche il ritorno a Baalbeck è stato un’idea di fantasia di Metalli nel racconto: “I primi a ritornare a Baalbeck erano i cavalieri (così ho pensato), per cui ho ideato un arrivo con dei mitologici cavalli di fuoco. C’era fuoco anche all’inizio dello spettacolo, quando danzavano sette ‘vestali’ che pregavano il dio del fuoco. All’inizio del balletto erano statue di marmo, poi danzavano e in seguito ritornavano statue di marmo, una per ogni periatto, mentre sul palco arrivavano i ballerini reali… tutta fantasia quindi, ma con cenni storici”.

Tara-Maria Abela del Caracalla Dance Theatre spiega il “messaggio” che lo spettacolo voleva comunicare: “Lo spettacolo ‘naviga’, a livello geografico e storico, per fare rivivere alcuni degli eventi che hanno arricchito l’umanità con rapporti sociali che hanno formato un cammino storico per numerose civiltà ed in diverse epoche. Il viaggio nel tempo ha sempre illuminato l’immaginazione di scrittori, artisti e poeti e, tramite il nostro spettacolo, abbiamo evidenziato l’importanza degli incontri fra civiltà e le loro interazioni e modernizzazioni nel tempo. Esaltandoli, celebriamo questi incontri nell’unicità dell’umanità, che incarna le diversità nelle varie civiltà - siano esse culturali o etniche - nel nome dell’amore e della pace”.

Dopo l’evento, Metalli senior ha detto: “Fare uno spettacolo in questa area a forte partecipazione di Hezbollah, a 15 km dal confine con la Siria, è stata una bella cosa per il Libano perché è un segnale di ritorno alla normalità in una regione devastata dalle guerre fratricide. Vivendo in mezzo alla gente di Baalbeck, che è una piccola città fra moschee e chiese cristiane, mi sentivo testimone di una realtà che la gente non conosce. È stata un’esperienza molto forte sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista umano”.

Grazie al successo riscosso a Baalbeck, lo spettacolo continuerà con un tour internazionale in fase di definizione. 

 

Vuoi leggere altre notizie e approfondimenti dal mondo delle installazioni? CLICCA QUI

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 

Ultimi Articoli

GLP JDC1

Lo strobo a LED JDC1, prodotto dall'azienda tedesca GLP, offre diverse interessanti particolarità, mai viste finora in una strobo.

News

Leggi tutto...

Prolyte BGR70

Una nuova serie di travi reticolari americane in alluminio con elementi a sezione quadrata.

News

Leggi tutto...

Revolution, Musica e Ribelli 1966 – 1970. Dai Beatles a Woodstock

Alla Fabbrica del Vapore di Milano una mostra sulla coloratissima rivoluzione culturale rock del ‘900

Installazioni

Leggi tutto...

Audiotonix acquisisce Solid State Logic

Un pezzo di storia passa di mano: Peter Gabriel, dopo aver passato gli ultimi 12 anni come maggior azionista del rinomato marchio britannico SSL, ha ceduto al nuovo proprietario inglese...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Blackmagic Design annuncia il nuovo ATEM Television Studio Pro HD

Un avanzato switcher di produzione live, integrato ad un pannello di controllo fisico e ricco di potenti funzioni tra cui connettività HDMI e SDI, multiview, talkback e DVE.

News

Leggi tutto...

Corso GrandMA2 Advanced

Molpass ha organizzato un corso di livello Advanced dedicato alla console GrandMA2 di MA Lighting, nel prossimo mese di maggio presso la propria sede di S. Giovanni in Persiceto (BO).

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Radio Italia Live – White Mobile e Yamaha Rivage PM10

L’edizione del 2017 del concerto di Radio Italia si è svolta a Milano e Palermo con il consolidato set di orchestra classica e band.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Gianna Nannini – Amore Gigante Tour

Il concerto di Gianna Nannini all'RDS Stadium di Rimini lo scorso 29 novembre: le nostre immagini in anteprima

Live Concert

Leggi tutto...

Audio networking - Quarta Parte

Nelle scorse puntate di questa serie di articoli abbiamo richiamato i fondamenti del trasporto dati in rete. Ora cerchiamo di entrare nello specifico e approfondiamo un po’ le caratteristiche di...

Tecnologia

Leggi tutto...

Libera sulla spiaggia

La copertura Alusfera 76 II di LITEC è stata recentemente scelta come palco principale per una serie di concerti ed eventi sulla spiaggia unica: Summer Beach Arena a Rimini.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:18542

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:17621

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16308

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14266

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14137

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:12849

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:12286

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Live Concert

Hits:11859

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:11513

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:11478

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.