S&L_131 - page 4-5

2
SOUND
&
LITE
n. 131
_2018
EDITORIALE
Direttore responsabile
Alfio Morelli:
Caporedattore
Giancarlo Messina:
Coll. di Redazione
Douglas B. Cole:
Michele Viola:
Grafica ed impaginazione
Liana Fabbri:
In copertina:
Lorenzo Jovanotti
foto: Michele Lugaresi
Hanno collaborato:
Livio Argentini, Francesco Galarà,
Marco Re.
Amministrazione
Patrizia Verbeni:
Stampa
Pazzini Editore
Direzione, Redazione e Pubblicità:
Strada della Romagna, 371
61121 Colombarone – PU
Telefono 0721 209079
Aut. Trib. di Pesaro n. 402 del 20/07/95
Iscrizione nel ROC n.5450 del 01/07/98
5.000 copie in spedizione a:
agenzie di spettacolo, service audio -
luci - video, produzioni cinematografiche,
produzioni video, artisti, gruppi musicali,
studi di registrazione sonora, discoteche,
locali notturni, negozi di strumenti
musicali, teatri, costruttori, fiere,
palasport...
La rivista Sound&Lite e il relativo
supplemento, Show Book, contengono
materiale protetto da copyright e/o
soggetto a proprietà riservata.
È fatto espresso divieto all’utente di
pubblicare o trasmettere tale materiale e
di sfruttare i relativi contenuti, per intero
o parzialmente, senza il relativo consenso
di Sound&Co.
Il mancato rispetto di questo avviso
comporterà, da parte della suddetta,
l’applicazione di tutti i provvedimenti
previsti dalla normativa vigente.
SOUND&LITE
maggio/giugno 2018_n.131
Questo periodico è associato alla
Unione Stampa Periodica Italiana.
Cari lettori,
di Giancarlo Messina
eccoci già in primavera ed eccoci di nuovo al MIR, fiera italiana in
cui il numero 131 di Sound&Lite, quello che avete in mano, viene
presentato al pubblico fresco fresco di stampa.
Ci trovate dentro servizi molto interessanti che riguardano show di
tutte le dimensioni, dalla faraonica produzione di
Jovanotti
alla
piccola ma davvero efficace produzione della giovane
Levante
.
Facciamo invece solo una breve presentazione di “Michelangelo and
the Secrets of the Sistine Chapel”, colossal prodotto con un budget
da
9 milioni di Euro
di cui ci riserviamo al più presto di appro-
fondire gli aspetti tecnici.
Una notizia che ci è arrivata, e che ci ha fatto fantasticare sui suoi
possibili sviluppi, è invece
l’accordo fra la romana Tre Ti e
il colosso mondiale AED
, specializzato soprattutto nel cosid-
detto “noleggio a secco”. Cosa significa? Significa che presso l’a-
zienda italiana, entrata appunto nel network AED, sarà possibile no-
leggiare qualsiasi quantità di materiale audio-video-luci-strutture di
altissimo livello, ma senza il personale preposto alla messa in opera.
Cioè puro noleggio (
Dry Hire
, appunto).
Certamente il primo business che viene in mente è quello del ser-
vice italiano che va saltuariamente ad integrare il proprio materiale
noleggiando quello del network AED. Ma cosa succederebbe se le
produzioni – pensiamo ad esempio ad aziende nate proprio per cu-
rare la produzione di eventi, come Lemonandpepper o Soup2Nuts
– iniziassero ad assumere professionisti altamente specializzati per
poi noleggiare direttamente il materiale da AED?
Il service
, così
come lo intendiamo noi oggi,
sarebbe del tutto bypassato!
Ma, in compenso, si aprirebbe un
notevole mercato per i
free-lance
di ogni settore e categoria, che verrebbero quindi as-
soldati dalla produzione per gestire il materiale preso a noleggio.
Stiamo certo fantasticando, perché crediamo che la solidità di un ser-
vice, cioè di una azienda strutturata, continuerebbe a fornire una
garanzia che difficilmente si avrebbe nel caso del solo noleggio a
secco; ma non è poi detto: anche questo, in fondo, dipenderebbe
dallo spessore professionale dei free-lance assunti. Potrebbero addi-
rittura nascere
“service” di soli professionisti
specializzati
nella gestione del materiale noleggiato dalla produzione! Perché no?
Ovviamente tutto poi passerebbe dalla calcolatrice, cioè bisognereb-
be quantificare il reale risparmio economico di tutta l’operazione.
E voi cosa ne pensate? Se volete farmi sapere la vostra scrivetemi a
... e magari apriremo un’apposita discussione
sul Facebook della rivista!
info:
With DeltaQ technology, new ShowMatch array loudspeakers more precisely
direct sound to the audience in both installed and portable applications.
Each array module offers field-changeable waveguides that can vary
coverage and even create asymmetrical patterns. The result is unmatched
sound quality and vocal clarity for every seat in the house.
Learn more at SHOWMATCH.BOSE.COM
©2017 Bose Corporation.
NEXT-GENERATION
ARRAYTECHNOLOGY
P ROF E S SIONA L
ShowMatch™ DeltaQ™ loudspeakers
provide
better coverage for outstanding vocal clarity.
1,2-3 6-7,8-9,10-11,12-13,14-15,16-17,18-19,20-21,22-23,24-25,...100
Powered by FlippingBook